Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Novembre 2011 | UNGHERIA

Un comunicato stampa della Comunità di Sant'Egidio dell'Ungheria esprime preoccupazione per un disegno di legge in esame all'Assemblea nazionale su mendicanti e senza fissa dimora

 
versione stampabile

I membri della Comunità di Sant’Egidio in Ungheria e nelle grandi città del mondo frequentano e aiutano le persone senza fissa dimora. Chi vive per strada non è un problema che riguarda il decoro urbano o la salute pubblica ma sono uomini e donne che hanno un nome, un volto e una storia. Abbandonando il pregiudizio è possibile incontrarle e conoscere le loro storie di dolore.

All'Assemblea nazionale ungherese si è dibattuto un disegno di legge (ddl) che minaccia con la reclusione o una multa di 150.000 fiorini chiunque "violi per la seconda volta il divieto di abitare in uno spazio pubblico".

La proposta è sconcertante ed inaccettabile. Getta in una grande disperazione coloro che – specie d’inverno – dormono per strada in costante pericolo di vita. Lancia un messaggio inquietante alla società e a noi tutti. Il fondamento della società è, infatti, la solidarietà con le persone più deboli e vulnerabili. Nel Credo nazionale integrato alla Costituzione del nostro Paese, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2012, si legge: "i membri della nazione ungherese si impegnano a sostenere i fragili e i poveri”. La misura in questione invece criminalizza e stigmatizza proprio i più poveri.

Il ddl non è solo disumano ma è anche irragionevole e inutile. Non può avere nemmeno un effetto deterrente: abitare per strada non è mai frutto di una scelta. Il ddl si inserisce in una serie di misure contro i senza fissa dimora e i mendicanti. Questa tendenza è stata denunciata da varie organizzazioni civili. Il commissario parlamentare per i diritti umani ha chiesto alla Corte costituzionale di annullare i decreti recentemente adottati a Józsefváros1 che sanzionano l’abitare in uno spazio pubblico e il rovistare nei cassonetti.

Secondo i fautori della legge non c’è alternativa: bisogna fermare il degrado urbano. Anche noi vorremmo vivere in una città pulita e civile. Ma per ottenere questo, basterebbe applicare le norme giá esistenti: punire chi provoca una rissa, chi sporca, chi fa rumore da un lato ed aiutare i bisognosi dall'altro.

Il ddl in esame sarebbe una sconfitta per tutti, perfino per i promotori. Una sconfitta della nostra umanità. Se manca la compassione per i più deboli nessuno potrà stare tranquillo. Dove invece c’è rispetto per il povero, il mendicante, l’anziano, lì tutti possono esser fiduciosi di non essere abbandonati quando ci si troverà in difficoltà.

L’alternativa c’è: bisogna combattere non i poveri ma le cause della povertà. I governanti considerino la lotta per sconfiggere ogni forma di miseria come priorità stanziando fondi adeguati. I programmi necessari sono stati elaborati da organizzioni umanitarie esperte. Meritano riconoscimento i collaboratori e i volontari delle organizzazioni caritative che, spesso oltre le proprie forza, cercano di aiutare questi nostri vicini più sfortunati. Ma meritano la nostra stima anche quei nostri concittadini che offrono una tazza di thé caldo, sacchi a pelo; una parola amica. Chi sa quante vite sono state salvate da simili gesti piccoli ma concreti.

Noi facciamo appello all’assemblea nazionale di non adottare il ddl. Inoltre, chiediamo la revoca di tutte le misure prese contro i senza fissa dimora ed i mendicanti. Chiediamo invece di promuovere una politica efficace tesa alla risoluzione di questo problema sociale.

 

 

1 L'VIII distretto di Budapest


 LEGGI ANCHE
• NEWS
17 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

In questa Pasquetta oltre 300 amici della strada con Sant'egidio a pranzo nel circolo sportivo Acea

15 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Lunedì 17 aprile la solidarietà al CRA Acea è di casa. Pranzo a Pasquetta per 250 senza dimora

10 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Entra oggi in funzione la ''Lavanderia di Papa Francesco'' per chi è senza dimora, nei locali di Genti di Pace

IT | ES
4 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Anagrafe dei senza dimora a Roma: associazioni preoccupate che ci sia limitazione dei diritti di chi vive per strada

4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
3 Aprile 2017
MONACO, GERMANIA

A Monaco si ricordano nella preghiera i senza fissa dimora che sono morti in quest'anno

IT | DE
tutte le news
• STAMPA
13 Aprile 2017
El Pais (Spagna)

Lavandería gratis en el Vaticano para los sin hogar

13 Aprile 2017
La Vanguardia

La lavandería del Papa

10 Aprile 2017
Vatican Insider

Senzatetto e poveri, apre la “Lavanderia del Papa”

10 Aprile 2017
Radio Vaticana

Aperta "Lavanderia di Papa Francesco" per i senzatetto

5 Aprile 2017
Avvenire

Roma, il caso dei senza dimora «Meno diritti con nuove regole»

5 Aprile 2017
Il Secolo XIX

Le mamme solidali cucinano torte per i senzatetto

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

tutti i documenti
• LIBRI

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2012





Francesco Mondadori

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri