Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
25 Maggio 2009

ROMA CAPITALE MONDIALE DELLA LOTTA CONTRO LA PENA DI MORTE: Si tiene oggi il IV Convegno Internazionale "Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale"

 
versione stampabile

"Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale"

No justice without life

Il 18 dicembre 2007 l'Assemblea Generale dell'ONU a maggioranza schiacciante -104 a 54- ha approvato la Moratoria Universale della pena di morte. Esattamente un anno dopo, i voti favorevoli della  nuova Risoluzione sono saliti a 106, con 46 contrari e 34 astensioni.
Una grande sinergia, un ruolo italiano di primo piano, uno schieramento mondiale, un contributo diretto e rilevante anche della Comunità di Sant'Egidio.
Per la prima volta l'abolizione della pena capitale entra tra gli standard ufficiali e da raggiungere della comunità internazionale.
A poche settimane dalla storica abolizione della pena di morte nello stato americano del New Mexico, e dalla celebrazione dell’evento qui a Roma, con la speciale illuminazione del Colosseo alla presenza del Governatore Bill Richardson e dell’Arcivescovo di Santa Fe Michael Sheehan,

la Comunità di Sant'Egidio promuove il

IV Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia
"Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale"
No justice without life

Campidoglio – Sala della Protomoteca
Roma, 25 maggio 2009, ore 9.00

Da 23 paesi abolizionisti e ancora mantenitori di Africa, Asia e America, 28 personalità politiche e della società civile – di cui 13 ministri della Giustizia, insieme a parlamentari, giudici di Corti Supreme,  procuratori - saranno a Roma, per un congresso, che è anche un percorso verso un traguardo possibile: Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale.
 
I Paesi rappresentati sono:

Gabon, Costa d’Avorio, Burundi, Rwanda, Guinea, Zambia, Benin, Repubblica Centrafricana, Guinea-Bissau, Mozambico, Lesotho, Senegal, Niger, Filippine, Indonesia, Sud Corea, Uzbekistan, Kyrgyzstan, Ecuador, El Salvador, Costa Rica, Uruguay, Repubblica Dominicana.

Il 26 maggio alle ore 10.00 i partecipanti saranno ricevuti dal
Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini.

Per la stampa saranno disponibili dati aggiornati sulla pena di morte nel mondo.
Si prega segnalare la presenza

Piazza di S.Egidio 3 a 00153 Roma Tel 39.06585661 Fax 39.065883625
www.santegidio.org     -    Email   [email protected]
 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Main-Post

Wie Joaquin Martinez dem elektrischen Stuhl entkam

1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

473 visite

515 visite

437 visite

442 visite

410 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

Approfondimenti
DOSSIER

Colloqui internazionali
“No Justice without life”

 


Unione Europea

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri