change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - 11 sette... la pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Il pranzo di Natale di Sant'Egidio per una famiglia senza confini. Aiutaci a prepararlo!

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue

Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
03/12/2016
Vigilia del giorno del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
13 Settembre 2011 11:00 | Campo di Concentramento di Dachau

Cerimonia nel luogo memoriale del campo di concentramento di Dachau - Lina Zimmermanns


Lina Zimmermanns


Comunità di Sant’Egidio, Germania

Noi, giovani di diverse parti della Germania e dell’Europa, siamo venuti oggi qui a Dachau per fare memoria delle vittime della politica nazista di disprezzo dei diritti umani. Uomini, donne e bambini di religioni, popoli e culture diversi sono stati privati dei loro diritti, maltrattati e uccisi. Questo luogo memoriale ci ricorda che ogni crimine qui compiuto è stato un’aggressione all’umanità tutta intera e ad ogni singolo essere umano. Non vogliamo dimenticare e vogliamo lavorare perché questa ingiusta tragedia non si ripeta mai più, né qui né altrove.
Siamo nel cuore dell’Incontro Internazionale di Preghiera per la Pace delle religioni. Qui con noi sono presenti i rappresentanti di popoli diversi, vittime della follia razzista del nazismo. Di fronte a loro, gli uomini e le donne di fede manifestano la volontà di lavorare assieme per la convivenza pacifica, scritta nel profondo di ogni tradizione religiosa.
Noi, giovani europei, siamo stati risparmiati. La nostra generazione non ha dovuto sperimentare la guerra e la violenza della repressione. Ma sappiamo che queste sono ancora realtà terribili in molte parti del nostro mondo. Sappiamo che anche in Europa, fino a non molto tempo fa, hanno regnato dittature e guerre. Solo se sapremo impegnarci attivamente per la democrazia, la pace e i diritti umani potremo evitare il loro ripetersi. Questo compito non spetta solo a pochi politici o uomini di religione, ma a ognuno di noi. Noi siamo la generazione che vivrà nel futuro. Noi siamo la generazione che deve costruire questo futuro. Di fronte alla sofferenza del passato e del presente ci impegniamo a realizzare un domani in cui nessuno sia più maltrattato, discriminato o marginalizzato; un futuro in cui i deboli e gli svantaggiati siano considerati la parte più naturale e più preziosa della società; un futuro in cui i popoli e le religioni vivano insieme in pace. Nell’epoca di internet e di facebook non possiamo fare finta di non sapere, no, non è possibile chiudersi in se stessi e vivere una vita senza o contro gli altri. Siamo parte di una grande famiglia: in pochi secondi è possibile comunicare con migliaia di persone. La “primavera araba” ha mostrato la forza di tali contatti. No, non si può più misconoscere che gli uomini sono destinati a convivere a livello planetario. Ma nel tempo della comunicazione globale c’è bisogno della globalizzazione dell’amicizia, della  solidarietà, dell’amore. Solo così potremo costruire un mondo più  umano. Vogliamo conoscere le persone di altre religioni, culture, nazionalità, giovani e anziani, migranti e nati qui, deboli e forti, ricchi e poveri. Vogliamo provare a capire le loro idee, i loro sogni e i loro desideri, e comprendere il loro punto di vista. Scegliamo di spendere così la nostra vita: sognando insieme un vero convivere, che liberi gli uomini dall’oppressione e da ogni forma di solitudine. E’ un sogno, ma già da oggi lo possiamo vivere nelle nostre città e nei nostri paesi. Questa sera a Monaco, dalla Marienplatz, risuonerà con forza questo appello: è possibile vivere insieme in pace, Bound to Live Together!



APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti


Messaggio
di Papa  Benedetto XVI


Incontro di dialogo tra le religioni, Monaco di Baviera 2011


NEWS CORRELATE
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest


Una giornata di solidarietà e dialogo interreligioso organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio e dal Consiglio Cristiano-Ebraico ungherese insieme ai rappresentanti delle tre religioni monoteiste.
IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore


L'editoriale di Marco Impagliazzo su Huffington Post in occasione del 30° anniversario della Giornata di preghiera voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES | DE | FR
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
18 Novembre 2016
Avvenire
Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»
18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano
Insieme per la pace
18 Novembre 2016
SIR
Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”
3 Novembre 2016
Zenit
Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri