Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Giugno 2009

IL TOGO HA ABOLITO LA PENA DI MORTE, UN ESEMPIO NELLA LOTTA ALLA VIOLENZA PER TUTTA L'AFRICA

 
versione stampabile

 Il Parlamento del Togo ha abolito all'unanimità la pena capitale e ha commutato in reclusione a vita tutte le sentenze già esistenti.  "E' un passaggio storico in quell'area del continente africano e indica un metodo: il contrasto della violenza e la lotta per la sicurezza, la necessità di prevenire divisioni e di favorire un vero e profondo processo di riconciliazione nazionale devono fare a meno dalla pena di morte e rispettare la vita, anche dell'avversario e di chi si ritiene colpevole di un crimine. E' la base per la fine della violenza e delle vendette sommarie, anche a livello della società civile. Il fatto che il parlamento, su questo, abbia trovato l'unanimità è un esempio da considerare a livello africano e globale", ha commentato Mario Marazziti, coordinatore della campagna mondiale contro la pena di morte della Comunità di Sant'Egidio. E' un risultato a cui le autorità politiche e civili del Togo hanno lavorato da tempo come passo necessario per un processo di riconciliazione. La Comunità di Sant'Egidio ha sostenuto e accompagnato da vicino questo processo legislativo, di dialogo con l'opinione pubblica e si congratula con la classe dirigente del Togo per il coraggio esemplare che questo passo può rappresentareper l'intero continente africano.

Il passo era atteso fin dal 25 maggio scorso, allorché il Guardasigilli Kobou Biossey Tozoun aveva solennemente annunciato a Roma, nel corso del IV Congresso Internazionale dei Ministri di Giustizia organizzato dalla Comunità di sant'Egidio, che la pena capitale sarebbe stata cancellata nel suo paese nelle settimane successive, e il "caso Togo" è stato un elemento importante di analisi e di costruzione di pertcorsi alternativi di giustizia e sicurezza nel corso dei colloqui di Roma.
Oggi quest’impegno viene onorato pienamente, mentre si afferma anche in questa terra dell’Africa Occidentale –dove non avvengono esecuzioni ormai da 30 anni- il rispetto per la vita e per la dignità dell’uomo anche a fronte di crimini gravi, insieme al rifiuto di una giustizia intesa come  violenza e vendetta. La Comunità di sant'Egidio si augura che l'esempio del Togo, come quello del Gabonalla vigilia del voto all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla Risoluzione per una moratoria universale possa incoraggiare altri paesi africani e non in tempi brevi e si dichiara disponibile ad accompagnare fattivamente il percorso verso l'abolizione di altri paesi.
La Comunità di Sant’Egidio ha da tempo maturato strette relazioni di amicizia con il paese, avendone attivamente sostenuto il non lontano processo di riconciliazione nazionale.
Il rinnovato dialogo del Governo con le opposizioni, la società civile e i paesi donatori ha spianato il cammino verso la democrazia e il rispetto per i diritti fondamentali dell’uomo.
La ritrovata distensione ha creato i presupposti nei quali è maturato il processo abolizionista, che aveva già subito un forte impulso quando già nel dicembre 2008 il Governo aveva reso noto per la prima volta il disegno di legge che eliminava la pena di morte dal codice penale, giudicandola una punizione “umiliante, degradante e crudele”, nonché “irrimediabile e incompatibile” con la scelta del paese di avvalersi di “una giustizia che limiti gli errori giudiziari, corregga educhi e garantisca i diritti della persona”.
La Comunità di Sant’Egidio ricorda la rilevanza dei quattro congressi dei ministri di Giustizia promossi negli ultimi cinque anni. Tali incontri costituiscono una base concreta e operativa per mettere a punto strategie per l’abolizione della pena capitale in Africa e nel resto del mondo. La sua eliminazione in Togo ne rappresenta il frutto più recente, mentre in altri paesi africani si attendono a breve passi risoluti in questa direzione.
Sant’Egidio si rallegra profondamente per questo straordinario successo in Togo, e ricorda il lavoro compiuto giorno per giorno dalle sue comunità africane contro la pena capitale e per alleviare le misere condizioni di vita in cui versano tanti uomini e donne nelle carceri del continente.
La Comunità promette ogni sostegno necessario al compimento del cammino abolizionista in Africa e ovunque nel mondo.

 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Main-Post

Wie Joaquin Martinez dem elektrischen Stuhl entkam

1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

90 visite

88 visite

105 visite

111 visite

97 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri