Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Novembre 2007

Mutare (Zimbabwe) - Una grave carestia affligge il paese: l'intervento umanitario della Comunità di Sant'Egidio è rivolto soprattutto ai bambini

 
versione stampabile

Lo Zimbabwe sta attraversando la peggiore crisi umanitaria dai tempi della sua piena indipendenza (1980, quando è caduto il regime razzista che praticava l'apartheid e che governava l'ex colonia britannica, allora denominata Rhodesia).

L’economia del paese è in una situazione disperata. Il dollaro dello Zimbabwe non ha praticamente alcun valore. Il tasso d’inflazione è il più alto del mondo, 7-8.000%. Le banconote non valgono la carta sulla quale sono stampate e non vengono accettate in nessuno dei paesi confinanti.

Ma i problemi non sono solo finanziari. La produzione agricola è in caduta verticale. Il paese, che è stato il secondo produttore mondiale di tabacco, che esportava prodotti agricoli in tutta la regione australe, che dava lavoro a decine di migliaia di immigrati dai paesi vicini, vede oggi i campi abbandonati ed improduttivi. Migliaia di zimbabwani cercano lavoro in Sudafrica, Malawi, Mozambico, mentre i negozi sono desolatamente vuoti: il pane, lo zucchero, la farina sono introvabili, la gente comincia a soffrire la fame. In maniera sempre più esplicita si comincia a parlare di carestia. E’ in Zimbabwe che si registra il più grave aumento della mortalità infantile al mondo e la malnutrizione cronica riguarda ormai un bambino su quattro.

Le radici della crisi odierna sono da ricercarsi in una vasta serie di cause: l'epidemia di HIV-AIDS, una sfortunata successione di eventi naturali (siccità e inondazioni), e le difficoltà sociali e politiche.

A pagare il prezzo più alto della crisi sono le fasce sociali maggiormente vulnerabili, primi fra tutti i bambini delle famiglie più povere e soprattutto i tantissimi - un quinto della popolazione infantile nazionale - resi orfani di uno o entrambi i genitori dall'AIDS.

E’ per questo che la Comunità di Sant’Egidio ha voluto sostenere le situazioni dei minori che conosce più da vicino: i bambini delle scuole della Pace della Comunità di Mutare, una cittadina nella parte orientale dello Zimbabwe, a non molti km dalla frontiera col Mozambico.

Con gli aiuti arrivati dalla Comunità di Sant'Egidio di Roma e con il supporto logistico delle Comunità del Malawi è stato possibile acquistare e portare nelle zone colpite dalla carestia mais, zucchero, biscotti, fusti d’olio.

Questo cibo è stato necessario ad assicurare una supplementazione  alimentare nelle due Scuole della Pace di Mutare, nei quartieri di Sakuva e Danganvura. Molti tra questi bambini sono orfani, e comunque tutti vivono in famiglie povere, che soffrono moltissimo la penuria alimentare.

Il coinvolgimento delle Comunità di Sant'Egidio del Malawi è tanto più significativo in quanto essi stessi, poco più di un anno fa, sono stati vittime di una grave carestia ed hanno ricevuto a loro volta aiuti. Potersi fare vicini a chi oggi soffre è un modo per vivere a pieno quel tratto della spiritualità di Sant'Egidio per cui “nessuno è così povero da non poter aiutare chi è più povero di lui”.

E’ la seconda volta in un paio di mesi che aiuti alimentari vengono distribuiti nelle scuole della Pace di Mutare. Molti si sono stupiti che tali distribuzioni fossero assolutamente gratuite (la borsa nera è uno dei drammi dello Zimbabwe di oggi).

Invece la Comunità intende proseguire in questo impegno di sostegno alimentare, anche in ottemperanza al diritto all’alimentazione sancito dall'articolo 11 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, adottato dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1966.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Luglio 2009

"LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA" Una campagna di solidarietà con i detenuti africani nelle carceri italiane

IT | ES | DE | FR | PT
16 Luglio 2015
MAPUTO, MOZAMBICO

Il presidente di Sant'Egidio inaugura a Maputo il programma Dream 2.0 per un approccio globale alla salute in Africa

IT | EN | DE | FR | PT
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Promozione della donna e degli anziani in Africa: il convegno dei rappresentanti di #SantEgidioinAfrica. FOTOGALLERY

IT | FR | PT
20 Settembre 2017
MYANMAR (BIRMANIA)

Aiutiamo i profughi rohingya rifugiati in Bangladesh

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
15 Settembre 2017
LIVORNO, ITALIA

Alluvione a Livorno: la Comunità, insieme ai nuovi europei, in aiuto delle persone colpite

3 Agosto 2017
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Missione umanitaria di Sant'Egidio a Bangui in Centrafrica. Un passo per l'implementazione dell'accordo di pace

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
29 Settembre 2011
Main.de

Würzburg-Hilfe kommt in Kenia an

3 Aprile 2014
Famiglia Cristiana

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

22 Giugno 2013
Luxemburger Wort

Für die Armen und im Gebet

22 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

21 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

29 Aprile 2013
Il Secolo XIX

In Africa una campagna per salvare madri e figli

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1449 visite

1439 visite

1349 visite

1650 visite

1480 visite
tutta i media correlati