Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
23 Febbraio 2012 | STRASBURGO, FRANCIA

Vietati i respingimenti collettivi di immigrati. Una decisione storica della Corte Europea.

La sentenza sul caso Hirsi può aiutare a ridurre le morti nel Mediterraneo. Riconosciuto il divieto di reimpatrio in paesi a rischio e di richiedenti asilo. Necessari, sempre accertamenti individuali delle condizioni di pericolo e della condizione di pro

 
versione stampabile
 
COMUNICATO STAMPA:
Con la sentenza resa sul caso Hirsi e altri contro l’Italia, il Giudice di Strasburgo ha condannato la pratica dei respingimenti in mare, ripetutamente attuati da mezzi navali italiani senza  dare ai migranti, riportati contro la loro volontà sulle coste libiche, l’opportunità di richiedere asilo o altra forma di protezione internazionale.
Una decisione storica, che può anche contribuire a ridurre il numero delle vittime nel Mediterraneo: almeno 1500 solo nel 2011.
I fatti cui la sentenza si riferisce sono legati alla nota decisione italiana, di riaccompagnare a Tripoli, su imbarcazioni italiane, circa 200 persone di nazionalità somala ed eritrea (tra cui bambini e donne in stato di gravidanza), contro la loro volontà, senza che fossero prima identificati, ascoltati e neppure preventivamente informati sulla loro destinazione. In tal modo i migranti intercettati in acque internazionali il 6 maggio 2009 a 35 miglia a sud di Lampedusa non ebbero alcuna possibilità di presentare richiesta di protezione internazionale in Italia.
Molti dei respinti hanno poi subito maltrattamenti e violenze al loro ritorno in Libia. Altri sono morti tentando di raggiungere nuovamente le coste italiane, secondo testimonianze di compagni di viaggio, successivamente e diverse testimonianze di familiari e amici giunti fortunosamente in Italia che la Comunità di Sant’Egidio ha incontrato ed accolto.
Tra coloro che invece si sono salvati c’è anche chi, dopo essere stato respinto, ha di nuovo rischiato la vita per mare, riuscendo finalmente ad arrivare in Italia e ad ottenere lo status di rifugiato.
 
La Comunità di Sant’Egidio aveva con forza suggerito al governo italiano di non attuare una politica di respingimento indiscriminato, che contravveniva gli standard europei che vietano:
1) secondo il principio di non-refoulement, l’espulsione e il rimpatrio verso un Paese in cui esista il rischio di essere sottoposti a torture o altri trattamenti inumani o degradanti;
2) l’espulsione collettiva di stranieri sancita dall’art.4 del Protocollo n.4 alla Convenzione Europea dei Diritti Umani (CEDU) prima di essere identificati e consegnati alle autorità libiche (che non avevano aderito alle Convenzioni internazionali, nel campo, come è noto );
3) il respingimento di persone senza che queste abbiano la possibilità, prima, di presentare domanda di protezione in Italia.
 
Numerosi ricorsi sono stati accolti e molti dei respinti, dopo un secondo viaggio, hanno visto la propria domanda di asilo accolta, per intervento dell’ ACNUR. Molti sono poi fuggiti in Tunisia dopo l’inizio del conflitto in Libia, altri sono stati oggetto di rappresaglie da parte di milizie fedeli al regime, sia da parte degli insorti, altri hanno dovuto nascondersi nel deserto senza acqua e cibo. Uno dei ricorrenti – ricorda l’Unione forense per la tutela dei diritti umani - , E.B., è riuscito a raggiungere successivamente l’Italia ed è stato trattenuto per mesi nel CARA di Crotone in attesa di una decisione sulla domanda di asilo. Il 21 giugno 2011 ha visto riconosciuto lo status di rifugiato da parte delle autorità italiane dopo un primo respingimento.
Non siamo felici della condanna che colpisce il nostro Paese, anche se era prevedibile e se la Comunità di Sant’Egidio aveva invitato il governo italiano a ripensare il provvedimento.
 
La decisione della Corte europea favorisce definitivamente, ci auguriamo, una politica saggia e rispettosa dei diritti umani di fronte alle grandi migrazioni mondiali. E’ un’occasione, in maniera lineare e trasparente, per rilanciare una iniziativa europea, concordata, per fare fronte al problema delle migrazioni verso l’Europa.
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
11 Febbraio 2017

Decreto immigrazione, l'appello di Impagliazzo al Parlamento: ''Si ispiri a princìpi di umanità e integrazione''

1 Febbraio 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

30° Summit dell’Unione Africana, una delegazione di Sant’Egidio incontra il nuovo presidente Moussa Faki

IT | ES | DE | PT
25 Gennaio 2017

Verso la Giornata della Memoria della Shoah #pernondimenticare

IT | PT
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
21 Ottobre 2016

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

25 Agosto 2016
VILLA LITERNO, ITALIA

Memoria di Jerry Masslo, nell'anniversario della sua uccisione, nel 1989

tutte le news
• STAMPA
3 Febbraio 2017
Huffington Post

Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald

26 Gennaio 2017
Vatican Insider

“Giornata della Memoria”, Sant’Egidio: no all’indifferenza per non essere complici di nuovi razzismi

22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

22 Gennaio 2017
El Pais (Spagna)

Papa Francisco: “El peligro en tiempos de crisis es buscar un salvador que nos devuelva la identidad y nos defienda con muros”

22 Novembre 2016
Corriere della Sera

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

21 Ottobre 2016
L'huffington Post

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
14 Gennaio 2017 | LUCCA, ITALIA

Conferenza ''I corridoi umanitari: un modello per l'Europa''

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
29 Settembre 2014
ANSA

Obama contro le discriminazioni razziali in America. Anche pena di morte applicata su base razziale

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

Dati sulla Scuola di Lingua e Cultura Italiana - Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

VIDEO FOTO
3:11
Clochard aggrediti selvaggiamente a Genova

1736 visite

409 visite

352 visite

374 visite

354 visite
tutta i media correlati