Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
4 Marzo 2013 | MOSCA, RUSSIA

Un tavolo delle associazioni di Mosca per l’assistenza ai senza fissa dimora

Su proposta degli Amici della Comunità di Sant'Egidio nasce il primo coordinamento per intervenire sul drammatico problema di chi non ha casa

 
versione stampabile

A seguito della proposta avanzata un anno e mezzo fa durante il convegno cittadino Una città più umana: uno sguardo ai senza fissa dimora” (18 ottobre 2011), organizzata dagli “Amici della Comunità di Sant’Egidio”, che aveva visto la partecipazione di rappresentanti della società civile, delle istituzioni e della Chiesa ortodossa russa, il Dipartimento per le politiche sociali del Comune di Mosca ha istituito un tavolo di consultazione sull’assistenza ai senza fissa dimora al quale parteciperanno varie organizzazioni, tra le quali la Comunità di Sant’Egidio.
Tale organo consultivo, che non ha precedenti nella storia della città, aiuterà le istituzioni a formulare e coordinare nuovi programmi di assistenza alle tante persone che vivono per strada nella capitale russa.

Il problema dei senza fissa dimora a Mosca, e in generale in Russia, ha dimensioni enormi. Nonostante i dati delle statistiche ufficiali parlino di circa 7000 senza fissa dimora nella sola capitale, le organizzazioni che lavorano con i poveri sostengono che la cifra reale è molto più alta. Secondo alcuni si arriverebbe addirittura a 100.000 persone. È un popolo di invisibili che vive nelle stazioni ferroviarie della città, nei sottopassaggi, nelle zone industriali abbandonate e nelle periferie. Giovani e adulti, soprattutto uomini, ma anche donne anziani e disabili, sfidano quotidianamente le difficoltà di una città che ancora poco è pronta ad accoglierli e, nei mesi invernali, soffrono per il gelo, che in molti casi ne provoca la morte per assideramento.

Gli “Amici della Comunità di Sant’Egidio” dal 2002 hanno iniziato ad incontrare le persone senza fissa dimora nei luoghi dove essi vivono, in particolare nelle stazioni ferroviarie, distribuendo pasti caldi, vestiti, coperte e, soprattutto, diventando loro amici. L’amicizia, infatti, è la chiave di comprensione di questo servizio, che infatti si chiama “Amici per la strada”.

Negli anni sono nate delle belle storie di amicizia tra giovani moscoviti e senza tetto, come quella con Natasha, una giovane donna bielorussa che per molti anni ha frequentato gli amici della Comunità, ha partecipato ai pranzi di Natale e alle vacanze estive. Natasha è morta per un malore qualche settimana fa  e, grazie alla mobilitazione degli “Amici della Comunità di Sant’Egidio”, è stato possibile organizzare il suo funerale in una parrocchia ortodossa, cosa estremamente rara perché di solito quando muore una persona senza fissa dimora viene seppellita dal comune in una fossa comune senza alcun funerale religioso.

Natasha e gli altri amici senza fissa dimora che sono morti quest’inverno saranno ricordati durante l’annuale preghiera per ricordare chi è morto per stradanella chiesa dei SS. Cosma e Damiano domenica 3 marzo. Tale preghiera, che è diventata ormai una tradizione per tanti poveri e amici dei poveri, ha iniziato ad essere celebrata alcuni anni fa, quando nel 2006 morì una delle prime amiche, Lilia, che gli “Amici della Comunità di Sant’Egidio” avevano conosciuto per strada. Quella morte ha lasciato una ferita aperta ed ha spinto gli amici della Comunità a lavorare ancora di più per i poveri della città.

Oggi gli “Amici della Comunità di Sant’Egidio” sono diventati una realtà autorevole a Mosca per ciò che concerne l’assistenza ai senza fissa dimora e negli ultimi anni i mass media locali sempre più spesso sono attratti dall’umanità e dall’originalità che caratterizza il loro servizio.

OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Gennaio 2017

Riscaldiamo l'inverno delle persone senza dimora: sono nostri amici, continuiamo ad aiutarli

IT | FR
18 Gennaio 2017
KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più

IT | HU
16 Gennaio 2017

In questi giorni di tanto freddo penso e vi invito a pensare a tutte le persone che vivono per la strada

IT | EN | DE | FR | PT
14 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo

IT | ES | DE | RU
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
23 Gennaio 2017
Gazzetta di Parma

Servono coperte e giacche per i senzatetto

19 Gennaio 2017
ANSA

Coperte per senzatetto raccolte a Genova

16 Gennaio 2017
Avvenire

Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte

14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano

Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto

13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard

13 Gennaio 2017
Vatican Insider

Una chiesa del Vaticano aperta per far dormire i senzatetto

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

tutti i documenti
• LIBRI

Rapporto sulla povertà a Roma e nel Lazio 2012





Francesco Mondadori

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

187 visite
tutta i media correlati