Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
24 Dicembre 2005

Salviamo il Malawi dalla carestia: il progetto della Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Il Malawi (assieme ad altri paesi dell’Africa Australe) dal 2002 è stato ripetutamente colpito da carestie. In quell'anno, si è stimato che quasi due terzi della popolazione si trovasse in stato di carenza alimentare. Una percentuale scesa ma rimasta su livelli gravi l'anno seguente, quando  l’emergenza riguardava il 30 % dei malawani.

Da allora la Comunità di Sant'Egidio è intervenuta nel paese prima con aiuti di emergenza e in seguito con più vasto progetto di lotta alla malnutrizione e la realizzazione di centri nutrizionali. 

Il paese

Il Malawi è un piccolo paese, senza accesso al mare, con poco più di dieci milioni di abitanti, la metà dei quali ha meno di 18 anni. L'aspettativa di vita, abbassatasi di cinque anni nell'ultimo quinquennio, è oggi di solo 36,5 anni.
E' il segno di un impoverimento grave, dovuto ad una molteplicità di fattori, tra cui la malnutrizione, l’accesso alle cure mediche negato, lo scarso livello culturale che aumenta l’incidenza delle malattie, l’ enorme diffusione dell'infezione da HIV. 
Un Malawiano sopravvive in media con meno di 1 dollaro al giorno. 

La mortalità infantile è del 103/1000 e nel paese si contano più di un milione di orfani di cui 700.000 a causa dell'HIV. 
La siccità degli ultimi mesi rende la situazione attuale molto rischiosa: una nuova, gravissima  carestia è in atto. Dalla fine di novembre sono iniziate le morti per fame.

Un rapporto FAO del giugno 2005 prevede che un quarto della popolazione del paese, cioè 4.22 milioni di malawiani, non avranno il cibo necessario alla sopravvivenza. Lo stesso studio prevede che al sud del paese la popolazione affetta da carenze alimentari sarà tra il 55 e il 61%, nei distretti di Balaka e Chiqwawa sarà colpito l’80% della popolazione, il 76% a Mulanje, il 71% Thiolo, il 66 e 61,5 % rispettivamente a Blantyre rurale e Ntchew.

Dallo stesso rapporto si evince che una delle cause della carestia è la diffusione della monocoltura, e un ritardo nella distribuzione di fertilizzanti, che avrebbero potuto sopperire anche parzialmente alla carenza di piogge. 

La carestia ha sommato i suoi effetti disastrosi con quelli prodotti dalla diffusione dell’HIV, incrementando le morti premature. Attualmente la stima ufficiale del Governo del Malawi riporta che una persona su 9 è sieropositiva, cioè si stima che il 14,2 % della popolazione sia affetto da HIV e che nel solo 2003 siano decedute a causa dell’infezione da HIV circa 90.000 persone. Ma stime non ufficiali, basate sugli ingressi negli ospedali privati, porta la percentuale al 30%.

Il progetto della Comunità di Sant’Egidio in Malawi nel 2003/2004


La Comunità di Sant’Egidio già dal 2003 ha attuato un progetto di supplementazione alimentare per rispondere alla terribile carestia che ha attanagliato centinaia di migliaia di persone.
Il progetto prevedeva la costruzione di 2 centri nutrizionali e la ristrutturazione di un terzo a Balaka, Lilongwe e Mangochi. Presso I tre centri sono stati assistiti 4200 bambini circa in 12 mesi.
Ma la maggior parte della popolazione disagiata è stata raggiunta attraverso delle distribuzioni in agglomerati urbani distanti dai villaggi o dalle città. Le persone indebolite dalla malnutrizione, infatti, non riuscivano a raggiungere i pur necessari centri nutrizionali.
Con le comunità locali abbiamo quindi distribuito aiuti alimentari per un anno a nuclei familiari e si stima che in 18 mesi siano state raggiunte 35.000 persone. Molti dei bambini particolarmente malnutriti sono stati conosciuti con le scuole della pace. Hanno usufruito del programma bambini di ogni confessione religiosa: musulmani, cattolici, protestanti, delle religioni tradizionali, delle nuove chiese protestanti. Abbiamo ricevuto i ringraziamenti ufficiali della Scuola Coranica di Zomba, dei capi villaggio, delle autorità locali, di tanti catechisti , di tanti anziani che non avevano più nulla da dare ai loro nipoti. Il progetto fu in parte sostenuto con i fondi per la lotta alla fame dell'8x1000.

Il progetto della Comunità di Sant’Egidio in Malawi nel periodo 2005/2006

Poiché l’attuale crisi arriva dopo un lungo periodo di indebolimento della popolazione locale, si è ritenuto necessario proseguire nel sostegno alimentare.
Il progetto prevede una distribuzione contemporanea nelle tre zone del Malawi: nord, centro sud, con l'utilizzo dei centri nutrizionali e della rete già implementata negli anni scorsi.
In ogni zona vogliamo supplementare 4 villaggi, circa 2000 persone a villaggio, 10.000 persone al mese in tutto il Malawi.
Sono stati censite già 5400 persone che possono cominciare a ricevere gli aiuti alimentari.
Il censimento è stato fatto con l’aiuto dei capi villaggio, le autorità locali, i preti e attraverso la fitta rete delle Comunità di Sant’Egidio malawiane, che ormai in alcune zone è presente da 5 anni. Poiché nel paese si sono verificate dei disordini, i capi villaggio con glia anziani hanno collaborato con le persone della Comunità per scegliere i più poveri e per effettuare le distribuzioni. Infatti il 19 dicembre abbiamo cominciato il progetto e già si sono effettuate le distribuzioni a Mzuzu, Ciqwawa, Nguludi, Chimwala e Katema per un totale di 3600 nuclei familiari raggiunti.

I pacchi alimentari sono composti da:
10 kg di Fortified Mais ( cioè mais addizionato con vitamine)
2 Kg Fagioli
1 Lt di olio
2 Kg di Likuniphala ( pappa altamente energetica per bambini fino a 5 anni fatta con farina di mais, zucchero, olio, noccioline)
2 kg di zucchero
1 kg di noccioline
 
La distribuzione degli aiuti alimentari è già iniziata nei villaggi, suscitando con grande gioia. Non è stato un caso riceverli pochi giorni prima del Natale. E' il nostro regalo, l'inizio di un anno che vogliamo e speriamo diverso per il Malawi, i suoi bambini, i suoi giovani.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Preghiera per Elard Alumando

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

283 visite

278 visite

251 visite

347 visite

355 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri