Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - corridoi umanitari contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Corridoi Umanitari


 
versione stampabile

Ci siamo chiesti: come evitare le morti in mare di migliaia di persone, tra cui molti bambini?

La risposta è stata: creiamo dei...

Corridoi Umanitari

 

Cosa sono i Corridoi Umanitari?

E’ un progetto-pilota, realizzato dalla Comunità di Sant’Egidio con la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese, completamente autofinanziato.

Ha come principali obiettivi evitare i viaggi con i barconi nel Mediterraneo, che hanno già provocato un numero altissimo di morti, tra cui molti bambini; impedire lo sfruttamento dei trafficanti di uomini che fanno affari con chi fugge dalle guerre; concedere a persone in "condizioni di vulnerabilità" (ad esempio, oltre a vittime di persecuzioni, torture e violenze, famiglie con bambini, anziani, malati, persone con disabilità) un ingresso legale sul territorio italiano con visto umanitario e la possibilità di presentare successivamente domanda di asilo.

E’ un modo sicuro per tutti, perché il rilascio dei visti umanitari prevede i necessari controlli da parte delle autorità italiane.

 
 
 
 
DONA ORA

Arrivati in Italia, i profughi sono accolti a spese delle nostre associazioni in strutture o case. Insegniamo loro l'italiano, iscriviamo a scuola i loro bambini, per favorire l’integrazione nel nostro paese e aiutarli a cercare un lavoro.

Tra febbraio e gennaio 2017, sono già arrivate circa 540 persone, siriani in fuga dalla guerra. Ma il progetto prevede l'arrivo di mille persone nell'arco di due anni.

Come funzionano?

I corridoi umanitari sono frutto di un Protocollo d'intesa tra la Comunità di Sant'Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, la Tavola Valdese e il governo italiano.
Le associazioni inviano sul posto dei volontari, che prendono contatti diretti con i rifugiati nei paesi interessati dal progetto, predispongono una lista di potenziali beneficiari da trasmettere alle autorità consolari italiane, che dopo il controllo da parte del
 

 

Ministero dell'Interno rilasciano dei visti umanitari con Validità Territoriale Limitata, validi dunque solo per l'Italia. Una volta arrivati in Italia legalmente e in sicurezza, i profughi potranno presentare domanda di asilo.

Come sono finanziati?

I corridoi umanitari sono totalmente autofinanziati dalle associazioni che li hanno promossi:

E' possibile sostenere i corridoi umanitari con una donazione: scopri come>>
 
 
 

Dona Online


NEWS CORRELATE
27 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Profughi, un anno di corridoi umanitari festeggiato oggi con un nuovo arrivo dal Libano


Andrea Riccardi: “Un progetto che coniuga integrazione e sicurezza. No ai muri” - Sono ormai quasi 700 le persone accolte nel nostro Paese dal progetto promosso da Sant’Egidio insieme alle Chiese protestanti italiane
27 Febbraio 2017

I profughi dalla Siria arrivati oggi con i corridoi umanitari: guarda i video


L'integrazione protegge più dei muri. L'articolo di Andrea Riccardi su Huffington Post
IT | DE
27 Febbraio 2017
Comunicato Stampa

Un anno di corridoi umanitari: Nuovi arrivi e Conferenza Stampa a Fiumicino alle 11


Intervengono Andrea Riccardi, Luca Maria Negro, Susanna Pietra, il viceministro degli Esteri, Mario Giro e il sottosegretario all’Interno, Domenico Manzione
IT | ES | FR
23 Febbraio 2017

Manca poco: da lunedì nuovi arrivi con i #corridoiumanitari. E saranno 700 salvati dalla guerra e dai viaggi in mare


Iscriviti alla newsletter per ricevere le notizie direttamente sulla tua mail
IT | EN | ES | DE | FR | PT
18 Febbraio 2017

Papa Francesco all'Università di Roma Tre con studenti e rifugiati. Il racconto dei Giovani per la Pace


Il papa cita Bauman e parla a lungo con Nur, arrivata dalla Siria con il suo aereo
IT | FR
8 Febbraio 2017
Comunicato Stampa

Sant'Egidio, 49 anni: un appello per una cultura della pace e solidarietà con i poveri #periferiealcentro


Il 9 febbraio alle 18:30, il “popolo” della Comunità a San Giovanni in Laterano. La celebrazione è presieduta dal sostituto della Segreteria di Stato vaticana mons. Becciu.
IT | ES | DE | FR | CA | RU
tutte le news correlate