change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Gli appuntamenti per ricordare Modesta Valenti e quanti sono morti a causa della povertà e della vita per strada

Il Patriarca della Chiesa etiope Abuna Mathias a Sant'Egidio: Abbiamo visto come mettete in pratica il Vangelo

L'omelia del patriarca nella basilica di Santa Maria in Trastevere.

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità

Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
21/02/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
13 Settembre 2011 11:00 | Campo di Concentramento di Dachau

Cerimonia nel luogo memoriale del campo di concentramento di Dachau - Lina Zimmermanns


Lina Zimmermanns


Comunità di Sant’Egidio, Germania

Noi, giovani di diverse parti della Germania e dell’Europa, siamo venuti oggi qui a Dachau per fare memoria delle vittime della politica nazista di disprezzo dei diritti umani. Uomini, donne e bambini di religioni, popoli e culture diversi sono stati privati dei loro diritti, maltrattati e uccisi. Questo luogo memoriale ci ricorda che ogni crimine qui compiuto è stato un’aggressione all’umanità tutta intera e ad ogni singolo essere umano. Non vogliamo dimenticare e vogliamo lavorare perché questa ingiusta tragedia non si ripeta mai più, né qui né altrove.
Siamo nel cuore dell’Incontro Internazionale di Preghiera per la Pace delle religioni. Qui con noi sono presenti i rappresentanti di popoli diversi, vittime della follia razzista del nazismo. Di fronte a loro, gli uomini e le donne di fede manifestano la volontà di lavorare assieme per la convivenza pacifica, scritta nel profondo di ogni tradizione religiosa.
Noi, giovani europei, siamo stati risparmiati. La nostra generazione non ha dovuto sperimentare la guerra e la violenza della repressione. Ma sappiamo che queste sono ancora realtà terribili in molte parti del nostro mondo. Sappiamo che anche in Europa, fino a non molto tempo fa, hanno regnato dittature e guerre. Solo se sapremo impegnarci attivamente per la democrazia, la pace e i diritti umani potremo evitare il loro ripetersi. Questo compito non spetta solo a pochi politici o uomini di religione, ma a ognuno di noi. Noi siamo la generazione che vivrà nel futuro. Noi siamo la generazione che deve costruire questo futuro. Di fronte alla sofferenza del passato e del presente ci impegniamo a realizzare un domani in cui nessuno sia più maltrattato, discriminato o marginalizzato; un futuro in cui i deboli e gli svantaggiati siano considerati la parte più naturale e più preziosa della società; un futuro in cui i popoli e le religioni vivano insieme in pace. Nell’epoca di internet e di facebook non possiamo fare finta di non sapere, no, non è possibile chiudersi in se stessi e vivere una vita senza o contro gli altri. Siamo parte di una grande famiglia: in pochi secondi è possibile comunicare con migliaia di persone. La “primavera araba” ha mostrato la forza di tali contatti. No, non si può più misconoscere che gli uomini sono destinati a convivere a livello planetario. Ma nel tempo della comunicazione globale c’è bisogno della globalizzazione dell’amicizia, della  solidarietà, dell’amore. Solo così potremo costruire un mondo più  umano. Vogliamo conoscere le persone di altre religioni, culture, nazionalità, giovani e anziani, migranti e nati qui, deboli e forti, ricchi e poveri. Vogliamo provare a capire le loro idee, i loro sogni e i loro desideri, e comprendere il loro punto di vista. Scegliamo di spendere così la nostra vita: sognando insieme un vero convivere, che liberi gli uomini dall’oppressione e da ogni forma di solitudine. E’ un sogno, ma già da oggi lo possiamo vivere nelle nostre città e nei nostri paesi. Questa sera a Monaco, dalla Marienplatz, risuonerà con forza questo appello: è possibile vivere insieme in pace, Bound to Live Together!





Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
12 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Il Patriarca della Chiesa etiope Abuna Mathias a Sant'Egidio: Abbiamo visto come mettete in pratica il Vangelo


L'omelia del patriarca nella basilica di Santa Maria in Trastevere.
IT | ES | DE | PT | HU
30 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Per una Chiesa in uscita: cristiani e pastori per l'Africa riuniti a Roma con la Comunità di Sant'Egidio


Raccontiamo il convegno che in questi giorni ha visto riuniti vescovi africani per una riflessione sulla presenza della Chiesa e sulle sfide da affrontare nel continente "futuro" del cristianesimo
IT | FR
19 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

''L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione'': meditazione del pastore valdese Paolo Ricca


A Santa Maria in Trastevere per la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani
17 Gennaio 2017

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: perché tutti siano una cosa sola


Dal 18 al 25 gennaio le preghiere e gli incontri ecumenici con i cristiani delle diverse confessioni. Gli appuntamenti con Sant'Egidio
IT | ES | DE
9 Gennaio 2017

Zygmunt Bauman: scompare un grande umanista impegnato nel dialogo tra laici e credenti sulla frontiera del vivere insieme e della pace

IT | EN | ES | DE | FR | RU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
9 Febbraio 2017
Radio Vaticana
Un libro sui 30 anni di "spirito di Assisi", tra storia e profezia
8 Febbraio 2017
Agenzia SIR
Spirito di Assisi: Impagliazzo (Sant’Egidio), “non è passato di moda”
5 Febbraio 2017
Vatican Insider
Lo spirito di Assisi tra storia e profezia
14 Dicembre 2016
Vatican Insider
S.Egidio firma un protocollo con i Carabinieri su pace e diritti umani
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
tutta la rassegna stampa correlata