Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
20 Maggio 2014 | ROMA, ITALIA

I Giovani per la Pace alle Fosse Ardeatine

Nel 70° anniversario, un gruppo di giovani romani visita il luogo della strage avvenuta durante l'occupazione nazista

 
versione stampabile

Sabato 17 maggio circa 150 ragazzi tra i 10 e i 14 anni, dei gruppi dei Giovani per la Pace della Comunità di Sant’Egidio di Roma, si sono recati in visita alle Fosse Ardeatine.
Nel 70° anniversario della strage avvenuta il 24 marzo 1944, durante l'occupazione nazista, i giovani hanno voluto ricordare un evento la cui memoria deve rimanere indelebile nella coscienza della nostra città.

I ragazzi hanno percorso il cimitero memoriale. I nomi delle vittime, spesso parenti tra loro, raccontano storie di dolore, di vite spezzate: come quella di Duilio, falegname di 15 anni, morto insieme a suo fratello Guido Cibei.

Davanti al memoriale, sono stati letti dei testi: testimonianze dei parenti degli uccisi, o biglietti lasciati da loro stessi sul luogo dell'esecuzione, spesso preghiere. Una di queste recita: “Dio mio grande Padre, noi ti preghiamo affinché tu possa proteggere gli ebrei dalle barbare persecuzioni”.

Parole che hanno suscitato un'intensa commozione nei giovani. "Mi ha colpito tanto - ha detto Agnese, di 13 anni - che in un momento così tragico e disumano, l'ultima preghiera a Dio non è per sé, ma per la protezione degli ebrei dalle persecuzioni”.

Mentre Mario, di 12 anni, ha affermato ”quello che abbiamo visto alle Fosse Ardeatine ci chiama a non voltarci dall’altra parte  ma a essere solidali con tutti”.

La visita si è conclusa con una processione silenziosa e la deposizione di una corona di fiori, che porta il nome dei Giovani per la Pace sotto la lapide che ricorda tutti i caduti.

A conclusione di questa giornata di memoria, i Giovani per la Pace hanno compiuto un altro gesto, che sottolinea il loro impegno contro ogni forma di violenza e di indifferenza.

Dalle Fosse Adreatine si sono recati al santuario del Divino Amore, luogo in cui tanti romani venivano a pregare per la fine della guerra, e si sono uniti alla preghiera per la pace per l’Ucraina e il mondo intero della Comunità di Sant’Egidio.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

IT | ES | DE | FR
8 Ottobre 2016
NAPOLI, ITALIA

Spaccanapoli: dopo l'aggressione a un ragazzo, i giovani invitano il quartiere a pregare per la fine della violenza

19 Settembre 2016
ASSISI, ITALIA

Non c’è futuro senza memoria: il Rabbino Lau, testimone della Shoah, incontra i giovani

IT | EN | ES | FR | NL
30 Agosto 2016

La lezione dei profughi mozambicani di Luwani ai Giovani per la Pace: la speranza è più forte del male

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
16 Agosto 2016

Diari di viaggio dal Malawi dei Giovani per la Pace di Roma, di Padova e di Genova

IT | FR
9 Agosto 2016
CATANIA, ITALIA

Mare, giochi e integrazione: giovani dalla Sicilia e dal mondo danno il via a #tregiornisenzafrontiere

tutte le news
• STAMPA
18 Ottobre 2016
Avvenire

Nei «Games4Peace» vince l'integrazione

17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova

Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo

13 Ottobre 2016
Il Quotidiano del Sud

La Comunità di Sant'Egidio incontra gli studenti

10 Ottobre 2016
Il Quotidiano del Sud

Il sogno di aiutare il prossimo

10 Agosto 2016
La Sicilia

«A volte mi sento inadeguato di fronte al loro dolore»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Lettera Giovani Per La Pace di Catania all’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina

tutti i documenti
• LIBRI

Religioni e violenza





Francesco Mondadori

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1457 visite

1307 visite

1345 visite

1366 visite

1323 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri