Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Gennaio 2010

Comunicato Stampa: Mongolia - il Presidente Tsakhiagiin Elbegdorj annuncia la moratoria delle esecuzioni e procede risoluto verso l’abolizione della pena di morte

 
versione stampabile

Il 14 gennaio 2010, con uno storico discorso in Parlamento, il Presidente della Mongolia Tsakhiagiin Elbegdorj, ha solennemente proclamato l’introduzione di una moratoria ufficiale delle esecuzioni, ha decretato la riduzione automatica di tutte le sentenze capitali in 30 anni di reclusione e ha manifestato apertamente la sua intenzione di giungere quanto prima all’abolizione totale e incondizionata della pena di morte.

La Comunità di Sant’Egidio esprime il suo più caloroso apprezzamento, per una sorprendente e coraggiosa determinazione nella volontà di cancellare una volta per tutte dalla legislazione della Mongolia la pena capitale.

Tale risolutezza in verità non è il frutto di una decisione improvvisa. Già 19 anni fa, da deputato, Elbegdorj aveva infatti proposto di introdurre, a livello costituzionale, la sua completa eliminazione dal sistema giudiziario del paese centroasiatico.

Tuttavia la straordinarietà dell’iniziativa presidenziale si contraddistingue per un approccio profondamente umanista nella concezione della giustizia, e per una teoria singolarmente progredita del rispetto della vita e della dignità umana, che mostra pochi precedenti nel continente asiatico.

Da quando ha assunto la presidenza della Mongolia, sette mesi fa, Elbegdorj non ha intenzionalmente sottoscritto alcuna esecuzione e indica oggi la necessità di mettere fine a quella che lui stesso non esita a definire la “vergogna” del regime penale mongolo: l’oblio assoluto dei detenuti nei bracci della morte, e dei loro corpi dopo l’esecuzione, occultati dal più rigido segreto di stato, senza che le loro famiglie possano avere un luogo dove poterli piangere.

Il Capo dello Stato, spiegando le ragioni della sua decisione, dichiara anzitutto che la facoltà di concedere la grazia, anche a chi si sia macchiato del peggiore delitto, è un principio cui dover restare fedeli perché garanzia e tutela del valore della vita umana. Si dimostra particolarmente preoccupato dell’errore giudiziario e del rischio di condannare un innocente. Specie in Mongolia, dove sono contemplate 59 fattispecie di reati capitali. Ricorda che in soli 16 mesi, dal 1937 al 1939, ben 20.474 cittadini mongoli – di cui 1228 in un solo processo- furono soppressi, vittime di persecuzioni di regime.

“La pena di morte –afferma il Presidente della Mongolia- degrada la dignità umana, provoca nelle famiglie delle vittime e dei condannati ferite, dolore e risentimenti”. E rammenta che secondo le antiche tradizioni del suo paese, la vita è la più grande ricchezza per ogni uomo e ogni donna.

“Lungi dal privare della vita i propri cittadini –dichiara- al contrario lo stato deve esercitare il potere di impedire la soppressione di un essere umano, laddove la società civile lasciata libera a se stessa non riesca a garantire che gli uomini non si uccidano gli uni gli altri”.

All’argomento del rispetto della maggioranza della volontà del popolo che fosse favorevole all’omicidio di stato, ribatte che nessuno dei paesi che hanno finora abolito la pena capitale lo abbia fatto in seguito a pressioni “dal basso”. Ed uno stato incapace di clemenza non può a suo dire infondere fiducia nei propri cittadini.

“Intendo essere un presidente –dice Elbegdorj- che non privi della vita i suoi cittadini in qualsiasi circostanza in nome dello stato. Il diritto alla vita è assoluto e non può dipendere neanche dal Capo dello Stato”. E continua: “Non esiste alcuno studio in grado di provare che l’abolizione della pena di morte aumenti il tasso di criminalità. E’ invece largamente dimostrato che mantenendola si assiste ad un incremento dei reati più gravi. Dunque, la pena capitale non è un deterrente ai delitti”.

La Comunità di Sant’Egidio condivide nel profondo tali convincimenti, sostiene e incoraggia il presidente Elbegdorj nel non agevole itinerario verso l’abolizione nel suo paese e saluta un evento di straordinaria rilevanza verso l’affermazione della vita sempre e comunque.

Il lavoro comune della Comunità di Sant’Egidio con Tamara Chikunova, che ha già condotto all'abolizione della pena capitale in Uzbekistan, ha sostenuto gli sforzi che in questi anni hanno creato a livello istituzionale e della società civile un cambiamento decisivo per un maggiore rispetto della vita umana e una giustizia senza morte in Mongolia. Quello compiuto oggi in questo paese è un passo importante che indica una strada percorribile anche da altri governi dell'Asia, nell'anno in cui verrà ripresentata alle Nazioni Unite la Risoluzione per una Moratoria Universale all'Assemblea Generale.

 

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Main-Post

Wie Joaquin Martinez dem elektrischen Stuhl entkam

1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

469 visite

407 visite

479 visite

413 visite

458 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri