change language
vous êtes dans: home - revue de presse contactsnewsletterlink

Soutenez la Communauté

  
8 Avril 2012

Anticipazioni La riflessione sul miracolo più grande in «Cercando Gesù» di Vincenzo Paglia e Franco Scaglia

Risorgere significa capire davvero

L'esperienza della Pasqua apre gli occhi agli Apostoli. Golgota e Sepolcro li aiutano a comprendere la Storia

 
version imprimable

La risurrezione di Gesù non è un semplice ritorano alla vita, paragonabile a quanto accadde a Lazzaro o al giovane figlio della vedova di Naim. Lazzaro riprese una vita mortale e rimase quindi sotto le leggi biologiche e cosmiche, Gesù invece con la risurrezione del corpo vive nella «potenza dello Spirito» e non è più sottoposto alle condizioni mortali: per questo non muore più. La sua risurrezione è un evento radicalmente nuovo perché rappresenta il passaggio a una vita totalmente trasformata.

E' come lo spalancarsi di una finestra sullo spettacolo del mondo finalmente redento e definitivamente trasformato nell`autentico Regno di Dio; quel Regno - come scrive l`Apocalisse - ove Dio «asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, non ci sarà più la morte, né lutto né lamento né affanno».

Che Gesù sia risorto pertanto non significa affatto che la sua presenza è aerea, vacua, evanescente, o che si realizza magari unicamente con la parola e gli insegnamenti che ci ha lasciati. Egli è realmente vivente ed è all`opera nella storia perché il Regno da lui iniziato giunga a compimento. Il suo corpo risorto è la primizia della nuova creazione. La carne della storia non è più condannata al dissolvimento e alla morte; con Gesù è stata risuscitata a una vita completamente nuova e del tutto inimmaginabile
alla mente umana.

Contrariamente a quel che si può pensare, pertanto, non fu la risurrezione in quanto tale a imporsi nella mente degli apostoli, quanto la risurrezione di colui che era stato crocifisso, di quell`uomo che essi avevano frequentato per quasi tre anni e che li aveva entusiasmati con la sua opera e il suo straordinario disegno sul mondo. Sì, quell`uomo con cui avevano vissuto per tre anni e che era finito morto sulla croce, quell`uomo era risorto e stava ancora con loro. L`identità tra il Crocifisso e il Risorto
è il cuore della testimonianza degli apostoli. Questo spiega quella sorta di strano compiacimento dei Vangeli nel sottolineare l`incredulità dei discepoli - eppure sono i massimi responsabili della Chiesa! - nei giorni di Pasqua. Essi, all`inizio, non credono che il Crocifisso possa essere vivente.

L`esperienza della Pasqua apre loro la mente: finalmente capiscono perché Gesù è morto e perché il Golgota e il Sepolcro sono legati l`uno all`altro. In effetti, solo pochi metri separano questi due luoghi, eppure racchiudono il cuore della fede cristiana, come della storia umana e dell`intera creazione. Se nella crocifissione di  Gesù appare il peccato centrale dell`umanità, poiché in essa convergono tutti i peccati di tutti i tempi e di tutte le epoche, nella risurrezione invece si manifesta l`opera di Dio che, accogliendo la morte inflitta dall`uomo al suo Figlio, la rovescia e la sottrae dalle mani servi sciocchi. In quel piccolo angolo di terra - la tradizione colloca la croce sul luogo ove è stato sepolto Adamo - Dio "ricrea" l`uomo e dà un nuovo inzio alla storia. In una splendida icona bizantina della risurrezione, Gesù sta in piedi poggiandosi sulle due porte degli inferi (rappresentati come una grotta buia): con la mano destra prende Adamo e con la sinistra Eva, liberando ambedue dalla profondità dell`abisso. È il mistero della risurrezione: con essa tutto riprende inizio.

Si tratta non tanto di un capovolgimento, quanto di una storia del tutto nuova, più che di una creazione. I sacerdoti, il popolo, i militari, tutti coloro che avevano assistito alla crocifissione di Gesù facevano  più o meno questo ragionamento: «Bene, è tutto finito! Quest`uomo non parlerà più! Da adesso staremo tutti più tranquilli!». Anche i discepoli pensavano la stessa cosa, ma con disperazione: «Tutto, purtroppo, è finito!». In effetti, Gesù, con la sua morte, tocca il fondo del l`umanità. Ma la  risurrezione avvia un nuovo e inarrestabile corso della creazione. Gesù continua a scendere ancora oggi negli "inferni" di questo mondo. Continua a scendere nel Mediterraneo per raccogliere dal suo fondo le vittime innocenti, quelle centinaia e centinaia di uomini le donne, di giovani e bambini che non sono riusciti a raggiungere la sponda del nord dell`Europa. Quella tragica morte sulla croce e quella risurrezione coinvolgono anche questo angolo di mondo, questa storia di Golgota e di Sepolcri contemporanei. Ma da quel giorno di Pasqua la croce è stata spogliata di quel corpo, i chiodi tolti, il enzuolo della misericordia dispiegato, la pietra pesante che chiudeva il sepolcro rotolata per sempre.
Continuano ancora, purtroppo, i Golgota e i Sepolcri, ma non ci sono più gli inchiodati per sempre e i seppelliti nel nulla, per sempre. Quel mistero antico è contemporaneo: l`amore, protagonista sia del
Golgota che del Sepolcro, li ha vinti entrambi. Da allora il Golgota e il Sepolcro non sono più la parola definita sugli uomini. L`ultima è quella dell`amore.


 LIRE AUSSI
• NOUVELLES
31 Mars 2013

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
5 Avril 2012

Mémoire de la dernière Cène et du Lavement des pieds

IT | EN | ES | DE | FR
1 Mars 2012

Semaine Sainte avéc la Communauté de Sant'Egidio

IT | EN | ES | FR | CA
8 Avril 2017

Semaine sainte et Pâques de Résurrection 2017 avec la Communauté de Sant'Egidio

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
22 Mars 2016

Semaine sainte et Pâques de Résurrection 2016 avec la Communauté de Sant'Egidio

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
13 Février 2016
LA HAVANE, CUBA

L’accolade entre le pape François et le patriarche Kirill à Cuba. Vidéo et compléments d’information

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
toutes les nouvelles
• IMPRIMER
5 Avril 2012
Sette: Magazine del Corriere della Sera

L'individualismo infesta l'Europa. Mons. Paglia: «Non è cristiano chi pensa solo a salvare la propria anima»

10 Avril 2014
Avvenire

La Chiesa e i "mali" di Roma, 40 anni di impegno

10 Avril 2014
RomaSette.it

In città: Il convegno del ’74, «scossa per Roma»

9 Mars 2014
Famiglia Cristiana

Da quella scelta è iniziata una "nuova primavera"

4 Mars 2014
ANSA

Riccardi: Papa ha cambiato rapporto Chiesa-mondo

tous les communiqués de presse
• DOCUMENTS

Scherer: In Brasile una Chiesa viva che educa e trasforma

I colori della fede, uniti nella diversità

Annunciare la Buona Notizia : La catechesi con le persone disabili e la nuova evangelizzazione

Marco Gallo

La primacía del amor por los pobres

Lettera Giovani Per La Pace di Catania all’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina

Programma in ITALIANO

tous les documents

PHOTOS

644 visites

637 visites

617 visites

610 visites

604 visites
tous les médias associés