Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - il ricor... valenti - il ricor... modesta - alla vig...a a roma contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Alla vigilia della memoria di Modesta, storie e dati su chi vive per la strada a Roma


 
versione stampabile

Alla vigilia della memoria di Modesta, storie e dati su chi vive per la strada a Roma
28 gennaio 2011

In questi giorni di grande freddo, che colpisce duramente chi è senza dimora, la Comunità di Sant’Egidio ricorda, con liturgie e momenti di preghiera a Roma e in diverse città, le tante persone che le difficoltà della vita hanno spinto alla vita in strada.                

La memoria di coloro che hanno perso la vita si rinnova ogni anno, a partire dalla morte di una donna, Modesta Valenti, che viveva in strada e che il 31 gennaio 1983 morì alla Stazione Termini: ebbe un malore, ma non fu soccorsa, solo perché aveva i pidocchi.

La sua morte ha segnato profondamente l’amicizia della Comunità di Sant’Egidio con chi è senza dimora.

Alla vigilia della memoria di Modesta, qualche spunto di riflessione.

La storia di Nereo >> La storia di Carmelo >>

 .....................................................................................................................

Durante l’inverno in corso sono morte per strada a Roma 7 persone senza dimora. Tra i casi più recenti vanno segnalati quelli di Ostia: nel centro del litorale romano, infatti, sono morti un romeno di 41 anni (trovato nella Pineta), un polacco di 41 anni ed un tunisino il cui corpo è stato ritrovato in una cabina di uno stabilimento in riva al mare.
L’ultimo deceduto in strada in ordine di tempo a Roma  è stato Giuseppe Scarcella, un signore che avrebbe compiuto 60 anni il 31 gennaio, e che è stato trovato la mattina del 23 gennaio in viale Giulio Cesare, non lontano da Piazza Risorgimento.

A Roma sono circa 6000 le persone senza dimora.
 
Durante l’inverno trovano accoglienza presso centri di accoglienza notturna del Comune o di associazioni di volontariato circa 2700 persone così divise:

• 1500 presso parrocchie, associazioni di volontariato, religiosi
• 1200 presso centri convenzionati con il comune di Roma di cui circa 600 aperti solo durante l’emergenza freddo
• 2300 persone non trovano accoglienza presso i centri e dormono per strada o in rifugi di fortuna.
• 1000 persone vivono in insediamenti spontanei nella periferia della città

Le donne sono circa il 15%. Gli stranieri sono l’80%. Di questi circa 2000 sono rifugiati, richiedenti asilo o «dublinanti». Con tale neologismo si fa riferimento a quanti ricadono sotto la normativa internazionale della convenzione di Dublino per la quale se un immigrato - ad esempio - chiede asilo politico in Italia e poi va in un altro paese firmatario della convenzione, viene ripreso e riportato in Italia.

Anche quest’anno per l’emergenza freddo la Comunità di Sant’Egidio ha aperto a Trastevere uno spazio di accoglienza in più come risposta immediata alle temperature rigide.
Il centro, che dispone di una ventina di posti letto, è destinato ad accogliere per il periodo invernale le persone che vivono abitualmente per strada a Trastevere.

L’apertura ha come obiettivo immediato di evitare rischi per la sopravvivenza e la salute di persone già indebolite dalle condizioni precarie alle quali costringe la vita senza fissa dimora.
L’anno scorso sono state difese in questo modo dal maggiore freddo più di 50 persone. Per ognuna di esse, attraverso l’ospitalità invernale, è iniziato un percorso di reinserimento che ha evitato alle persone accolte il ritorno alla vita per strada. Fornire un ricovero nella stagione invernale equivale a  salvare concretamente la vita di quanti dormono all’aperto.

Amici per la strada


NEWS CORRELATE
23 Gennaio 2017

Riscaldiamo l'inverno delle persone senza dimora: sono nostri amici, continuiamo ad aiutarli


Alcuni video sull'impegno quotidiano di Sant'Egidio per l'accoglienza e il sostegno di chi è costretto a dormire per strada al freddo
IT | FR
18 Gennaio 2017
KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più


Nel freddo dei giorni scorsi due donne hanno perso la vita. Una veglia di preghiera in loro ricordo
IT | HU
16 Gennaio 2017

In questi giorni di tanto freddo penso e vi invito a pensare a tutte le persone che vivono per la strada


, colpite dal freddo e tante volte dall’indifferenza. Preghiamo per loro e chiediamo al Signore di scaldarci il cuore per poterli aiutare.
IT | EN | DE | FR | PT
14 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo


Il comunicato Stampa dell'Elemosineria Vaticana
IT | ES | DE | RU
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma


Servizio di AdnKronos
IT | FR
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Gennaio 2017
Gazzetta di Parma
Servono coperte e giacche per i senzatetto
19 Gennaio 2017
ANSA
Coperte per senzatetto raccolte a Genova
16 Gennaio 2017
Avvenire
Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte
14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano
Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto
13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma
Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

1474 visite

1463 visite

1477 visite

1558 visite
tutta i media correlati