Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più giovani - adozioni a distanza - madagasc...bre 2008 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Madagascar Novembre 2008


 
versione stampabile

I bambini ospitati nella casa famiglia di Antananarivo fino ad oggi sono 14  e la loro età va dai 20 giorni  ai 4 anni.

La capacità di accoglienza massima è di 15 bambini. La maggior parte dei bambini è in completo stato di abbandono e soltanto alcuni ricevono la visita di qualcuno della famiglia. Al momento dell’arrivo a volte i bambini non avevano un nome e neppure l’atto di nascita. Per questo, secondo le procedure di registrazione anagrafica, la casa famiglia si è fatta carico di registrare all’anagrafe i bambini che non erano registrati.

Il primo ottobre la polizia ha portato gli ultimi due bambini, il primo di (circa) quattro anni e l’altro di soli 12 giorni. Il più grande era stato ritrovato da solo in uno dei quartieri più difficili della città . L’altro bambino invece era stato abbandonato subito dopo il parto nella spazzatura, in un quartiere non troppo lontano dalla casa famiglia. Di questo abbandono hanno parlato molto i giornali malgasci perché, nonostante il grande numero di bambini abbandonati, non era ancora mai accaduto che un neonato fosse ritrovato nella spazzatura. Il bambino, ricoverato in ospedale dopo il suo ritrovamento, è arrivato nella casa famiglia all’età di 12 giorni ed in buona salute.

Negli ultimi tre mesi – anche in considerazione dell’aumento del numero dei bambini ospitati – è stato ultimato l’arredamento. La sala giochi esterna è oramai ultimata e viene utilizzata anche come sala da pranzo .....quando il tempo lo permette.
In questi mesi la formazione delle persone a cui sono affidati i bambini è stata più intensa e sono stati affrontati in particolare le norme di igiene (del bambino e dell’ambiente) e alcuni principi elementari di pedagogia e psicologia (sottolineando in particolare le necessità dei bambini abbandonati).

C’è anche un medico che segue i bambini della casa. Regolarmente visita i bambini tutti i lunedì.


Il bambino più grande il giorno del suo arrivo

Ed il più piccolo al suo primo bagnetto

Adozioni a distanza

NEWS CORRELATE
20 Novembre 2016

Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia: Sant'Egidio dalla parte dei bambini


Le Scuole della Pace, il programma "Bravo!", i centri nutrizionali, il programma DREAM... come la Comunità protegge i diritti dei più piccoli. E alcune storie
IT | ES | DE | PT | HU
29 Settembre 2016

Pace in Colombia: la speranza dei bambini adottati a distanza

IT | ES | DE
18 Luglio 2016
CATIÓ, GUINEA-BISSAU

Con le adozioni a distanza, la scuola di São Bento cresce insieme ai suoi studenti


Due nuovi corsi aperti quest'anno. E a settembre si inaugura la VII classe.
IT | ES | DE | FR | PT
17 Marzo 2016
GENOVA, ITALIA

Bambini e rifugiati, un ponte di dialogo e speranza. Il racconto dei Giovani per la Pace di Genova

IT | DE
25 Febbraio 2016

Come si ferma la guerra? Rispondono i bambini della Scuola della Pace di Spinaceto


Le grandi domande dell'oggi viste dalla prospettiva dei "piccoli" svelano la profondità di pensiero dei bambini
IT | RU
16 Dicembre 2015

Quest'anno, a Natale, adotta a distanza un bambino del Malawi! #mercychristmas


In uno dei paesi più poveri del mondo c'è un bambino che ti aspetta. La scheda di adesione online
IT | ES
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
11 Novembre 2014
Regió7
La comunitat de Sant Egidi comença a recollir joguines
1 Luglio 2014
L'Osservatore Romano
Risposte da dare
24 Maggio 2014
Il Piccolo
Comunità di Sant'Egidio 25 anni di impegno in aiuto ai più deboli
19 Febbraio 2014
Famiglia_Cristiana.it
Fuori dall'ombra con Sant'Egidio
5 Gennaio 2014
La Stampa.it
Ecco chi resiste alla fuga dalle scuole
tutta la rassegna stampa correlata

 

Per adottare a distanza un bambino ci si può rivolgere a:

Segreteria delle
adozioni a distanza
Comunità di Sant'Egidio
lun-gio-ven h.9,30-13.30
Tel. 06.5814217

oppure tramite e-mail

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri