Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
6 Giugno 2012 | ROMA, ITALIA

La lingua italiana, strumento di integrazione

Più di trecento lavoratori immigrati sostengono gli esami presso la Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Se si vuole capire il percorso di vita di uomini e donne straniere, che di solito osserviamo nella vita quotidiana della nostra città come lavoratori nelle case o nei cantieri, bisogna vederli in altri momenti.

Uno di questi è la sessione di esame che ha raccolto più di 300 candidati nei locali dell’ex-complesso ospedaliero S. Gallicano, dove il 4 giugno si sono svolte le prove per il conseguimento del certificato di competenza della lingua italiana CELI, realizzate dalla Comunità di Sant’Egidio in collaborazione con il CVCL dell’Università per Stranieri di Perugia.

Un’immagine plastica non solo di una futura integrazione possibile, ma di una realtà e di una comune storia già costruita: persone amiche tra loro anche se provenienti da tanti paesi diversi, generazioni sedute l’una a fianco dell’altra, un mondo composito che parla più di cinquanta lingue diverse, europee ed extraeuropee, ma che per comprendersi utilizza un’unica lingua. L’italiano appunto, su cui la prova d’esame è incentrata.

Alcuni sono in Italia magari solo da un anno, o meno ancora, altri hanno ripreso a studiare dopo aver trascorso in questo paese periodi lunghi a volte quanto la metà della propria vita: la lingua è un bagaglio che cresce e muta assieme ai passi di chi viene da lontano. Accompagna e sostiene i primi tempi quando basta spiegare e comprendere l’essenziale, rende possibili i passaggi più maturi, quando alimenta i sogni e nutre i progetti di una vita stabile.

La Scuola di Lingua e Cultura Italiana della Comunità di Sant’Egidio conosce tutti questi passaggi: aperta trent’anni fa, ha visto passare nelle sue aule quasi 40.000 studenti  solo a Roma, e negli anni ha aperto altre 12 sedi al Nord, Centro e Sud Italia, nei capoluoghi o nelle zone di maggior concentrazione di immigrati, come a Milano, Firenze, Napoli, Caserta o Padova. La scuola, ove operano tutti professionisti volontari, è completamente gratuita e copre l’offerta formativa su tutti i 6 livelli di competenza del Quadro Comune Europeo di Riferimento. Nel 1989 la scuola ha ottenuto il riconoscimento del Ministero della Pubblica Istruzione.

Sohel, 24 anni, bengalese, al termine della prova commenta: “Avevo paura dell’esame, anche se ho frequentato tutto l’anno, di domenica, nella pausa del mio lavoro come lavapiatti al ristorante. La mia insegnante mi aveva detto di non preoccuparmi, ma io pensavo che lo dicesse per incoraggiarmi. Invece non è stato molto difficile e spero di aver superato la prova. Con il livello A2, che sto facendo quest’anno, posso ottenere la carta di soggiorno, però voglio andare avanti a studiare, perché l’italiano mi piace. E anche gli italiani….”


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Settembre 2016
TORINO, ITALIA

Riapre la scuola di italiano di Sant'Egidio nel quartiere multietnico di San Salvario a Torino

25 Agosto 2016
VILLA LITERNO, ITALIA

Memoria di Jerry Masslo, nell'anniversario della sua uccisione, nel 1989

15 Agosto 2016

Mediterraneo, un mare di ponti: tre giorni di incontri tra giovani italiani e nuovi europei in Puglia

IT | FR
10 Agosto 2016
VENTIMIGLIA, ITALIA

Accoglienza è ... insegnare il francese ai migranti alla frontiera di Ventimiglia. Lo fanno i Giovani per la Pace di Genova

IT | FR | HU
9 Agosto 2016
CATANIA, ITALIA

Mare, giochi e integrazione: giovani dalla Sicilia e dal mondo danno il via a #tregiornisenzafrontiere

9 Agosto 2016
NAPOLI, ITALIA

Estate in Campania fa rima con solidarietà: la proposta di Sant'Egidio che fa bene a chi aiuta e chi è aiutato

tutte le news
• STAMPA
11 Luglio 2016
La Provincia Pavese

Pavia. Canti, balli e cibo dopo il digiuno. Si festeggia la fine del Ramadan

20 Giugno 2016
Città Nuova

Un sistema di integrazione. Tre domande a Daniela Pompei

9 Giugno 2016
Gazzetta del Sud

Riccardi: «Senza Mediterraneo non c'e Europa»

5 Giugno 2016
Il Secolo XIX

La vita dei migranti raccontata a duemila ragazzi delle scuole

19 Aprile 2016
Vatican Insider

“I profughi? Non basta accoglierli, bisogna inserirli”

18 Aprile 2016
Corriere della Sera

I profughi arrivati a Roma con il Papa. Ritorno alla vita (a scuola di italiano)

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V

Dopo la paura, la speranza





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1060 visite

1138 visite

1099 visite

1053 visite

1082 visite
tutta i media correlati