Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Marzo 2011

L'Illinois abolisce la pena di morte. E' il 16° stato USA dove non si ucciderà più per legge

 
versione stampabile

La Comunità di Sant’Egidio invita a Roma il Governatore Pat Quinn e una delegazione della Camera dei Rappresentanti e del Senato dell’Illinois, con gli abolizionisti americani, per celebrare lo storico evento al Colosseo 

 

Oggi, con la firma del governatore Pat Quinn alla proposta di legge approvata dai due rami del parlamento dello stato, l’Illinois è diventato il sedicesimo stato USA senza più la pena di morte. E’ una giornata storica e straordinaria in America. Si conclude un percorso che in 10 anni ha fermato tutte le esecuzioni nello stato di Chicago e che ha messo alla prova il sistema giudiziario, fino a concludere a grande maggioranza, bi-partisan, come la pena di morte sia uno strumento dannoso, irrimediabilmente, per il sistema giudiziario.

Il 6 gennaio 2011 la Camera dei Rappresentanti dell’Illinois ha votato 60 a 54 per l’abolizione definitiva della pena capitale. Cinque giorni dopo, l’11 gennaio, il Senato dello Stato ha approvato lo stesso testo 32 a 25. Mancava la firma del Governatore Pat Quinn, che ha soppesato tutti gli elementi a disposizione, fino alla storica firma di oggi. L’Illinois è il terzo Stato americano in soli 4 anni, ad abbandonare la pena capitale, dopo il New Jersey e il New Mexico. Un’accelerazione senza precedenti che indica come la pena di morte negli Stati Uniti sia in difficoltà e destinata a entrare nell’armamentario del passato. Un passaggio di dimensioni storiche, che arriva a poche settimane di distanza dalla fine della produzione del sodium thiopental, una delle sostanze utilizzate negli USA per l’esecuzione letale e per cui la Comunità di Sant’Egidio e le principali organizzazioni abolizioniste, da Reprieve a Hands off Cain, con il Governo inglese e italiano hanno lavorato.

La Comunità di Sant’Egidio ha accompagnato da vicino l’azione della Illinois Coalition Against the Death Penalty, coordinata da Jeremy Schroeder,  e le iniziative dell’intero movimento abolizionista americano, e celebrerà con la città di Roma l’abolizione della pena di morte in Illinois con un evento speciale e un’accensione speciale del Colosseo, simbolo internazionale di una battaglia globale per una giustizia capace sempre di rispettare la vita umana.

E’ un passo decisivo verso l’abolizione della pena di morte anche negli Stati Uniti. Il 2010 ha segnato infatti il più basso numero di esecuzioni dal 1999, 46, con un calo del 12 per cento rispetto all’anno precedente. Il 2010 è stato anche l’anno con il più basso numero di nuove sentenze capitali negli Stati Uniti dal 1976, 114, due terzi in meno di 15 anni fa, il 1996, l’anno che ha registrato il picco più alto.

E’ un movimento inequivocabile, un declino strutturale progressivo, confermato anche dalle recenti  vittorie elettorali di governatori che si oppongono pubblicamente alla pena capitale come è accaduto in California, nello Stato di New York e in Massachusetts. Anche in Texas, che detiene il primato con 17 esecuzioni in America, le nuove sentenze capitali sono state meno di dieci e per la prima volta un giudice ne ha contestato la legittimità costituzionale,. la conformità alla Costituzione degli Stati Uniti.

I precedenti:

L’ex governatore repubblicano Ryan, infatti, proprio alla fine di gennaio dell’anno duemila, aveva stabilito la sospensione di tutte le esecuzioni, dopo che dal 1976 - anno in cui vennero reintrodotte ufficialmente a livello federale - tredici condannati erano usciti dal braccio della morte perché riconosciuti innocenti, uno in più dei restanti dodici effettivamente colpevoli.

Erano numeri che indicavano una evidente anomalia nel sistema capitale del grande stato americano, una lacuna manifesta, peraltro, in tutti gli altri stati USA mantenitori.

La commissione da lui creata appositamente per fare piena luce sulla dinamica delle condanne capitali in Illinois, giunse due anni dopo alla conclusione che nessun sistema penale è mai tanto perfetto da non potere escludere clamorosi errori giudiziari. Dunque la pena di morte, con il suo carattere definitivo e irrimediabile, conteneva in sé le premesse di una punizione profondamente ingiusta, perché inappellabile. Ma non solo. Si scoprì quanto troppi fattori esterni, come l’etnia, la classe sociale, la geografia, l’emotività dell’opinione pubblica, l’inettitudine degli avvocati difensori, contribuissero in maniera risolutiva alla imposizione delle sentenze di morte.

Nel gennaio del 2003, alla vigilia del termine del suo mandato, il governatore Ryan ridusse 167 condanne capitali al carcere a vita, avendo rilevato un alto margine di errore nei processi che le avevano determinate.  Fu la più larga amnistia mai compiuta nei bracci della morte americani. I suoi successori hanno poi mantenuto la moratoria delle esecuzioni, mentre la spesa pubblica per badare alle poche decine di prigionieri ancora rinchiusi nelle carceri capitali dell’Illinois è risultato essere, da allora, di oltre 100 milioni di dollari. Sempre più stati americani, anche solo per questo, si stanno chiedendo se valga la pena proseguire sulla strada dell’assassinio legalizzato.

L’Illinois ora “non fa più parte della compagnia di quei paesi che compiono le peggiori violazioni dei diritti umani, e si unisce al mondo della civiltà mettendo fine alla soppressione della vita di persone innocenti”, come dice il senatore Kwame Raoul, uno dei maggiori sponsor del disegno di legge abolizionista.

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte

30 Novembre 2016
Radio Vaticana

Pena di morte, Sant’Egidio: oggi oltre 2.100 città del mondo si mobilitano per “Cities for Life 2016”

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

490 visite

431 visite

467 visite

506 visite

473 visite
tutta i media correlati