Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
15 Dicembre 2015

Cosa sono i corridoi umanitari? Intervista a Daniela Pompei

 
versione stampabile

E' stato firmato ieri a Roma il protocollo d'intesa tra il Ministero degli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, il Ministero dell'Interno, la Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese, riguardante l'apertura di canali umanitari che permetteranno ai profughi di raggiungere l'Italia in modo legale e soprattutto sicuro, evitando di dover affrontare i viaggi della morte nel Mediterraneo.

Per capire meglio come funziona questo progetto abbiamo intervistato Daniela Pompei, responsabile dei servizi ai migranti della Comunità di Sant'Egidio.

 

Che cos'è il progetto: "Apertura dei corridoi umanitari"?

E' la possibilità di far entrare in maniera legale persone che si trovano in una situazione di vulnerabiltà e che sono potenziali richiedenti asilo nei paesi di transito limitrofi a paesi di guerra. E' destinato innanzitutto alle donne sole con bambini, alle vittime del traffico di essere umani, agli anziani, alle persone con disabilità o con patologie. I paesi coinvolti attualmente coinvolti nel progetto sono il Libano per i profughi siriani e il Marocco sia per profughi siriani ma anche per i paesi dell'Africa sub-sahariana. Il progetto consiste sostanzialmente nella possibilità di far entrare con un visto regolare, nello specifico è previsto dall'art. 25 del regolamento europeo dei visti, è un visto per motivi umanitari, tecnicamente un VTL, un visto a territorialità limitata, cioè sostanzialmente è un visto per l'Italia, quindi le persone che prendono questo visto possono entrare solo in Italia. Una volta nel nostro paese si inizia la procedura per la richiesta di asilo politico, come fanno normalemnte i profughi che giungono sulle nostre coste.

L'obiettivo principale di questo progetto è di evitare il traffico di esseri umani, di evitare le morti in mare, e far vedere che è possibile utilizzare altri canali di ingresso che non siano le vie dei barconi della morte.

Quali sono gli attori coinvolti nel progetto?

Il protocollo d'intesa per questo progetto è sottoscritto dal Ministero degli Affari Esteri e della  Cooperazione Internazionale (direzione generale per gli Italiani all'estero e le politiche migratorie), dal Ministero dell'Interno, particolarmente il dipartimento delle libertà civili e l'immigrazione, la Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese. Per la prima volta è un progetto ecumenico che vede insieme la Chiesa cattolica e le Chiese evangeliche. E' totalmente autofinanziato da queste associazioni, quindi la società civile e la Chiesa assumono la responsabilità di dire: "possiamo contribuire insieme allo Stato a fare entrare delle persone in maniera regolare".
Abbiamo anche degli attori con cui collaboriamo nei paesi che abbiamo prescelto, come la comunità Giovanni XXIII che in Libano ha degli operatori che vivono in un campo. All'interno di questi paesi ascolteremo le persone che lavorano e vivono in queste situazioni. Utilezzeremo quindi la collaborazione di organi e organizzazioni istituzionali, Alto Commissariato ONU per i rifugiati, ambasciate, organi dei vari paesi, ma utilizzeremo anche attori non istituzionali, quali le Chiese, la Chiesa Cattolica, le associazioni e i movimenti. Al momento sono mille le persone che potranno entrare in questo modo. Ci chiederanno: "Come fate a scegliere le persone?", lo facciamo attraverso questi attori che utilizzeremo oltre noi stessi: ci saranno delle persone della Comunità di Sant'Egidio, della Federazione delle Chiese Evangeliche Italiane e della Tavola Valdese che saranno presenti con delle missioni o stabilmente, che ascolteranno le storie e individueranno i casi.

Quanti saranno i beneficiari del progetto in questa prima fase?

Il progetto prevede nell'arco di 24 mesi l'ingresso di mille persone, e inizierà subito in Marocco con 150 visti e in Libano con 250 visti, con un'estensione che arriverà a mille. Dopo questi primi 400 che arriveranno in Italia ci sarà una valutazione e si ragionerà sull'apertura di un desk anche in Etiopia. Quindi i paesi coinvolti saranno tre: tra la fine di dicembre e gennaio si inizierà con il Libano, e a fine gennaio in Marocco.

E per quanto riguarda l'accoglienza in Italia?

La Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche e la Tavola Valdese si occuperanno dell'accoglienza, di trovare i luoghi dove vivere, e dell'assistenza anche economica per il periodo di tempo necessario per tutto l'iter della richiesta di asilo. I fondi vengono dall'8x1000 della Tavola Valdese, dello Stato, in parte da donazioni private e dalla Comunità di Sant'Egidio anche attraverso il 5x1000.

L'aperura dei corridoi umanitari potrà avere effetti sulla sicurezza?

Tutte le persone che entreranno riceveranno un visto dalle ambasciate, quindi saranno controllate. La lista delle persone che entreranno sarà vagliata dal Ministero dell'Interno, che darà autorizzazione sulla lista nominativa, e poi verranno fatti tutti i controlli che normalmente sono fatti per la concessione dei visti, quindi per esempio verranno prese le impronte digitali prima di partire. E' un progetto quindi che garantisce anche la sicurezza.

E' un modello replicabile?

E' un progetto pilota per far vedere che utilizzando gli strumenti legislativi già a disposizione dell'Unione Europea senza toccare il sistema di asilo politico è possibile far entrare regolarmente delle persone.  E' un progetto quindi replicabile in altri Paesi insieme alla società civile. Quest'estate a seguito della morte di Aylan, all'afflusso ingente di profughi siriani, iracheni e afghani, nel cuore dell'Europa moltissime associazioni e il mondo della società civile si sono mobilitati. Questa è un'opportunità concreta di intervenire su questo settore.
L'apertura dei corridoi umanitari dimostra quindi che è possibile costruire vie di ingresso regolari senza dover affrontare i viaggi della morte.

La Germania si è dichiarata contraria a stabilire un tetto massimo al numero di richiedenti asilo ...

Angela Merkel si dimostra una donna coraggiosa e lungimirante che guarda al di là dei sondaggi politici. Ha capito perfettamente che quelle persone che oggi vediamo disperate e malate sono in realtà una grande risorsa per il futuro sia della Germania che di tutta l'Europa che vive una fase di invecchiamento della popolazione.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
2 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari

IT | ES | DE | FR | PT
1 Dicembre 2016

Altri 100 in salvo con i #corridoiumanitari. Il progetto compie un anno e arriva a quota 500

IT | DE | FR | PT
30 Novembre 2016
KOSTELEC, REPUBBLICA CECA

Ecco i giovani di Praga che rifiutano la propaganda xenofoba: ''vogliamo essere amici dei rifugiati''

IT | DE | FR
30 Novembre 2016
CATANIA, ITALIA

Al CARA di Mineo si celebra l'inizio dell'Avvento con i richiedenti asilo

23 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

L'integrazione dei profughi è un segno del Giubileo: la storia di Diana, giovane rifugiata da Aleppo a Barcellona

IT | ES | CA | HU
22 Novembre 2016

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

tutte le news
• STAMPA
3 Dicembre 2016
Avvenire

Corridoi umanitari, quota 500 Arrivano da Homs e Aleppo

2 Dicembre 2016
Redattore Sociale

Migranti, in 500 arrivati con i corridoi umanitari: "L'unica alternativa"

1 Dicembre 2016
OnuItalia

Corridoi umanitari: 40 profughi a Fiumicino; Sant’Egidio, modello per Europa

1 Dicembre 2016
Ansamed

Migranti: S.Egidio, 'corridoi' alternativa a disperazione

29 Novembre 2016
Vita

Riconoscimento dell’asilo, non sia solo una formalità burocratica

22 Novembre 2016
Corriere della Sera

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

403 visite

409 visite

1565 visite

401 visite

1494 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri