Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
3 Aprile 2012 | SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Comunicato stampa: Incontro Mondiale per la pace nella città martire di Sarajevo

A vent’anni dal dramma della guerra in Bosnia e Erzegovina

 
versione stampabile

La Comunità di Sant’Egidio e l’Arcidiocesi di Vrhbosna-Sarajevo, in stretta collaborazione con il Patriarcato Serbo ortodosso, la Comunità Islamica e la Comunità Ebraica di Bosnia ed Erzegovina, promuovono il più grande avvenimento di dialogo religioso e politico dalla guerra ad oggi.

Dal 9 all’11 settembre 2012, centinaia di leader religiosi di tutte le confessioni, dai Balcani e dal resto del mondo, uomini di cultura e responsabili della società civile, su invito della Comunità di Sant’Egidio e del Card. Vinko Puljic, si sono dati appuntamento a Sarajevo per affrontare i temi del mondo contemporaneo e della convivenza in un luogo simbolo della storia contemporanea.

Se ne dà annuncio in occasione del ventesimo anniversario dell’inizio dell’assedio a Sarajevo.

L’iniziativa è sostenuta dal pieno appoggio di tutte le realtà governative della Bosnia ed Erzegovina e vedrà la partecipazione dei leaders delle grandi religioni, oltre a Capi di Stato e ad esponenti del mondo politico e culturale internazionale.
L’evento si colloca nella linea degli eventi annuali di dialogo interreligioso - dopo il 25° tenutosi a Monaco di Baviera - promossi dalla Comunità di Sant’Egidio nello spirito di Assisi, la storica Giornata di Preghiera voluta dal Beato Giovanni Paolo II nel 1986.

L’incontro di Sarajevo - luogo di sofferenza e di speranza, antica società della convivenza tra diversi –  vuole riaffermare la cultura del vivere insieme come valore europeo e proposta dell’Europa al mondo intero.

Il programma: Assemblea Plenaria nel pomeriggio di domenica 9 settembre; 30 Panels, sui temi più emergenti del dialogo ecumenico ed interreligioso, della convivenza e della ricerca di pace nelle società contemporanee; Manifestazione Finale la sera di martedì 11 settembre, nel cuore della città vecchia, dove sarà proclamato e firmato un comune Appello di Pace.

Giovedì 26 aprile alle ore 11.00 a Sarajevo, nella Sala del Seminario Maggiore che accolse Giovanni Paolo II nella sua storica visita del 1997, avrà luogo una Conferenza Stampa di presentazione dell’avvenimento.

Per i media mondiali sarà necessario accreditarsi. (Piazza di S.Egidio 3/a – 00153 Roma - Tel 39.06585661  -  Fax 39.065883625  – [email protected]).

 

Sarajevo, 20 anni dopo...


In questi giorni, con esattezza il 5 aprile del 2012 - Giovedì di Passione della nostra Settimana Santa – si compiono venti anni dalla tragica guerra in Bosnia e Erzegovina e dal drammatico assedio della città di Sarajevo.

Si è trattato del più lungo assedio del ‘900, dall’aprile 1992 al febbraio 1996. Quattro anni di violenza, di sofferenza, di bombe ogni giorno… è un suono tutto particolare a cui le mie orecchie si erano abituate, tanto da essere costretto oggi ad un apparecchio per poter riacquistare l’udito perso in quegli anni.

Non è facile a venti anni di distanza – un tempo ancora troppo breve - raccontare quello che è avvenuto a Sarajevo, città della antica convivenza tra cristiani, ebrei e musulmani, da sempre. Ma anche città del conflitto e della sofferenza. Sarajevo racchiude in qualche modo l’inizio e la fine di ogni guerra del ‘900. Da Sarajevo, infatti, ebbe origine all’inizio del secolo passato, la prima guerra mondiale. A Sarajevo l’ultimo tragico conflitto del ‘900. Sarajevo, città della sofferenza e della speranza. Giovanni Paolo II nella sua storica visita del 1997 chiamò Sarajevo la “Gerusalemme dell’Europa”…

Ma cosa è avvenuto a Sarajevo? Una guerra violenta e senza senso - come ogni guerra - che ha abituato molti a credere che i cattolici, gli ortodossi, i musulmani e gli ebrei non potessero più vivere insieme. Una contrapposizione tra Croati, Serbi, Bosniaci. Una realtà di popoli diversi che per secoli avevano vissuto insieme ad un tratto comincia a dividersi e a contrapporsi…
Io, come vescovo della città, ho voluto restare. Sono stato il pastore di tutti gli abitanti di Sarajevo. Non sono fuggito. Sono rimasto con la mia gente per tutti e quattro gli anni dell’assedio, condividendo giorno dopo giorno ogni dolore ed ogni tenue speranza di futuro. Ma c’era ancora un futuro? Quale futuro con oltre 11.000 persone uccise da bombe gettate a caso per tutto il giorno, dalla mattina alla sera, dai cannoni collocati sui monti che circondano la città? Duemila bambini morti, ebrei, cristiani e musulmani, i cui nomi oggi sono scritti insieme sulle cinque colonne in una piazza centrale della città. I bambini di Sarajevo. E tanti altri che ancora sono colpiti da forme tumorali a causa dell’uranio impoverito usato nei bombardamenti… Eppure un futuro doveva esistere per tutti… Siamo cristiani, amiamo la vita, crediamo che un futuro possa sempre esistere, che la guerra non sia mai l’ultima parola…

Tanti i ricordi personali di quei lunghi, interminabili anni… Ho voluto essere il vescovo di tutti, dei cattolici, degli ortodossi, degli ebrei e dei musulmani, anche dei non credenti. Ho capito più a fondo che anche se nella violenza della guerra è più urgente e forse più chiaro, forse sempre, sì sempre, un vescovo è chiamato ad essere vescovo di tutti…

Ma vorrei anche parlare di quanto sia importante l’amicizia e il contatto con gli altri quando si è soli e circondati dal male, minacciati ogni giorno, assediati come a Sarajevo. Penso all’amicizia e alla profonda comunione con Giovanni Paolo II. Penso all’incontro con lui nel gennaio 1993, per la preghiera ad Assisi per i Balcani. Eravamo ancora durante l’assedio.

A vent’anni dalla tragedia della guerra e dell’assedio di Sarajevo vorrei annunciarvi con gioia che stiamo preparando con la Comunità di Sant’Egidio un grande incontro mondiale per la pace a Sarajevo. Si svolgerà dal 9 all’11 settembre prossimo e raccoglierà i rappresentanti delle chiese cristiane e della grandi religioni, per dire insieme NO  alla guerra, alla violenza, alla divisione. Per dire che il futuro esiste per tutti, ed esiste solo nel vivere insieme. Non c’è futuro senza convivenza, per Sarajevo, per la Bosnia e Erzegovina, per l’Europa e per il mondo intero.
Spero davvero che un grande messaggio di pace possa salire da Sarajevo e diffondersi per ogni terra ed ogni popolo, per il mondo intero. Sarajevo, città della divisione, della guerra della sofferenza possa diventare città del sogno della pace per l’Europa e per il mondo intero. Pace, convivenza ed uguaglianza. Invito tutti ad essere con noi a Sarajevo il prossimo settembre.

5 aprile 2012

Lettera di Sua Eminenza il Card. Vinko Puljic
Arcivescovo di Vrhbosna-Sarajevo


 LEGGI ANCHE
• NEWS
9 Maggio 2017

More Youth, more peace: a Barcellona la prossima tappa degli incontri dei Giovani per la Pace #EuropeDay #festaEuropa

IT | ES | DE | CA
29 Aprile 2017

Il nostro compito è quello di pregare gli uni per gli altri domandando a Dio il dono della pace

IT | ES | DE | FR | PT
26 Aprile 2017
BERLINO, GERMANIA

Firmato oggi a Berlino un accordo di cooperazione tra la Comunità di Sant'Egidio e il Governo tedesco

IT | ES | DE | FR | PT | RU
19 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

È ai piedi del risorto che nasce la fede cristiana - l'omelia del pastore valdese Paolo Ricca

18 Aprile 2017
PARIGI, FRANCIA

Firma al Quai d'Orsay di Parigi un accordo di cooperazione tra Sant'Egidio e il governo francese

IT | DE | FR
8 Aprile 2017
CATANIA, ITALIA

Nella cattedrale di Catania un popolo in festa per celebrare i 49 anni della Comunità di Sant'Egidio

tutte le news
• STAMPA
21 Maggio 2017
Deutsche Welle

Bundesregierung will Religionen stärker in die Pflicht nehmen

14 Maggio 2017

Die "Uno von Trastevere" wirkt auch in Berlin

11 Maggio 2017
Famiglia Cristiana

Il dialogo: scelta non debole ripiego

30 Aprile 2017
Corriere della Sera

L’intervento. Il patto con l'islam che aiuta l'unità tra cristiani

28 Aprile 2017
FarodiRoma

In Egitto l’abbraccio del Papa con il Grande Imam di Al-Azhar: Francesco, fratello caro

28 Aprile 2017
Notizie Italia News

Il paese senza bambini. E senza immigrati?

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
24 Maggio 2017 | ROMA, ITALIA

Seminario: La pluralità religiosa in Indonesia durante gli anni della riforma

11 Maggio 2017 | NOVARA, ITALIA

Preghiera per la pace con il vescovo armeno di Damasco Armash Nalbandian

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

ASSISI 2016 - il programma in pdf

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Ahmad Al Tayyeb - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà - Parigi 2016

tutti i documenti
• LIBRI

La forza disarmata della pace





Jaca Book

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri