change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
29 Settembre 2013 17:00 | Auditorium "Conciliazione"

Discorso di Nicola Zingaretti all'Assemblea di Apertura del Meeting Il Coraggio della Speranza



Nicola Zingaretti


Presidente della Regione Lazio

Gentili Autorità,
Cari Amici,

Sono davvero molto felice e onorato di essere qui oggi con voi.

Il mio è solo un breve saluto di benvenuto.
Ma di fronte all’importanza dei temi che verranno trattati in queste giornate e alla rilevanza degli ospiti presenti, non posso non sentire una responsabilità e condividere con voi una riflessione.
Quello che avverto nel vostro impegno, nello spirito di queste giornate, è un messaggio di riscatto.
Sono presidente di un’importante istituzione del nostro Paese, faccio politica da tanti anni, nella società e nelle istituzioni. Eppure – anzi: forse ancora di più per il ruolo che mi trovo a ricoprire - non posso non avvertire quanto la politica sia oggi lontana dalla tensione ideale e spirituale che dovrebbe animare la sua azione e manifesti, invece, spesso, un vuoto di visione che la allontana dai sentimenti, dalle vite delle persone.
È un tema che riguarda da vicino il destino delle democrazie, in Italia, in Europa e nel mondo.  La storia di questi anni è segnata dal ripiegamento della politica nella gestione ordinaria, dalla rinuncia a leggere e interpretare i cambiamenti epocali che attraversano il mondo, di rappresentarli al meglio, di offrire risposte positive, rivolte al futuro. Di costruire speranza.
Così le democrazie rischiano di svuotarsi, perché diventano democrazie senza popolo. Si afferma l’illusione che l’egoismo e il materialismo rappresentino l’unica strada per realizzarsi nella vita e per affermare la propria libertà. E allora rialzano la testa i mostri dell’intolleranza e del razzismo. Si lacerano i legami sociali.
Qui sta la necessità di voltare insieme pagina.
 “Il coraggio della speranza – ha detto Andrea Riccardi – è uscire dal recinto autoreferenziale per predicare con decisione il dialogo, mostrando come l’odio genera solo morte”.
Parlare di coraggio della speranza significa costruire comunità umane che respingono il pessimismo di quest’epoca, uscire da noi stessi e proiettarci nell’ottica della condivisione e della solidarietà. Significa guardare al futuro non con paura e remissività, ma saper intravedere nei passi che compiamo la costruzione di una strada comune.
È necessario che la politica si assuma la responsabilità di trasmettere il coraggio della speranza. Non tirarsi indietro ma, in un certo senso, accettare l’onere di “orientare la storia”.
Davanti a noi abbiamo esempi straordinari. Che non vengono dalla politica. Penso alla veglia in favore della Pace in Siria promossa poche settimane fa dal Santo Padre. In quell’incontro si colgono tutti gli aspetti citati sino ad ora: differenze che si incontrano, potenza di un obiettivo comune come la pace, forza del dialogo. È lo “spirito di Assisi”. Quello spirito che, da 27 anni, la Comunità di Sant’Egidio continua a diffondere in questi incontri. Con tenacia e con intelligenza.
Per questo siamo interessati a queste giornate. Grazie, dunque, alla Comunità di Sant’Egidio ed ai molti autorevoli esponenti di diverse confessioni religiose presenti. Le vostre parole vanno molto oltre le mura di questa sala, e, con la loro forza – la forza del pensiero e dello spirito – si rivolgono al mondo.

Grazie davvero. E buon lavoro a tutti voi. 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
9 Dicembre 2016 | OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
9 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.


Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.
8 Dicembre 2016

Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan


Dopo una lunga crisi, firmata a Roma con la mediazione della Comunità di Sant'Egidio una dichiarazione congiunta tra i rappresentanti delle due città libiche
IT | DE | FR | PT

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
La Vita del Popolo (Treviso)
La pace delle religioni
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri