change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.

Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo

Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

11/12/2016
Liturgia della domenica

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
12 Settembre 2011 09:00 | Residenz, Vier-Schimmel-Saal

La preghiera: sorgente di pace di Christian Schmidt



Christian Schmidt


Vescovo evangelico, Germania

Si parla di preghiera, si parla di pace. La preghiera è il soffio della fede, la pace è il fondamento per una vita bella e per la convivenza. Come sono legate queste due cose, cosa hanno a che fare l’una con l’altra? In che senso la preghiera è una sorgente, sì, la sorgente della pace?
Cosa significa pace? La pace vive in un contesto di relazioni. L’uomo vive in relazione, nella relazione fondamentale con Dio e con se stesso e nella relazione con gli altri. Queste relazioni sono strettamente correlate perché, per garantire una vera pace, le relazioni devono essere buone.
La pace ha anche a che fare con la libertà e con il sentirsi sicuri. Il teologo cattolico Heinrich Spaemann l’ha espresso così: “Dove si uniscono libertà e sicurezza, lì c’è la pace”. Ogni uomo ha bisogno di queste due cose: sicurezza e amore da una parte, ma dall’altra parte anche libertà, per potersi esprimere e trovare la propria strada. Dio ci dona entrambe le cose, non ci ha creati schiavi, ma uomini che a Lui possono dire “sì”, e a cui Lui ha mostrato il suo amore grandissimo attraverso il Figlio. In questo modo riusciamo a ritrovare l’equilibrio tra le due cose.
La pace è più di un’assenza di conflitto e guerra. In lingua ebraica pace si dice “Shalom”, che vuol dire “salvezza della comunità”. Come si può salvare la comunità, come si possono sanare le relazioni, come possiamo essere liberi e sicuri? La pace è in intima relazione con la fede. L’apostolo Paolo scrive: “Giustificati dunque per fede noi siamo in pace con Dio per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo”. Il valore della nostra vita non dipende da quello che possediamo o dalle nostre prestazioni, dipende da quello che il Dio eterno ha detto ad ognuno: “Tu sei la mia figlia amata, sei il mio figlio amato”. Segno efficace di questa realtà è il santo battesimo. Nel profondo io so di essere un uomo amato da Dio. Questo mi infonde un profondo senso di protezione e mi rende libero. Libero dalla paura della finitezza dell’essere, libero dalla paura di ricevere troppo poco, libero dal dover avere. Libero di esserci, per Dio e per gli altri.
Cosa significa preghiera?
La fede si nutre di preghiera. La preghiera è la conversazione viva con Dio, e conversazione significa sempre tre cose: tacere, ascoltare, parlare. Faccio silenzio. Ascolto ciò che Dio mi dice. Gli rispondo con i miei ringraziamenti e le mie preghiere. E Dio mi ascolta, risponde con la sua Parola, con il silenzio, per mezzo di incontri ed esperienze. Nella preghiera sempre trovo salvezza in Dio. E sento di diventare libero. Nella preghiera posso portare davanti a Lui ciò che mi è di peso: le mie preoccupazioni, la mia timidezza, le mie paure, la mia invidia, il voler avere sempre ragione, tutto ciò che mi ferisce e mi sfinisce. Posso dire: Dio, lo affido a Te, Tu sai chi ha ragione, Tu troverai la strada per me. Nella preghiera sento la sua voce: “Sei prezioso ai miei occhi e ti voglio bene. Perciò non temere, io sono con te”. Così sono certo: Lui si preoccupa di me. E come dice l’Apostolo: “Riversate su di Lui ogni vostra preoccupazione, perché Egli ha cura di voi” Nella preghiera gli rispondo e lo ringrazio: “Grazie, Signore, perché sei vicino a me e a tutti gli uomini, grazie per tutti i Tuoi doni, grazie”. Così sono grato e contento.  Nella preghiera porto a Lui le necessità del mondo, la fame, la povertà, le malattie e mi sento infelice. Infelice perché la comunità non è sana a causa dell’egoismo degli uomini, anche a causa del mio egoismo.

Cosa significa sorgente?
Per mezzo della preghiera sfuggo al circolo dell’ “homo incurvatus in se ipsum”, l’uomo ricurvo su se stesso. Prendo le distanze. Vedo le cose da un’altra prospettiva: cosa vuole Dio per la sua creazione e per i suoi uomini? Alcune cose che mi sembravano importanti si relativizzano. Riconosco cos’è buono e necessario, entro in sintonia con Dio e questa è la vera saggezza.
Nella preghiera si rinnova il mio legame con Dio, sorgente di vita e di pace. Lui stesso diviene per me sorgente di pace. Nella preghiera ricevo la forza per superare la mia pigrizia e la mia paura, la forza di intercedere per altri, di intervenire in favore dei deboli.
La forza della preghiera comune
Siccome siamo uomini deboli, che di continuo ricadono facilmente nel vecchio ed egoistico modo di essere, è così importante la regolarità nella preghiera, la regolarità nell’aver parte a questa sorgente di forza, a Dio. Da soli questo spesso è difficile. La comunità aiuta la preghiera, possiamo imparare dagli ordini religiosi e dalle comunità spirituali. Insieme è più facile mantenere un ordine nella vita spirituale. Si è contenti di stare insieme, fare silenzio insieme, ascoltare, lodare Dio, confrontarsi. E anche pensare come potremmo contribuire noi a rendere un po’ più sana la comunità degli uomini, come far venire la pace. E anche ci aiuta a mettere in pratica concretamente quanto ci è possibile. In questo modo la preghiera nella comunità diventa una particolare sorgente di pace.
Chiedo la benedizione di Dio per questi giorni, affinché possano rafforzare le nostre comunità spirituali e la nostra comunità ecumenica. Secondo il volere di Dio daremo il nostro contributo, affinché la preghiera sia forte e che ne scaturisca la pace.

APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri