Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - amici in carcere - liberare...gionieri - nel carc...liazione contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Nel carcere minorile di Mbeya (Tanzania), la Comunità aiuta i ragazzi e apre spazi di liberazione e di riconciliazione


 
versione stampabile

Nel carcere minorile di Mbeya (Tanzania), la Comunità aiuta i ragazzi e apre spazi di liberazione e di riconciliazione
14 aprile 2010

Mbeya è una città di alcune centinaia di migliaia di abitanti, all’estremo angolo sudoccidentale della Tanzania, non molto distante dal confine con lo Zambia ed il Malawi. Siamo ai lati della direttrice che congiunge il grande bacino minerario del Katanga e dello Zambia settentrionale fin con l’Oceano Indiano e il porto di Dar es Salaam. Qui, grazie al commercio transfrontaliero ed al continuo passaggio di automobili e camion, l'economia comincia a svilupparsi.

Il mito della ricchezza affascina i cittadini di Mbeya, come tantissimi altri tanzaniani, fino a travolgere legami di solidarietà e quelli familiari. Se ne sono accorti recentemente i nostri fratelli della Comunità di Sant'Egidio di Mbeya, che da tre anni hanno iniziato un servizio nel carcere di detenzione provvisoria per minori. Un carcere maschile, non grande, che ospita circa 30 ragazzi, vicino al centro città, a Soweto.

Qui i giovani detenuti in attesa di giudizio ricevono regolarmente la visita della Comunità.
Una visita che vuol dire poter avere qualcosa in più da mangiare, del sapone, dei vestiti, degli amici con cui pregare insieme e a cui poter spiegare quel che è successo, i motivi per cui si è finiti in carcere.

Proprio dai loro racconti è emersa chiaramente l’inconsistenza di molte delle accuse che erano state loro rivolte. Almeno metà dei ragazzi in carcere erano infatti divenuti da poco orfani di entrambi i genitori ed erano stati denunciati dai parenti per fatti più o meno banali. In realtà, più probabilmente,  con la speranza di ereditare dopo la condanna i beni (un po’ di denaro, ma soprattutto la casa) che erano passati ai figli dei deceduti. Per alcuni dei giovani prigionieri la detenzione era già stata lunga (fino a un anno) e molto penosa.
La Comunità di Sant'Egidio di Mbeya ha deciso di agire per difendere i diritti di questi minori, cercando una strada di giustizia e di riconciliazione.

Si è parlato con i giudici minorili, e poi con le famiglie dei giovani arrestati, in particolare con coloro che avevano sporto denuncia, per convincerli a ritirarla. Un lavoro delicato, che cercava anche di evitare eventuali risentimenti e vendette nel futuro, e che per fortuna ha dato frutto in non pochi casi.

Ad oggi sono nove i giovani amici rilasciati dal carcere a causa del ritiro della denuncia a suo tempo sporta nei loro confronti.

E adesso, alcuni di questi ragazzi ex prigionieri accompagnano la Comunità nelle sue visite al carcere di Soweto.

Approfondimenti: Video

Amici in carcere

Campagna Liberare i
Prigionieri in Africa



Sostieni il programma Liberare i prigionieri con una donazione

NEWS CORRELATE
7 Novembre 2016
LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO

Dove alla violenza si risponde con il perdono, là anche il cuore di chi ha sbagliato può essere vinto dall’amore


che sconfigge ogni forma di male. E così, tra le vittime e tra i colpevoli, Dio suscita autentici testimoni e operatori di misericordia.
IT | EN | ES | DE | FR | PT
16 Giugno 2017
JOS, NIGERIA

Sant'Egidio porta l'acqua corrente nel carcere minorile di Jos in Nigeria


La Comunità ha installato un serbatoio idrico nella prigione dove i giovani detenuti vivevano senza acqua
IT | ES | DE | FR
3 Maggio 2017
ABUJA, NIGERIA

Nigeria: consegnati aiuti alle donne detenute nel carcere di Suleja


La Comunità ha donato materassi alle prigioniere che non hanno un letto su cui dormire
IT | EN | ES | DE | PT | NL
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | ES | FR | PT | NL | RU | HU
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
26 Luglio 2017
Roma
Alla ricerca della dignità perduta
26 Luglio 2017
Roma
La Comunità di Sant'Egidio porta in carcere musica e gelato
24 Giugno 2017
Radio Vaticana
Sant’Egidio a Washington: rafforzare impegno contro pena di morte
19 Giugno 2017
OnuItalia
Nigeria: Sant’Egidio regala un serbatoio per acqua potabile ai detenuti del carcere minorile di Jos
4 Gennaio 2017
ANSA med
A Napoli presepe dei detenuti dedicato a viaggio migranti
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

123 visite

132 visite

144 visite

236 visite

69 visite
tutta i media correlati