change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future

 
versione stampabile
9 Settembre 2014 17:00 | Centro città

Meditazione


Ignatius Aphrem II


Patriarca siro ortodosso di Antiochia e di Tutto l'Oriente

Eminenze,
reverendi fratelli
distinti ospiti
Signore e Signori

Nei giorni in cui il nostro Signore Gesù Cristo predicava, era difficile per le persone che vivevano una vita solida e produttiva nei loro villaggi e città, lasciare le proprie case e seguirlo verso l’ignoto. Questo indusse uno di loro, che era entusiasta dell’insegnamento del Signore Gesù, a dirgli che egli era già pronto a seguirlo, dovunque fosse andato (Mt 8:19).

Nel Suo modo gentile, il Signore risponde dicendo a tutti i presenti, “il Figlio dell’Uomo non ha dove posare il capo” (Mt 8:20). E continua dicendo che seguirlo non sarebbe stato gratificante in senso mondano. Gli apostoli e i discepoli che decidono di seguirlo dovrebbero tener presente che ci saranno notti in cui non avranno dove riposare o dormire. Dovrebbero essere pronti ad aspettarsi qualsiasi cosa e a sopportare molte difficoltà e persecuzioni per amore del nome del Signore.

Nonostante questa promessa “scoraggiante”, molti furono affascinati dalla Sua chiamata e Lo seguirono. Anzi diedero la loro vita a motivo della fede in Lui. Rinunciarono ai desideri e alla gloria mondana, cercando solo di piacere a Dio con la propria fede, amore, buone azioni e carità.

Nei mesi scorsi abbiamo visto molti Cristiani scacciati dalle loro case a Mosul e nella piana di Ninive. Sono stati costretti a dormire all’aperto o negli atri delle chiese. La loro unica “colpa” è quella di credere in Gesù Cristo. Questo è un adempimento della promessa del Signore. Sono stati lasciati senza riparo né luogo in cui dimorare. In breve sono stati abbandonati alla morte. Per queste persone le parole del Signore sono diventate concrete ed eloquenti.

Di fronte a queste storie, ringraziamo il Signore per i molti doni che ci ha fatto e preghiamolo perché cessi ogni dolore e sofferenza, così che possiamo tutti gioire della presenza di Dio in mezzo a noi e del Suo incondizionato amore verso tutti.

Preghiamo:

Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore,  Tu sei venuto nel mondo come Figlio dell’Uomo per essere con noi ed essere solidale con l’Uomo. Hai offerto la salvezza al genere umano e alleviato i nostri dolori e le nostre miserie. Hai camminato per le strade, sanato i malati e aiutato i bisognosi.

Signore, proprio ora, i nostri fratelli e sorelle in Iraq e Siria stanno vivendo una situazione tragica: hanno perso tutto, case, lavoro, affari, beni. Aiutaci a riguadagnare  tutta la grazia che ci avevi elargito. Induci i violenti al pentimento e portali a riconoscere la gravità dei loro atti. Rendili consapevoli dell’amore e della compassione di Dio, così che cessi questo tempo di guerra, violenza e persecuzione. Concedi la pazienza a coloro che stanno soffrendo e sono senza casa, così che possano sopportare la loro miseria e trovare rifugio nella Tua compassione. A coloro che provocano tale miseria, concedi un cuore aperto, così che possano vedere la Tua immagine nel volto dei propri simili. Fai brillare la Tua luce nei loro cuori, così che possano diffondere il Tuo Vangelo al loro prossimo. Possano essi essere Tuoi buoni discepoli.

Amen

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN
18 Febbraio 2017
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona il cardinale e l'Imam di Bangui sul processo di pace in Centrafrica: un modello da replicare

IT | ES | DE | FR
9 Febbraio 2017

Sant'Egidio fa festa per i 49 anni con il popolo della Comunità


Basilica di San Giovanni affollata di giovani e anziani, senza dimora e profughi venuti con i corridoi umanitari. Marco Impagliazzo: ''Crediamo in una città dove non esiste il noi e il loro, ma dove si può costruire insieme una grande forza di pace''
IT | ES | DE | FR | PT | CA
3 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Visita del Presidente del Parlamento sloveno Milan Brglez alla Comunità di Sant'Egidio

IT | ES | DE | PT
1 Febbraio 2017
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

30° Summit dell’Unione Africana, una delegazione di Sant’Egidio incontra il nuovo presidente Moussa Faki

IT | ES | DE | PT
1 Gennaio 2012

Giornata Mondiale della Pace. La manifestazione PACE IN TUTTE LE TERRE. Gli appuntamenti nel mondo

IT | ES | DE | CA
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
28 Febbraio 2017

La storia del piccolo Abdul, dai bombardamenti in Siria a una nuova vita in Italia


Fuggito da Homs con i suoi genitori, ora vive a Genova grazie ai corridoi umanitari
28 Febbraio 2017

L'Abuna Matthias, patriarca della Chiesa etiope, ha scritto una lettera alla Comunità all'indomani della sua visita

IT | EN
27 Febbraio 2017 | PADOVA, ITALIA

Il "Dove" per chi è senza casa o in difficoltà a Padova è online.


Una giuida con tanti indirizzi utili per chi ha bisogno di aiuto o chi vuole aiutare

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
2 Gennaio 2017
Il Secolo XIX
Marcia della pace, in 1.500 con i profughi
2 Gennaio 2017
La Nazione
Fiaccole accese per la pace
2 Gennaio 2017
Aachener Zeitung
Zahlreiche Kerzen symbolisieren die Brandherde auf der Erde
2 Gennaio 2017
Vatican Insider
Congo, Sant’Egidio: soddisfazione per l’accordo sulle elezioni
2 Gennaio 2017
SIR
Marcia pace: Comunità Sant’Egidio, migliaia a Roma e in altre città italiane
tutta la rassegna stampa correlata