Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Agosto 2013 | TIRANA, ALBANIA

La prima estate tutti insieme nella casa famiglia di Tirana

Dopo la chiusura - lo scorso novembre - dell'ospedale psichiatrico, è iniziata una nuova vita nella "casa rossa", con amici da ogni parte d'Italia.

 
versione stampabile

 L'estate è sempre un momento di particolare vicinanza ai nostri amici della Casa Famiglia di Tirana (conosciuta anche come la “shtepia e kuqe” - la casa rossa). In tanti si sono avvicendati per rendere l'estate un tempo in cui vivere la gioia di poter stare insieme e rinnovare una storia di amicizia davvero lunga e fedele. 

Dalla vacanza al mare fino alla normale quotidianità, tutto diventa straordinario per coloro che fino a novembre erano chiusi nell’ospedale psichiatrico, e ora vivono la prima estate di libertà tutti insieme nella nuova casa. Così rilassarsi sotto l’ombrellone, giocare una partita di calcetto, cenare tutti insieme all’aperto, prendere l’autobus per andare a visitare la nuova cattedrale ortodossa, sono segni di un miracolo che cresce. 

Per alcuni, andare al mare dopo tantissimo tempo e vedere tutta quella sabbia e quell'acqua è stato un momento di emozione e commozione. Altri, che erano già stati gli anni scorsi, erano pronti sulla porta di casa, tre ore prima della partenza, con la valigia in mano!

Per tutti una bella cena all’aperto, circondati da ulivi, è stata l’occasione per brindare, cantare, e ringraziare “gli amici italiani che fanno vivere bene”, come ci ha detto Bardhi alzando il bicchiere di vino, felice di una vita ritrovata. 

La giornata per i sedici ospiti delle due case famiglie è varia. Al mattino dopo la colazione e le barbe tutti pronti per uscire per una piccola pausa al bar o qualche partita di domino in casa, senza tralasciare una lettura della gazzetta sportiva per le ultime notizie sul calcio estivo che interessano a Gramozi. Per alcuni ci sono le visite settimanali dei parenti, felici e riconoscenti per la nuova vita dei loro cari.

Poi Arben, Bujar e Gimi aiutano a preparare la tavola mentre Drita, la cuoca finisce di preparare un buon pranzo estivo albanese che si apre con un “tarator” a base di yogurt molto apprezzato da tutti gli amici della casa. 

Il pomeriggio, dopo un riposo ognuno nella propria stanza rinfrescati dall’aria condizionata, trascorre tutti insieme nel cortile della prima casa, più ampio e accogliente, per una festa con musica, giochi e gli immancabili balli albanesi. Un buon gelato o una fresca macedonia fanno piacere e rallegrano i nostri amici. 

Spesso si esce per una piccola gita a piccoli gruppi o tutti insieme nei dintorni di Tirana. Le mete sono le più diverse: si sale verso la montagna del Dajti alla ricerca del fresco, si visita il castello di Petrela o si va al parco nel centro della città dove si trova un lago artificiale.

A tutti - dopo anni di "reclusione", piace molto uscire con il pulmino per attraversare la città e vedere com’è cambiata. A volte, per strada, si incontrano dei vecchi amici e ci si ferma per due chiacchiere presentando, orgogliosi, anche gli amici della Comunità.

Non ci si dimentica di visitare coloro che sono tornati nelle loro famiglie e non vivono nella "casa rossa": Namik e Shpetim aspettavano i loro amici della Comunità e ci hanno fatto una bellissima accoglienza.

Così come Juigin ed Elvis, altri due amici malati molto giovani che abbiamo visitato nelle loro case. Le loro madri ci hanno ringraziato per la fedeltà e il sostegno della Comunità che non si è dimenticata di loro.

Ma non è possibile dimenticare nessuno: nelle foto è evidente, come l'amicizia abbia creato un'unità: c'è, tra chi visita e chi è visitato, tra chi aiuta ed è aiutato, una evidente somiglianza, un'aria di famiglia: lo stesso sorriso, la stessa gioia di una vita ritrovata.

E la prova migliore che la "casa rossa" è veramente la cura migliore per chi nella vita aveva incontrato tanto dolore: una casa e una famiglia.

OGGETTI ASSOCIATI
FOTO

511 visite

475 visite

453 visite

471 visite

494 visite

490 visite

519 visite

 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
3 Marzo 2017
ADJUMANI, UGANDA

I bambini della School of Peace nel campo profughi di Nyumanzi studiano tutti i giorni e ne sono orgogliosi

IT | ES | DE | NL
21 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

La benedizione di una lunga vita: Michele ha compiuto 101 anni! Auguri da tutta la Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | FR | RU
9 Febbraio 2017

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità

IT | ES | DE | FR | PT | CA
8 Febbraio 2017

Sant'Egidio, 49 anni: un appello per una cultura della pace e solidarietà con i poveri #periferiealcentro

IT | ES | DE | FR | CA | RU
7 Febbraio 2017

La Comunità di Sant'Egidio compie 49 anni. Grazie a chi realizza questo sogno ogni giorno con le #periferiealcentro

IT | ES | DE | FR | PT | RU
tutte le news
• STAMPA
25 Marzo 2017
SIR

Disabilità: Capparucci (Sant’Egidio), “nella legge del Dopo di noi si incentiva l’aiuto della comunità”

7 Marzo 2017
Avvenire

Sabrina, la luce dei disabili (spenta dal suo papà)

6 Marzo 2017
Avvenire

La chiusura dell'ultimo «carcere» psichiatrico. Opg, un'altra vittoria della vita

21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina

10 Febbraio 2017
RomaSette.it

Becciu a Sant’Egidio: «I poveri siano sempre il vostro tesoro»

10 Febbraio 2017
L'Osservatore Romano

Una presenza vivace

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
25 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Stage di formazione su catechesi e disabilità: ''Le abilità che includono''

9 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Open Day al Laboratorio d'Arte Sperimentale con disabili a Via Lablache 32

18 Febbraio 2017 | GENOVA, ITALIA

Liturgia a Genova per i 49 anni della Comunità di Sant'Egidio

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Dati sull'inserimento lavorativo dei disabili

Sant'Egidio, disabilità e mondo del lavoro: dalla Trattoria degli Amici al corso di formazione Valgo Anch'io

Messaggio del Patriarca ecumenico Bartolomeo I, inviato al Summit Intercristiano di Bari 2015

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola

Il martirio degli armeni





La Scuola
tutti i libri

FOTO

495 visite

320 visite

516 visite

386 visite

523 visite
tutta i media correlati