Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - immigrati e rom - immigrat... e sinti - in occas...eranza". contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, la memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa. La documentazione della veglia "Morire di Speranza".


 
versione stampabile

Roma - Morire di Speranza
Preghiera ecumenica in memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa
Roma, Basilica di Santa Maria in Trastevere, 17 giugno 2010

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato 2010, il 17 giugno, ACLI, Associazione Centro Astalli, Caritas Italiana, Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Fondazione Migrantes, per il quarto anno consecutivo, si sono raccolti per una preghiera ecumenica in memoria delle vittime dei viaggi verso l’Europa, presieduta da Mons. Antonio Maria Vegliò, Presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti. (testo dell'omelia)

Vi hanno preso parte comunità e associazioni di immigrati, rifugiati e organizzazioni di volontariato.

Ancora oggi moltissimi uomini, donne, bambini, lasciano la propria terra nella speranza di fuggire guerra, persecuzioni, malattie, carestie, cercando di raggiungere un luogo dove costruire il proprio futuro. Molti di questi muoiono durante il viaggio, solo una piccola parte raggiunge l’Europa.
Su 1.000.000 di richieste di asilo politico nel 2009 il Sudafrica ne ha ricevute 220.000, mentre la Francia 42.000 e l’Italia solo 17.000. I morti accertati fino al 2009 sono circa 15.000
(i dati).

Il nostro continente continua ad alzare muri per difendersi. Sono ancora tragicamente troppo pochi coloro che riescono ad arrivare alla meta. E’ solo di pochi giorni fa la notizia di profughi somali morti annegati di fronte alle coste mozambicane mentre si dirigevano verso il Sudafrica.
Il netto calo delle morti davanti alle coste italiane e delle domande di asilo politico dimostra quindi come in realtà i respingimenti, anzichè contrastare l’immigrazione irregolare, hanno gravemente inciso sulla fruibilità del diritto di asilo in Italia, e di conseguenza in Europa, e hanno modificato le rotte dei profughi verso il sud. Molte morti non vengono più neanche registrate perché avvengono nel deserto o in aree difficili.
Dimenticare, rimuovere, rassegnarsi alla normalità delle tragedie dell’immigrazione vuol dire lasciare morire ancora una volta le vittime in viaggio verso l’Europa: “le vittime della speranza”.

Nella preghiera sono stati ricordati i nomi e le storie di alcuni di coloro che sono morti, alla presenza dei loro familiari ed amici.

Galleria di immagini >>>

Approfondimenti

L'omelia di mons. Vegliò

Cari amici,
La celebrazione di questa sera ha un tono particolarmente grave. Nella solenne cornice della Basilica di Santa Maria in Trastevere, la Comunità di Sant'Egidio, assieme ad altre associazioni, ha voluto questa Veglia di Preghiera nella ricorrenza annuale della Giornata Mondiale dei Rifugiati, promossa dalle Nazioni Unite. E noi abbiamo risposto numerosi all'appello, ritrovandoci qui per ricordare per nome volti e storie di uomini e donne, bambini e anziani che hanno perso la vita mentre compivano il viaggio della speranza, in fuga dai loro Paesi martoriati da situazioni difficili e, a volte, inumane — come in Asia e in Africa —, verso altri Paesi, sognati come zone di libertà, di sicurezza e di vita dignitosa — come in Europa e in America. Ecco, questa sera siamo qui in tanti....

------------------------------------------------------

Appello di alcuni ragazzi eritrei respinti dalle motovedette italiane al largo di Lampedusa e tenuti prigionieri in Libia

------------------------------------------------------



I Dati
Elaborazioni Comunità di Sant'Egidio su dati Comunità di Sant'Egidio, Fortress Europe

 


NEWS CORRELATE
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

22 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Integrazione è anche prendersi cura di chi è fragile: consegnati a Roma i diplomi di care giver e di lingua italiana


Tanti i nuovi europei che quest'anno hanno frequentato i corsi promossi dalla Comunità di Sant'Egidio
14 Novembre 2016
GENOVA, ITALIA

È come se i migranti fuggiti da guerra e miseria avessero scritto, con le loro vite, una preghiera nuova...


A Genova si festeggia l'integrazione con la consegna degli attestati del corso di lingua e cultura italiana
1 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

Inaugurato a Barcellona il nuovo anno scolastico della Scuola di Lingua e Cultura della Comunità di Sant'Egidio

IT | ES
31 Ottobre 2016
NOVARA, ITALIA

Consegna dei diplomi alla scuola di italiano di Sant'Egidio a Novara: un laboratorio di pace, cultura e integrazione

28 Ottobre 2016
TRIESTE, ITALIA

Cultura e integrazione a Trieste: la consegna della Costituzione e dei diplomi di italiano della scuola di Sant'Egidio

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
22 Novembre 2016
Corriere della Sera
La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio
21 Ottobre 2016
L'huffington Post
Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza
18 Ottobre 2016
Avvenire
Nei «Games4Peace» vince l'integrazione
17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova
Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo
13 Luglio 2016
RomaSette.it
Il cardinale Vallini tra i rom di Castel Romano: «Basta pregiudizi»
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1192 visite

1155 visite

1126 visite

1098 visite

1167 visite
tutta i media correlati