Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
19 Agosto 2011 | GENOVA, ITALIA

Un ferragosto di solidarietà con i giovani africani provenienti da Lampedusa

 
versione stampabile

Un pomeriggio di canti, di balli e soprattutto amicizia. Così è trascorso il ferragosto per un gruppo di giovani africani, composto da trenta nigeriani e ghanesi, provenienti da Lampedusa e ora ospitati in un ex-ospedale in una località dell’appennino ligure, in provincia di Genova.

Sono arrivati in Italia nel mese di luglio dopo una durissima traversata nel canale di Sicilia, durata per alcuni anche quattro giorni a causa delle avverse condizioni del mare.

I racconti che molti hanno fatto dopo la festa parlano di fughe da scontri tribali, di viaggi interminabili e rischiosi: dalla Nigeria e dal Ghana verso nord, attraversando con i pick-up il deserto – ma qualcuno ha fatto anche lunghi tratti a piedi -, spesso in balia di sfruttatori senza scrupolo, per raggiungere la Libia dove tutti sono rimasti per più di un anno prima di partire per l’Italia.

l periodo trascorso nelle periferie libiche è stato segnato da episodi di violenza e soprusi, da lavori spesso precari, mal pagati e duri, per poter sopravvivere e guadagnare il necessario a compiere l’ultima parte del viaggio. E poi la guerra, che si è aggiunta negli ultimi tempi con il suo carico di incertezza e violenza diffusa e che ha reso ancora più difficili le condizioni di chi, nelle oscure periferie delle città libiche, era già vessato e sfruttato.

Ora finalmente hanno raggiunto un luogo accogliente e tranquillo. Il sogno di tutti è quello di trovare un lavoro e una nuova condizione di vita che consenta anche di aiutare le famiglie rimaste in Africa. Nessuno di loro ha familiari in Europa e nemmeno una meta precisa, una città o un Paese che ha progettato di raggiungere. Il futuro, per il momento, è rappresentato dall’accoglienza dell’Italia e nutrito dalle aspettative di poter trovare aiuto, documenti e una sistemazione sicura.

Alla fine della festa tutti hanno ringraziato con parole calorose: «Vi ringraziamo per queste ore passate con noi, per la vostra amicizia – ha detto in inglese Richard – Dio benedica la vostra vita in ogni momento della giornata. Noi contiamo sul vostro Paese per poter risolvere i nostri problemi, per trovare una sistemazione, un lavoro, per ricominciare la vita».

Il gruppo è composto in maggioranza da cristiani e da una decina di musulmani. La richiesta più pressante è stata quella di ricevere una Bibbia in inglese o il Corano. Tutti, poi, hanno chiesto di incontrare un ministro del culto, di celebrare una messa o concludere una giornata di Ramadan con la preghiera comune, per ringraziare Dio di avere salva la vita e pregare perché si realizzi il sogno di un futuro migliore.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

I mediatori interculturali sono ponti a due sensi: aiutano gli immigrati ma anche le istituzioni italiane

IT | HU
15 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Immigrazione, Sant’Egidio inaugura con il ministro Fedeli due corsi universitari per mediatori interculturali

4 Marzo 2017
LUCCA, ITALIA

I Giovani per la Pace di Lucca e i profughi siriani incontrano il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

3 Marzo 2017
ITALIA

Incendio nella baraccopoli in Puglia: è inaccettabile la morte di due migranti africani

IT | ES | DE
11 Febbraio 2017

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''

6 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Capodanno cinese all'Esquilino, l'integrazione comincia dai bambini

tutte le news
• STAMPA
17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina

13 Febbraio 2017
Roma sette

Migrantes e Sant’Egidio: delusione per interventi su migranti

3 Febbraio 2017
Huffington Post

Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles
tutti i libri

FOTO

1178 visite

1123 visite

1151 visite

1144 visite

1234 visite
tutta i media correlati