Riccardi Andrea: en la web

Riccardi Andrea: en las redes sociales

change language
usted está en: home - amistad ...s pobres - los más jóvenes - el país...rco iris - ¿por qu...o iris"? cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  

¿Por qué se llama "el País del Arco Iris"?


 
versión para imprimir

EL PAÍS DEL ARCO IRIS

El movimiento del País del Arco Iris nace de la Comunidad de San Egidio y recoge la experiencia de treinta años con niños, adolescentes y jóvenes.
Il Paese dell'Arcobaleno rappresenta il mondo di domani, così come lo vorremmo. È la proposta di costruire insieme un mondo più giusto e più umano, più solidale e più rispettoso della natura. Un mondo per tutti e dove tutti possano vivere nel rispetto di ciascuno e della natura.

1. Perché si chiama "il Paese dell'Arcobaleno"?

La storia di Noè, comune ad ebrei, cristiani e musulmani, narra di un'alleanza nuova fra Dio e gli uomini. Ma questa alleanza coinvolge anche gli animali, la terra e tutti gli esseri viventi. Il segno di questa alleanza è l'arcobaleno. Finisce un mondo fatto di lotte, di guerre e di violenza e ne inizia uno nuovo, caratterizzato dal rispetto e dalla fratellanza.
Ma l'arcobaleno, composto da tanti colori differenti, gli uni accanto agli altri, è anche un simbolo. Esso mostra come la bellezza e l'armonia nascano dal rispetto delle diversità di ognuno.

2. A chi si rivolge il movimento del Paese dell'Arcobaleno?

Si rivolge ai bambini, agli adolescenti e ai giovani con una proposta caratterizzata dai temi della solidarietà, della pace, della convivenza tra diversi, del rispetto dell'altro e della salvaguardia dell'ambiente. 
E' una proposta nata fra i bambini e i ragazzi in condizione disagiata, ma è rivolta a tutti. E' una proposta educativa e umana di integrazione, tra bambini adolescenti e giovani, tra bambini del Nord del mondo e del Sud povero, fra italiani e stranieri. 
E' così che bambini e ragazzi zingari, immigrati, delle periferie, e coetanei con positive esperienze familiari, sociali e di vita, costruiscono insieme attività e modi di vivere che rappresentano un'alternativa concreta ai normali percorsi di esclusione e di discriminazione. Contemporaneamente il movimento si presenta come una risposta alla difficoltà a crescere che sempre più è diffusa nelle diverse società dell'Occidente ricco o del Sud in via di sviluppo.

3. Dove è diffuso il movimento?

In Europa, in Africa, in Asia, in America Latina. In ogni paese il movimento, con il suo messaggio di fratellanza nel rispetto delle diversità, si caratterizza per la capacità di mostrare che è possibile superare ogni divisione su base etnica (in Africa), religiosa (ad esempio in Indonesia), o sociale (come in Europa).

4. Quali gli scopi del movimento del Paese dell'Arcobaleno?

Il movimento si prefigge di educare al rispetto e alla solidarietà verso tutti, alla conoscenza dei problemi dei popoli, della terra e dell'ecologia. Intende inoltre favorire attraverso la conoscenza e la collaborazione, la formazione di ambiti di amicizia fra coetanei.

5. Quanti sono gli aderenti al movimento?

Il movimento conta oggi circa 10.000 aderenti tra bambini, adolescenti e giovani di tutto il mondo, in rapida crescita.

Los más jóvenes


NOTICIAS RELACIONADAS
7 Junio 2011

Nápoles (Italia): “Hagamos la paz”, en Scampia, con el País del Arco Iris

IT | ES | DE | CA | NL | RU
8 Julio 2011

Garoua (Camerún): En la Escuela de la Paz se aprende a ser solidario con los más pobres: una visita a los niños abandonados de la residencia pública de la ciudad

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
4 Junio 2011

Roma – “Todos somos italianos”: Niños, jóvenes y ancianos de todo el mundo hacen fiesta el día de la República Italiana

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
5 Diciembre 2011

Solidaridad y ecología: vuelve el "Rejuguete". Lugares donde se realiza

IT | ES | DE | FR | CA
5 Agosto 2011

Adopciones a distancia y derecho a la escuela: en Indonesia, 27 de los primeros niños adoptados ya van a la universidad

IT | ES | DE | CA | NL
10 Junio 2011

Manila (Filipinas) – Fiesta con los niños de la Escuela de la Paz de Cainta

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL | RU
todas las noticias relacionadas

PRENSA RELACIONADA
19 Junio 2017
Vatican Insider
Ius Soli, Sant'Egidio: “Non strumentalizzare una riforma attesa da anni”
18 Junio 2017
Il Fatto Quotidiano
Ius soli: l’appello di Papa Francesco riguarda tutti noi, non solo i migranti
8 Junio 2017
La Repubblica - Ed. Genova
Il Cep in festa con la Scuola della pace
28 Febrero 2017
Corriere.it
Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi
21 Febrero 2017
Famiglia Cristiana
Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina
todo relacionado con la prensa