Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
17 Novembre 2009

Le religioni per la pace in Costa d’Avorio: un incontro ad Abidjan, per realizzare la "cultura del convivere"

 
versione stampabile

Oltre seicento persone hanno partecipato il 13 novembre scorso alla giornata di Preghiera per la pace e dialogo tra le religioni che si è svolta nella casa della Comunità di Sant’Egidio ad Abidjan. Un incontro che si inserisce nel solco del Meeting tenutosi a Cracovia (Polonia) nel settembre scorso secondo lo “Spirito di Assisi”. Ma anche  un forte richiamo alla cooperazione e all apace, in un momento particolarmente delicato per la Costa d'Avorio, che si trova alla vigilia delle elezioni generali.

All'incontro hanno partecipato i rappresentanti delle comunità religiose del paese: tra loro il nunzio apostolico, mons. Ambrose Madtha, l’imam Idriss Koudouss del Consiglio Nazionale Islamico, delegati dell’arcivescovo di Abidjan e della Chiesa Harrista.

Gli interventi di alcuni giovani di differenti religioni, hanno voluto sottolineare che il futuro del Paese, fino a poco tempo fa diviso in due, deve essere unitario e solidale. Così come lo era prima del 19 settembre 2002, quando è scoppiata la guerra civile, e come prevedono gli accordi firmati a Ouagadougou nel marzo 2007, anche grazie al contributo della Comunità di Sant'Egidio.

L’invito a lavorare per una pace duratura e per diffondere nel Paese una "cultura del convivere”, rivolto a tutti e in primo luogo alle autorità civili e politiche ivoriane, è stato pronunciato da un adolescente di una delle Scuole della Pace di Abidjan. Lo stesso appello, sottoscritto da tutti i responsabili religiosi presenti alla cerimonia, è stato consegnato alle autorità civili presenti.

APPELLO DELLE RELIGIONI PER LA PACE IN COSTA D'AVORIO (FR)


 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Novembre 2016

Il patriarca della Chiesa assira Mar Gewargis III visita Sant'Egidio: "Questa fraternità ci dà speranza"

IT | ES | DE | PT | CA | HU
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
4 Novembre 2016
LOME, TOGO

Lo Spirito di Assisi continua a soffiare in Africa: l'incontro ''Sete di Pace'' in Togo

IT | ES
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016

A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi: l'impegno delle religioni necessario per arginare guerre e terrore

IT | ES | DE | FR
tutte le news
• STAMPA
28 Novembre 2016
FarodiRoma

La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili

18 Novembre 2016
Avvenire

Il convegno. Cattolici ed evangelici il dialogo «del fare»

18 Novembre 2016
L'Osservatore Romano

Insieme per la pace

18 Novembre 2016
SIR

Ecumenismo: mons. Spreafico, “una spinta per le nostre Chiese ad uscire”

3 Novembre 2016
Zenit

Sant’Egidio: accordo di amicizia con la Rissho Kosei-kai

27 Ottobre 2016
L'huffington Post

Marco Impagliazzo: A 30 anni dalla preghiera per la pace di Assisi l'impegno delle religioni è sempre più necessario per arginare guerre e terrore

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
12 Marzo 2015
COSTA D'AVORIO

COSTA D'AVORIO, PENA DI MORTE ABOLITA ANCHE NEL CODICE PENALE

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Incontro di Preghiera per la Pace

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline

il senso della vita





Francesco Mondadori
tutti i libri

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri