Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - il ricor... valenti - il ricor... modesta - nella ba... strada. - genova: ...r strada contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Genova: Memoria di Pietro e di chi è morto per strada


 
versione stampabile

Genova: Memoria di Pietro e di chi è morto per strada
6 marzo 2010

La liturgia in memoria di Pietro ha raccolto molte persone, dalle storie e dalle provenienze diverse ma riunite dal desiderio di ricordare tutti coloro che vivono e muoiono per la strada e a cui la Comunità vuole dedicare una particolare cura e amicizia.

Pietro Magliocco è stato una delle prime persone conosciute durante il servizio serale nelle stazioni di Genova, morto nel 1993 a causa di una polmonite nel ricovero ospedaliero. Ferruccio, invece, è morto poche settimane fa a ottantadue anni, dopo una vita travagliata e un lungo periodo passato a dormire in stazione. Con loro, durante la liturgia, è stata fatta memoria di altri cento nomi: uomini e donne incontrati distribuendo panini alla sera e che sono morti in questi anni, ma anche diversi rom, tra cui non pochi bambini, uccisi dal freddo o dal fuoco delle loro baracche. L’antica basilica dell’Annunziata si è riempita di un popolo di poveri e con loro di tanti volontari, appartenenti a diversi gruppi parrocchiali e non, che nell’anno trascorso hanno partecipato con la Comunità alle distribuzioni e alle visite ai poveri in tanti luoghi della città.

Tra i celebranti, don Antonio Lovato, amico storico dei senza fissa dimora genovesi, ha commentato il brano del figliol prodigo, ricordando l’amore di Dio per ognuno; «Dio – ha detto- non è colui che castiga, ma è un padre buono: a lui possiamo rivolgere le nostre domande perché sempre ci risponderà».

In fondo alla chiesa un uomo, con un sacchetto, un panino e un paio di coperte, al termine della liturgia ha detto, rivolgendosi al suo amico Valerio: «Oggi sono contento perchè so che un giorno ricorderete anche me».

Dopo la liturgia a tutti è stato offerto un pranzo “in famiglia” nei locali della basilica.

Immagini

NEWS CORRELATE
18 Gennaio 2017
KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più


Nel freddo dei giorni scorsi due donne hanno perso la vita. Una veglia di preghiera in loro ricordo
IT | HU
16 Gennaio 2017

In questi giorni di tanto freddo penso e vi invito a pensare a tutte le persone che vivono per la strada


, colpite dal freddo e tante volte dall’indifferenza. Preghiamo per loro e chiediamo al Signore di scaldarci il cuore per poterli aiutare.
IT | EN | DE | FR | PT
14 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo


Il comunicato Stampa dell'Elemosineria Vaticana
IT | ES | DE | RU
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma


Servizio di AdnKronos
IT | FR
9 Gennaio 2017

Continuiamo a rispondere al freddo con la solidarietà. In tutta Italia raccolta e distribuzione di coperte ai senza dimora


Grazie ai tanti che hanno risposto al nostro appello. Gli indirizzi e gli appuntamenti per aiutare
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Gennaio 2017
ANSA
Coperte per senzatetto raccolte a Genova
16 Gennaio 2017
Avvenire
Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte
14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano
Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto
13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma
Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard
13 Gennaio 2017
Vatican Insider
Una chiesa del Vaticano aperta per far dormire i senzatetto
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1553 visite

1470 visite

1461 visite

1475 visite
tutta i media correlati