change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - barcellona 2010 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.

Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

08/12/2016
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
5 Ottobre 2010 19:00 | Centro della città vecchia

Barcellona 2010 - Intervento di Andrea RICCARDI



Andrea Riccardi


Storico, fondatore della Comunità di Sant’Egidio

Illustri rappresentanti delle Chiese cristiane e delle grandi Religioni mondiali,

in questi giorni ci siamo scambiati pensieri, preoccupazioni, sogni, propositi. Assieme ai leader religiosi, che ringrazio, tanti, catalani o amici venuti da varie parti d’Europa, hanno partecipato con le loro domande, con la loro presenza costruttiva. Molti amici della Comunità di Sant’Egidio hanno lavorato volontariamente e appassionatamente alla realizzazione di questi giorni. Così ha fatto l’Arcidiocesi di Barcellona e il card. Sistach con vivo senso di ospitalità. A lui si sono uniti gli altri vescovi della Catalogna. Né posso dimenticare le generose istituzioni della Città e della Catalogna.

Barcellona è divenuta un cuore pulsante di dialogo. Si è visto che risponde alla vocazione della città. Dialogo non è parola retorica. Qui è stato la concretezza. Non solo la materia è concreta. Talvolta lo è ben di più lo spirito che, come una corrente, anima la storia. Abbiamo vissuto la pazienza, la fatica, la soddisfazione del dialogo. Il dialogo parte dal riconoscimento dell’altro come membro della famiglia, anche se non mi assomiglia in tanti aspetti. Non voglio eliminarlo, ucciderlo, perché è familiare, ma parlando con lui trovare una comprensione. Questi giorni sono stati un laboratorio di dialogo che abbraccia le religioni, i continenti, i popoli, gli uomini e le donne, partendo dalla convinzione che siamo una famiglia. Utopia? No, una grande speranza. Anzi una grande visione. 

Questi giorni rafforzano la convinzione che è possibile vivere insieme, se si dialoga. Non bastano le istituzioni internazionali, se non le innerviamo di spirito di famiglia che abbraccia i popoli e le singole persone. Si è spento nel cuore di città e di popoli il senso della comunità, del comune destino. Forse non è mai nato quello delle unioni di popoli, come l’Europa. Forse non è mai sorto un diffuso senso del comune destino del mondo intero. Crediamo che le religioni possano innervare la coscienza di un mondo come casa comune dei popoli, perché, parlando di Dio, guardano al di là della prepotenza del presente, dell’abbaglio di quanto è materiale. Chi crede in Dio comprende come la strada delle creature sia quella di un grande e unico popolo che si incammina verso il suo destino eterno. Non c’è forse, cari amici, una domanda profonda che sale verso le religioni? Domanda di orientamento per esistenze ripiegate su di sé? Tante nostre società domandano uno scopo per cui vivere. Tante crisi politiche si spiegano con l’assenza di una missione per cui vivere. Sì, si spiegano con il vuoto.

La pace, anelito e gran bene per chi è in guerra, sembra di poco valore a chi già ne gode, come noi europei. Ma vivere in pace è una risorsa decisiva per compiere una missione. La pace è una ricchezza da investire in un mondo troppo segnato dalle guerre, dai conflitti, dalla povertà. La pace non può marcire in un mondo senza sogni o visioni. La pace non può marcire nei forzieri degli avari o dei miopi. Abbiamo fatto l’esperienza dello spreco della pace nel primo decennio di questo nuovo secolo in tante forme di violenza, nel brutale terrorismo, nelle guerre, nella limitata lotta alla povertà. Ora si deve inaugurare, nel cuore del XXI secolo, un nuovo decennio di pace, di comprensione più radicale tra i popoli, di impegno per ridurre la povertà. Per compiere questo ambizioso programma non bastano agende ben fatte, ma ci vuole spirito, generatore di speranza. 

Noi usciamo da questi giorni a Barcellona con tanta speranza: sempre più convinti che il dialogo sia l’arnese d’oro con cui costruire un mondo migliore, con cui dare pace, con cui vivere in pace. Abbiamo la speranza che, con la forza debole della fede, si possa indirizzare il nostro secolo verso un tempo di pace: pace nella vita dei popoli, tra i popoli e nel cuore degli uomini.

 

{PROGRAMMA_BOX_PP}

Barcellona 2010

Messaggio
di Papa
Benedetto XVI


NEWS CORRELATE
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
15 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona Sant'Egidio e la Comunità Ebraica fanno memoria della ''Notte dei Cristalli''


Testimonianze e una marcia silenziosa da Plaza del Pedró, per dire che non c'è futuro senza memoria
IT | ES | CA
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
tutte le news correlate

NEWS CORRELATE
23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
15 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona Sant'Egidio e la Comunità Ebraica fanno memoria della ''Notte dei Cristalli''


Testimonianze e una marcia silenziosa da Plaza del Pedró, per dire che non c'è futuro senza memoria
IT | ES | CA
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
tutte le news correlate


08/12/2016
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria

Preghiera ogni giorno


Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri