Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Dicembre 2013 | NAPOLI, ITALIA

Napoli ricorda Gigi, "bambino in guerra"

I bambini delle scuole della pace di Napoli ricordano il loro coetaneo, che trent'anni fa rimase vittima innocente di una sparatoria nel suo quartiere

 
versione stampabile

Trent'anni fa, nel quartiere di Poggiorale, un bambino di 10 anni rimase vittima di una sparatoria in cui erano coinvolti polizia e bande locali.
Luigi Cangiano, chiamato Gigi, era uno dei bambini della scuola della pace della Comunità di Sant'Egidio del quartiere.  A 10 anni aveva smesso di andare a scuola ed aiutava la mamma, che per mantenere la famiglia faceva la venditrice ambulante.

Negli anni successivi al terremoto del 1980, molti bambini napoletani avevano abbandonato la scuola e Gigi era uno di loro. Per questo, la scuola della pace era una grande scoperta e un luogo di affetto e di pace. Gigi la frequentava con entusiasmo e lì stava imparando a leggere e scrivere.
La sua morte è stata un motivo di rafforzare l'amore per i piccoli, colpiti dalla violenza cieca in maniera indiscriminata
, soprattutto nei quartieri più poveri.

Da allora, l'impegno delle Scuole della Pace con i bambini nella città di Napoli si è intensificato, raggiungendo tanti quartieri dal centro storico alla periferia: Scampia, Ponticelli, San Giovanni a Teduccio, i Quartieri spagnoli, Ercolano.

Domenica 15 dicembre, da tutti questi quartieri i bambini si sono raccolti nella chiesa di san Pietro Martire, per ricordare nella liturgia quel piccolo a cui la violenza ha strappato la vita. C'era anche la mamma di Gigi, ormai anziana, che ha parlato a lungo con loro, chiedendogli di diventare uomini e donne che custodiscono e difendono la pace. 

 

Gigi alla Scuola della pace

LEGGI ANCHE:  Non dimenticare Gigi, prima vittima dei clan (Il Mattino)


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Novembre 2016

E' arrivato il Rigiocattolo 2016! Dall'ecologia alla solidarietà, anche i bambini aiutano l'Africa

IT | ES | CA
29 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

A Napoli, le Cresime ai disabili nella liturgia della prima domenica di Avvento

IT | HU
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini

IT | ES | DE | PT | HU
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
10 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Inizia un nuovo anno per i bambini del campo profughi di Mugunga alla scuola di Sant'Egidio

IT | DE | FR | PT
26 Ottobre 2016
NAPOLI, ITALIA

L'ambulatorio medico di Sant'Egidio per i rom e le persone senza dimora di Napoli compie 10 anni

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
7 Settembre 2016
Roma

«Clochard aggrediti, è emergenza»

15 Agosto 2016
La Repubblica - Ed. Napoli

Napoli si stringe ad Aleppo, Ferragosto multietnico al Duomo

15 Agosto 2016
Cronache di Napoli

Folla alle mense, la povertà non va in vacanza

4 Agosto 2016
Corriere di Novara

Emergenza caldo: oltre 3.000 anziani monitorati dalla Comunità di Sant'Egidio

17 Luglio 2016
Avvenire

Nei Quartieri Spagnoli da nipoti con gli anziani

11 Luglio 2016
Metropolis

A Napoli sul Vomero i più vecchi. Ecco come si muore nell'indifferenza

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Novembre 2016 | NAPOLI, ITALIA

Liturgia di inizio dell'Avvento dedicata ai disabili

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Dove Napoli 2015

La guida "Dove" - Napoli, 2013,7a edizione

Benedetta Ferone - Povertà a Napoli: venti anni di amicizia per strada

Povertà a Napoli: rilevazioni della Comunità di Sant’Egidio

Francesca Zuccari - Venti anni di amicizia per strada: la Comunità di Sant’Egidio e i senza dimora a Napoli

tutti i documenti

FOTO

229 visite

658 visite

232 visite

676 visite

648 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri