Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Dicembre 2001

Roma - L'arcivescovo Desmond Tutu a Santa Maria in Trastevere

 
versione stampabile

 

Predicazione dell'Arcivescovo Desmond Tutu
a S. Maria in Trastevere, 20 dicembre 2001

Mt 25

 

Che grandissima gioia essere di nuovo qui tra voi, persone meravigliose, e grazie per le parole calorose di saluto e di accoglienza.

Quando sono venuto qui per la prima volta, nel 1988, ho visitato la chiesa della comunità.

Nella chiesa di Sant'Egidio, vicino all'altare c'era, come sempre, un crocifisso: ma era un crocifisso strano. Cristo non aveva braccia e ho chiesto: "Che tipo di Cristo è questo?". Mi fu risposto: "Il Cristo non ha braccia, se non le tue braccia".

E' molto simile a quello che disse S. Teresa d'Avila: "Il nostro Signore non ha occhi se non i vostri occhi per guardare alla sofferenza e all'angoscia che è nel mondo".

Dio guarda al mondo e credo che ci sono momenti in cui piange quando vede come noi, figli di Dio, ci guardiamo l'un l'altro. E forse Dio si chiede: "Ma come mi è venuto in mente di creare questo genere di persone?". Poi Dio guarda di nuovo, vede la Comunità di Sant'Egidio, allora sorride e dice: "Va bene, è valsa la pena di avere creato tutta questa gente".

Avete pregato per noi in Sud Africa quando lottavamo contro l'apartheid, ci avete sostenuto in tanti modi diversi e oggi noi siamo liberi, democratici, quando tanta gente pensava: "Quel paese brucerà nelle fiamme". E guardate quello che avete aiutato a far nascere in Mozambico: ora loro hanno quasi dieci anni di pace.

Date una bellissima testimonianza in questa città. Il vostro lavoro, soprattutto con gli stranieri, è stato veramente eccezionale. Così Dio piange e sorride. Mi avete raccontato come a Natale qui vengono tolti i banchi e questa chiesa diviene una sala da pranzo e date da mangiare a più di mille persone.

Gesù ha creato problemi a molte persone, che pensavano che il suo standard fosse molto basso e che dovesse avere qualche amico arcivescovo: ma Gesù non aveva amici arcivescovi! I suoi amici erano prostitute.

Immaginatevi se un vostro prete, o il vescovo, fosse visto in un locale a luci rosse e dicesse: sono qui per un lavoro pastorale. La gente non gli crederebbe. Ma è quello che ha fatto Gesù: ha sconvolto le persone per gli amici che si sceglieva ed era solidale con loro, con quelli che erano disprezzati, quelli spinti ai margini della società, quelli che erano senza voce.

E come se non fosse sufficiente, Gesù ha raccontato la storia del giudizio finale e questa volta non ha detto soltanto "questi sono i miei amici: gli affamati, i senza casa, gli assettati, i nudi". Ha detto: "Questi sono io".

Così a Natale, quando date da mangiare a mille persone, con gli occhi giusti, potreste guardare e vedere Gesù. Incredibile, veramente incredibile. Quando asciugate le lacrime di coloro che hanno subito violenza, state asciugando le lacrime di Gesù.

Volete allora vedere Dio? Giratevi, voltatevi e guardate colui che vi sta accanto: è Dio. Perché ognuno di noi porta in sé Dio. Ognuno di noi rappresenta Dio e se veramente noi lo crediamo, immaginatevi che rivoluzione ci sarebbe nel mondo: sarei capace di bombardare Dio? Sarei capace di violentare Dio?

Allora Dio dice: voi, qui, le braccia di questo Gesù, andate fuori e dite alla gente: sei colui che porta in sé Dio, sei prezioso, sei un santuario.

Cosa fai quando passi davanti all'altare? Normalmente ti inchini. E quando passi davanti al Santissimo Sacramento fai una genuflessione. Noi non dovremmo soltanto salutare le persone, dovremmo inginocchiarci davanti a loro, perché sono coloro che portano in sé Dio.

Dio vi benedica per Natale.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Aprile 2010

Antwerpen (Belgio): Festa per il 42° anniversario della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | PT | CA | NL
30 Marzo 2010

Roma: Preghiera in memoria dei testimoni della fede del nostro tempo - Omelia del card. Stanisław Ryłko

IT | DE
7 Febbraio 2010

Il 42° Anniversario della Comunità di Sant'Egidio a Genova. L'omelia del card. Angelo Bagnasco

IT | NL
10 Febbraio 2009

Bari (Italia) - L'Arcivescovo, mons. Francesco Cacucci, presiede la preghiera della Comunità, in occasione del 41° anniversario nella chiesa di San Giovanni Crisostomo. OMELIA

29 Maggio 2015

"Olivier Clément, uno spirituale europeo" da giugno in libreria

18 Luglio 2014
ROMA, ITALIA

"I poveri sono il luogo privilegiato della presenza di Cristo"

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
29 Ottobre 2016
Avvenire

Il Vangelo che manca: una nuova ignoranza, un antico nodo

24 Settembre 2013
Avvenire

D'Acquisto e gli altri eroismo quotidiano

15 Dicembre 2012
Avvenire

I futuri che si credono perduti. Il futuro che credo e so

9 Dicembre 2012
corriere delle Alpi

Ricordati che l'uomo non è solo materia. Il denaro non è l'unica misura delle cose e delle azioni: esiste anche la gratuità

9 Maggio 2012
La Provincia Frosinone

Il sogno di Dio per il mondo

15 Aprile 2012
il Cittadino

Martiri per la fede e la speranza

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Programma in RUSSO

Programma in ITALIANO

Matteo Zuppi

"IL SIGNORE CI AIUTI A VIVERE INSIEME" - Omelia di Mons. Matteo Zuppi

tutti i documenti

FOTO

178 visite

166 visite

165 visite

337 visite

270 visite
tutta i media correlati