change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - antwerp ...e future contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
Peace is the future
APPUNTAMENTI
tutti gli appuntamenti

 
versione stampabile
7 Settembre 2014 17:00 | Stadsschouwburg

Testimonianza di Vian Dakheel


Vian Dakheel


Comunità yazida, membro del Parlamento, Iraq

Signore e Signori 

Vi porti i saluti dei figli delle minoranze irachene, uniti a tristezza e dolori indicibili.

Siete senza dubbio al corrente di quello che è successo ai figli della religione Yazidi nel Sinjar in Iraq a partire dal mese di agosto scorso. Ma sono quasi certa che non siete stati informati dei dettagli di quanto è successo, dei crimini spaventosi commessi contro una comunità pacifica. Questa comunità nella sua cultura religiosa e sociale non conosce né la violenza né l’omicidio. La religione Yazidi era una delle più antiche religioni della Mesopotamia e le sue origini risalgono al terzo millennio prima di Cristo. 

Quanto è successo agli Yazidi nel Sinjar, per mano dell’organizzazione terroristica contemporanea più pericolosa, è incompatibile con la nostra coscienza di cittadini del terzo millennio.

Cari fratelli e sorelle,. 

Ci sono  400 000 migranti Yazidi, di cui  300 000 nel Sinjar.  Ci sono stati finora circa  3000 morti : le vittime sono state in parte uccise dall’Isis (l’Organizzazione dello Stato Islamico in Irak e nel Levante), in parte sono morte di fame e sete nei primi giorni di fuga sulla montagna del Sinjar. 

Circa 5000 persone sono state rapite : uomini, donne, bambini, famiglie. La maggior parte di loro sono stati rapiti dall’ Isis in diverse zone del  Sinjar. Centinaia di ragazze sono state violentate e centinaia sono state vendute , sono considerate come schiave e secondo l’Isis si ha il diritto assoluto di trattarle così. Dozzine di ragazze sono state vendute nei mercati della città di Mossul per 150$. Circa 300 ragazze sono state vendute in Siria e i casi di violenza continuano. 

Sapete, Signore e Signori, che l’Isis si è ritirato dal villaggio di Siba Sheikh Khdr senza combattere circa tre settimane fa e poi vi è ritornata? Sapete che la ragione di questa ritirata era l’odore dei corpi dei figli della religione Yazidi? Donne, uomini, bambini uccisi dall’Isis.

Sapete che nel villaggio di Kojo (25 km a sud-est del Sinjar) ha avuto luogo un massacro orribile? L’Isis aveva circondato questo villaggio dove abitano circa 2000 Yazidi. Alcuni in qualche modo erano riusciti a scappare, gli altri sono stati obbligati a scegliere tra l’islam e il massacro. 

Sebbene molti abbiano chiesto aiuto e abbiano domandato un intervento per evitare il massacro, nessuno è intervenuto. Così l’Isis ha preso d’assalto il villaggio uccidendo 413 persone, uomini, giovani e anche ragazzi di appena 13 anni. Sono stati tutti uccisi con armi da fuoco. Il resto, uomini e bambini , sono stati portati via. Gli anziani sono stati obbligati a restare in casa perché non riuscivano a spostarsi e a fuggire sulla montagna del Sinjar. Sono stati portati in uno dei santuari più sacri nel villaggio di Jdala (a sud-est del Sinjar), ma l’Isis ha fatto saltare il santuario.  

La montagna del Sinjar dove più di  25 000 famiglie avevano cercato riparto, ha conosciuto un’altra tragedia a causa dell’invasione dell’Isis. Tutte le famiglie hanno sofferto un caldo inteso, fame e sete. E intanto l’Isis continuava a bombardarli. 

La tragedia su questa montagna è durata 10 giorni e secondo le informazioni dei militanti yazidi, circa 250 bambini sono morti. La maggior parte erano neonati. Sono morti per la sete e il caldo. Decine di persone sono morte avvelenate per aver mangiato foglie di alberi e piante non commestibili. 

Su questa montagna, decine di persone sono morte di paura, di fatica, di sete. Decine dei nostri uomini, dei nostri giovani sono stati uccisi. 

Quanto successo nel Sinjar è una vergogna che pesa sul capo di ciascuno di coloro che sono venuti meno al loro dovere di soccorrere gli Yazidi nel momento della difficoltà. 

Più di  120 000 persone hanno lasciato tutto dietro di sè.  Avevano pochissime armi, armi molto rudimentali. Ogni pietra del Sinjar è stata testimone dell’orrore che vi è accaduto. Ogni albero di questa montagna piangeva vedendo il sangue dei bambini del Sinjar, morti di sete e piangeva per le giovani donne rapite, violentate, vendute a dei criminali e a persone reclutate in altri paesi e che le trattano come immondizia.

Noi Yazidi abbiamo già affrontato i massacri nel corso della nostra storia e oggi nuovamente ci troviamo ad affrontarne uno.

Famiglie intere sono state rapite e centinaia di bambini hanno perso madre e padre. Decine di loro hanno perso tutta la famiglia.

In tutta la loro storia, gli Yazidi non hanno mai attaccato nessuno. Ma siamo sempre stati vittime che hanno pagato un grosso prezzo ; senza nessun altro motivo che l’essere diversi dalla maggioranza religiosa. Per questo, fratelli miei,  lanciamo da questa tribuna un appello alla comunità internazionale. 

  1. Chiediamo alle autorità internazionali competenti, al Comitato per i Diritti dell’Uomo e al Consiglio di sicurezza dell’ONU di avviare un’inchiesta sul massacro che ha coinvolto gli Yazidi;
  2. Chiediamo ai paesi occidentali di facilitare le procedure di asilo per i migranti Yazidi (come rifugiati);
  3. Chiediamo alla comunità internazionale di costituire una protezione internazionale sotto forma di truppe di pace per fermare la violenza contro le minoranze nelle regioni in cui queste vivono;
  4. Chiediamo di fornire un aiuto umanitario per più di mezzo milione di persone rifugiate e senza riparo nelle zone del Sinjar e di Ninive che mancano di tutto;
  5. Chiediamo alla comunità internazionale di fare di tutto per liberare più di 5000 donne e bambini Yazidi che sono stati rapiti dall’Isis e centinaia di ragazze che sono state violentate!

In conclusione, Signore e Signori, che la pace sia il titolo delle nostre speranze per il futuro. 
Mano nella mano, rinunciando al settarismo, potremo sognare cha la pace possa diffondersi in un prossimo futuro.

 

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

Segui l'evento in streaming


NEWS CORRELATE
8 Dicembre 2016

Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan


Dopo una lunga crisi, firmata a Roma con la mediazione della Comunità di Sant'Egidio una dichiarazione congiunta tra i rappresentanti delle due città libiche
IT | DE | FR | PT
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione


Un modello da replicare: continueremo a lavorare per il dialogo e la pace.
IT | ES | DE | FR | PT | CA
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica di Etiopia Mulatu Teshome


Pace in Africa e dialogo interreligioso al centro del colloquio
IT | ES | DE | PT
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
1 Gennaio 2012

Giornata Mondiale della Pace. La manifestazione PACE IN TUTTE LE TERRE. Gli appuntamenti nel mondo

IT | ES | DE | CA
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
10 Dicembre 2016 | REGGIO EMILIA, ITALIA

Nella Giornata Internazionale dei Diritti Umani, il Premio per la Pace Giuseppe Dossetti a Sant'Egidio


Assegnato per la realizzazione dei Corridoi Umanitari che finora hanno permesso l’ingresso di 500 profughi in Italia. La cerimonia di consegna del premio oggi a Reggio Emilia
IT | DE
10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione


Marco Impagliazzo consegna il premio alle opere più votate dalle centinaia di persone che in questi giorni hanno visitato l'esposizione
10 Dicembre 2016 | SPAGNA

La Comunità di Sant'Egidio tra i premiati del René Cassin 2016 per i corridoi umanitari


#HumanRightsDay
IT | ES

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
8 Dicembre 2016
Vatican Insider
Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan
3 Dicembre 2016
Radio Vaticana
Pace in Colombia: ex guerriglieri iniziano il disarmo
28 Novembre 2016
FarodiRoma
La preghiera per la pace da Wojtyla a Bergoglio in un libro di Paolo Fucili
23 Novembre 2016
Il Fatto Quotidiano
Non solo faide, al Sud si parla di pace
22 Novembre 2016
Avvenire
Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri