Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - pace - pace in ...le terre - giornata...el mondo - marcia p...le terre contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Marcia per la Pace in Tutte le Terre


 
versione stampabile

Marcia per la Pace in Tutte le Terre
Roma, un lungo corteo raggiunge San Pietro. Il saluto di papa Benedetto
1 gennaio 2012


Visita la fotogallery

Da dieci anni, la Comunità di Sant'Egidio, il 1 gennaio, celebra la Giornata Mondiale per la Pace, con iniziative, marce e incontri in ogni parte del mondo, unendosi così al messaggio per la pace che ogni anno viene proclamato dal papa.

Oggi a Roma, un lungo corteo - a cui hanno preso parte migliaia di persone di ogni generazione e a cui hanno aderito oltre 60 sigle cattoliche - ha raggiunto piazza San Pietro, dove è stato accolto dal saluto affettuoso del papa.

Sul messaggio del papa "Educare i giovani alla giustizia e alla pace" si è particolarmente soffermato il presidente della Comunità di Sant'Egidio, Marco impagliazzo, di cui riportiamo l'intervento integralmente:

"Cari amici, una nuova giornata della pace si apre all’inizio del nuovo anno. E’ un dono che tutti riceviamo, quello di poter cominciare l’anno nel nome della pace. La Comunità di Sant’Egidio è grata alla Chiesa di questo grande dono ed è contenta di riunirsi – per il decimo anno – per la marcia della pace il 1 gennaio. Quest’anno il messaggio del Papa si rivolge particolarmente ai giovani e a chi vive con loro. Benedetto XVI dice una cosa importante: “La pace non è soltanto un dono da ricevere, bensì un’opera da costruire”.
E’ su questo passaggio che vorrei soffermarmi, ricordando anche le parole di Giovanni Paolo II che ad Assisi, venticinque anni fa disse: “La pace è un cartiere aperto … essa attende i suoi artefici”.
La pace è una grande opera. E come tale ha bisogno di una cultura di pace che la sostenga e la sorregga. La cultura della pace è il fondamento di ogni costruzione di pace. Questa cultura della pace è fatta di incontro con l’altro, di conoscenza dell’altro, del superamento della cultura del nemico, è fatta di non violenza, e anche di preghiera al Dio della pace. In questo nostro mondo questa cultura deve ancora affermarsi. Eì’ stato seminato troppo disprezzo dell’altro, di chi è diverso da me, di chi è straniero, di chi è in difficoltà, di chi non è come me. E il disprezzo ha fatto crescere tante parole, atteggiamenti, gesti violenti e anche razzisti nelle nostre società. Siamo rimasti molto colpiti da ciò che è accaduto a Firenze un mese fa a danno di alcuni lavoratori senegalesi. La cultura del disprezzo può diventare omicida. Se guardiamo il mondo oltre i confini di casa nostra ci rendiamo conto di come la cultura del disprezzo sia ancora all’origine di tanta violenza. In fin dei conti è il disprezzo della vita ciò che provoca la diffusione della violenza e della guerra. 
La cultura della pace è cultura della vita! Si, cari amici, noi amiamo la vita, tutta la vita e la vita di tutti, per questo lottiamo per la pace. E’ un lavoro paziente, da fare ogni giorno. Dovunque ci si trovi. Fai crescere la cultura della pace che è cultura della vita. Qui a Roma questo significa lavorare ogni giorno per realizzare una società del vivere insieme. Che cosa significa? Vivere insieme è costruire una casa comune dove ci sia posto per ogni persona, da qualunque cultura o Paese essa venga. Una casa comune fatta della ricchezza di tutti. Porta anche tu il tuo contributo a questa casa comune, dove si vive insieme nella pace. L’impegno per la pace è una responsabilità di tutti. Nessuno pensi di essere troppo piccolo o insignificante di fronte ad esso, perché la pace attende sempre, dovunque e a qualunque età i suoi artefici."



NEWS CORRELATE
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione


Un modello da replicare: continueremo a lavorare per il dialogo e la pace.
IT | ES | DE | FR | PT | CA
14 Novembre 2016
BRUXELLES, BELGIO

Prosegue l'impegno di Sant'Egidio per l'Iraq: oggi a Bruxelles una Giornata di Studio con il Comitato per la Riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2016
ADDIS ABEBA, ETIOPIA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica di Etiopia Mulatu Teshome


Pace in Africa e dialogo interreligioso al centro del colloquio
IT | ES | DE | PT
2 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Firmato l'Accordo di amicizia tra Sant'Egidio e Rissho Kosei-kai: dialogo e passione per le sfide del nostro tempo

IT | ES | DE | FR | PT | RU
27 Ottobre 2016
Comunicato stampa

Lo Spirito di Assisi ancor più necessario in un mondo lacerato da guerre e divisioni


30 anni fa la preghiera delle religioni voluta da Giovanni Paolo II
IT | ES
13 Ottobre 2016
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica Centrafricana Touadéra


Programma DREAM, sanità e lavoro per la pace tra i temi dell'incontro
IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU | HU
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
23 Novembre 2016
Il Fatto Quotidiano
Non solo faide, al Sud si parla di pace
22 Novembre 2016
Avvenire
Sant'Egidio. «Quella in Centrafrica non è una guerra di religione»
22 Novembre 2016
L'huffington Post
Se Bangui diventa il centro del mondo con il Cardinale, l'Imam e il Pastore
19 Novembre 2016
Vatican Insider
A Sant’Egidio il cardinale, l’imam e il pastore centrafricani
14 Novembre 2016
Radio Vaticana
Colombia. Nuovo accordo di pace: Farc rendono denaro e beni a vittime
tutta la rassegna stampa correlata