Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - "morire ...terraneo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

"Morire di speranza": a Catania e Palermo in preghiera per coloro che hanno perso la vita nel Mediterraneo


 
versione stampabile

"Morire di speranza": a Catania e Palermo in preghiera per coloro che hanno perso la vita nel Mediterraneo
20 maggio 2011

Mercoledì 11 maggio e giovedì 12 maggio nelle città di Palermo e Catania si sono tenuti dei momenti di preghiera per ricordare i tanti che, in questi mesi, hanno perso la vita nei "viaggi della speranza" verso l'Europa. Dopo la preghiera, lunghe fiaccolate hanno attraversato le città, perchè questa memoria sia condivisa e siano suscitati sentimenti di compassione e di fraternità.

"Morire di speranza" è il nome dato a queste manifestazioni a cui hanno preso parte numerosi anche tanti giovanissimi, i profughi ragazzini ("minori non accompagnati", come vengono definiti)  provenienti dalla Somalia, Eritrea e Tunisia.

Nei loro racconti emergono tanti terrori e tanti dolori: la paura della notte, la nostalgia per la casa e i genitori...

Tutti, in modo diverso, hanno voluto ringraziare per la preghiera e l'accoglienza ricevuta.  "Vivere insieme è possibile": non è solo lo slogan di tanti striscioni, ma un impegno. Ricordare chi è morto per una speranza, ci impegna verso coloro che sono sopravvissuti, affinchè, almeno per loro, quella speranza si traduca in una vita migliore.

Alcune immagini della preghiera e della processione, a Palermo

A Catania

   

 

NEWS CORRELATE
11 Febbraio 2017
COMUNICATO STAMPA

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''


Il presidente di Sant'Egidio: ''Garantire i diritti dei profughi, reintrodurre vie di ingresso regolare anche per motivi di lavoro e approvare subito la riforma della cittadinanza''
6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

1 Febbraio 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

30° Summit dell’Unione Africana, una delegazione di Sant’Egidio incontra il nuovo presidente Moussa Faki

IT | ES | DE | PT
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA
Comunicato Stampa

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni


Firmato un Memorandum di intesa per promuovere e realizzare nuove attività di assistenza rivolte ai migranti in difficoltà
IT | ES | DE | FR | PT
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Febbraio 2017
Main-Post
Abschiebung in die Ungewissheit
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
13 Febbraio 2017
Roma sette
Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti
3 Febbraio 2017
Huffington Post
Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald
24 Gennaio 2017
Huffington Post
Dopo diciotto anni e nove tentativi Cristina è riuscita finalmente a diventare italiana
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1133 visite

1213 visite

1173 visite

1147 visite

1119 visite
tutta i media correlati