Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
29 Luglio 2002

Matola (Mozambico) - E' una bambina la prima nata nel centro dove si attua la terapia con i farmaci antiretrovirali

 
versione stampabile

A tre mesi dall'introduzione della terapia con farmaci antiretrovirali alle donne in gravidanza, nel Centro di Salute di Matola II è nata la prima bambina "protetta" dal virus. 


Dall'inizio del mese di maggio, nel Centro di Salute di Matola II è iniziata la terapia antiretrovirale alle donne in gravidanza per impedire la trasmissione madre-bambino. Sono circa 300 le donne prese in cura, da allora, dalla Comunità. E' una bambina la prima nata da una delle prime donne prese in cura.

Oggi è festa nel Centro di Salute di Matola II, dove da alcuni mesi la Comunità ha avviato il programma che ha come obiettivo quello di prevenire la trasmissione del virus dell'AIDS dalla madre al bambino e, allo stesso tempo, quello di curare le madri. C., 24 anni, sieropositiva, due figli già morti di AIDS, ha da poco dato alla luce un bella bambina. C. è stata una delle prime donne che, da maggio di quest'anno, è entrata a far parte del nostro programma.

Ricordiamo il primo incontro con lei, giovane donna giunta al nostro Centro quando era già al settimo mese di gravidanza: il terrore davanti alla proposta di fare le analisi, poi la paura davanti alle siringhe, strumenti che non aveva mai visto. Ma, ridendo, scherzando e tenendole la mano, la paura è stata superata. Poi, però, abbiamo dovuto comunicarle che era sieropositiva: un momento per lei difficile e doloroso. C. aveva sentito parlare dell'AIDS come di una grande maledizione, una condanna senza speranza. Aveva già vissuto il dolore della perdita di due figli, senza capire il perché. 

Il primo incontro con lei è stato l'incontro con una donna rassegnata davanti ad un destino che le appariva ineluttabile. 

Settimana dopo settimana – ogni volta che C. tornava al Centro per prendere la terapia - l‘amicizia è cresciuta. Ha cominciato a parlare della sua vita. Ci ha raccontato una storia difficile di violenze, di abbandoni, di dolore per la perdita di tante persone care. I milioni di vittime che l'AIDS miete in Africa non sono numeri. Sono persone, storie, volti. 

C. ci ha parlato con preoccupazione del futuro del figlio che sarebbe nato. Dovrà tirarlo su da sola? Rimarrà orfano? Ci ha parlato del timore per il domani. Un domani che si preannunciava difficile e incerto.

Ma dall'incontro con i medici, gli infermieri, gli amici della Comunità, C. ha ricevuto una buona notizia: l'AIDS poteva essere combattuto, la vita del figlio che stava per nascere poteva essere preservata. Il nostro ambulatorio, allora, è divenuto, prima di tutto, il luogo della speranza. La speranza di poter essere curata e sostenuta, di poter far nascere sano il suo prossimo figlio. 

C., insieme ai nuovi amici, ha potuto fare la scelta di lottare, di non cedere alla rassegnazione e alla disperazione. Ma prima ancora di iniziare questa lotta aveva già vinto la sua prima battaglia: contro la solitudine e l'abbandono. Non avrebbe mai più lottato da sola.

Fin dal settimo mese di gravidanza, ha iniziato la terapia con i farmaci antiretrovirali secondo il protocollo terapeutico messo a punto dalla Comunità. C. non lo sapeva, ma era una delle prime donne di tutta l'Africa ad utilizzare questo protocollo nuovo, il cui obiettivo non è solo quello di preservare la vita del bambino, ma anche quello di curare la madre.

Il momento del parto è venuto alcuni giorni prima del previsto, nel cuore della notte, mentre C. si trovava ancora nella sua povera baracca di terra e lamiera. Come fare per arrivare al Centro di Salute di Matola II, dove – ne era certa - avrebbe ricevuto aiuto? Gli spostamenti, in questi quartieri di baracche e capanne, dove non c'è alcuna illuminazione sono già molto difficili durante il giorno, tanto più la notte, senza alcun mezzo di trasporto. C., aiutata da alcuni vicini, si è messa in cammino per cercare di arrivare al Centro di Matola II. Non c'è riuscita, si è dovuta fermare nel corso del cammino presso un altro ospedale, dove è nata la sua bambina. 

Ma, C. non si è data per vinta. Sì, la parola rassegnazione sembra proprio scomparsa dal suo vocabolario. Appena riprese le forze, subito dopo avere partorito, si è rimessa in cammino, nonostante il freddo dell'inverno mozambicano. Stringendo al petto la piccola, avvolta in una coperta, si è avviata verso il Centro di Matola II. 

Sapeva – nel corso delle settimane precedenti, le era stato spiegato con cura - che doveva arrivare al nostro Centro di Salute al più presto, affinché anche la bambina potesse ricevere i farmaci che potevano proteggerlo dal virus. É arrivata stremata, ma in tempo utile. La piccola neonata ha ricevuto la terapia necessaria. 

Anche C. continuerà a ricevere la sua terapia, oltre a tutto ciò che è necessario per permetterle un allattamento sicuro. Un'altra battaglia è vinta!

Oggi è festa a Matola II. Ma non è che l'inizio. Il numero delle nostre "pazienti" e amiche cresce di giorno in giorno…

Leonardo Emberti


 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Aprile 2017
BERLINO, GERMANIA

Giovani, Africa e dialogo interreligioso al centro del lungo colloquio a Berlino tra Andrea Riccardi e Angela Merkel

IT | EN | ES | DE | FR | PT
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR | NL
5 Aprile 2017
BENIN

Andrea Riccardi alle Comunità del Benin: un paese crocevia di etnie può insegnare il gusto di vivere insieme

IT | DE | NL
2 Aprile 2017
TOGO

Sant'Egidio, un popolo di amici sulla strada, con i poveri: la visita di Andrea Riccardi alle Comunità del Togo

IT | ES | DE | FR | NL
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
tutte le news
• STAMPA
22 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Senza arrendersi alla disumanità

20 Aprile 2017
SIR

Corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio in Etiopia per aprire il primo canale dall’Africa

14 Aprile 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Il mercato della fede tra sette, miracoli e promesse di soluzione dei problemi quotidiani

28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

238 visite

151 visite

150 visite

159 visite

162 visite
tutta i media correlati