Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
29 Settembre 2008

Si è svolto a Roma il III CONGRESSO INTERNAZIONALE DEI MINISTRI DELLA GIUSTIZIA, "Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale"

 
versione stampabile

Si è svolto a Roma, a Palazzo Rospigliosi, il 29 settembre, iI III Congresso Internazionale NO JUSTICE WITHOUT LIFE promosso dalla Comunità di Sant'Egidio, sul tema: "Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale".

Vi hanno partecipato ministri della Giustizia e rappresentanti di 17 paesi, dall'Africa, l'America Latina, l'Asia, oltre naturalmente l'Italia, la Santa Sede e l'Unione Europea.

In apertura del convegno, Mario Marazziti, portavoce della Comunità di Sant'Egidio, ha richiamato l'impegno congiunto della Comunità, dell'Unione Europea e di alcuni governi, che ha portato all'approvazione della risoluzione sulla moratoria delle esecuzioni da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il 18 dicembre 2007. "Il convegno di quest'anno, ha spiegato Marazziti, si colloca proprio nella prospettiva dell'implementazione della moratoria e di un impegno comune per giungere alla completa abolizione della pena capitale". 

Il messaggio inviato dal cardinale Renato Raffaele Martino, presidente del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la pace, ha aperto i lavori: "La voce della Chiesa è sempre stata e sempre sarà dalla parte della vita - ha detto il cardinale, ribadendo - non solo il mio caloroso saluto, ma anche il mio sostegno convinto e partecipe ad un'iniziativa che, di anno in anno, contribuisce ad allargare il consenso internazionale su una grande scelta di vita".

Anche mons. Agostino Marchetto, Segretario del Pontificio Consiglio della Pastorale per i migranti e gli Itineranti, ha ribadito il favore con cui la Chiesa guarda alla mobilitazione suscitata per l'abolizione della pena di morte. L'accelerazione di questo processo, ha affermato, "è incoraggiante. E penso di nuovo all'Africa, tanto cara alla Chiesa alle sue ricchezze e contraddizioni, al suo travaglio e alle sue conquiste. Sono certo della nostra comune responsabilità nel sostenere il movimento abolizionista: esso deve e può divenire una conquista stabile, oltre l'instabilità politica. Deve e può divenire una conquista permanente, in sinergia con altri attori dello scenario internazionale. SI tratterebbe di un nuovo protagonismo africano".

 A nome del governo italiano è intervenuta l'on.le Stefania Craxi, sottolineando quanto sia stato importante, per il raggiungimento della moratoria universale, l'impegno di Sant'Egidio per allargare il dibattito sulla pena di morte oltre le aule del dibattito politico e diplomatico e coinvolgere la società civile, mentre il sindaco Alemanno ha portato il saluto e il sostegno della città di Roma e l'impegno perchè sulla pena di morte si metta la parola fine "entro questa generazione".

 L'Unione Europea, che tanta parte ha avuto ed ha nel sostegno alla campagna per la moratoria e l'abolizione della pena capitale, è stata rappresentata da Friso Roskan Abbing, della Commissione Giustizia dell'UE. 

"La tradizione dei diritti umani è nel DNA dell'Europa" ha ricordato il vicepresidente della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick, che ha offerto un'interessante panoramica dell'evoluzione della cultura contro la pena di morte percorsa negli ultimi decenni. Nel 1970, infatti, erano solo 50 i paesi che l'avevano abolita o rinunciato ad usarla nell'ordinamento nazionale, un numero che oggi è salito a 141.  Un trend estremamente incoraggiante per quanti si impegnano in questa "battaglia di civiltà".

  

Interventi e testimonianze

Mabala Martin, ministro della Giustizia del Gabon, ha ricordato come il suo paese avesse preso l'impegno di sottomettere la proposta di moratoria all'Assemblea delle Nazioni Unite, proprio nel corso del II Congresso Internazionale "No Justice without life" svoltosi a Roma lo scorso anno. Ora, ha aggiunto, "l'abolizione non si può ridurre ad un'azione legislativa. Si tratta dell'inizio di un lungo processo che esige una organizzazione e un'attenzione sostenuta da parte dei governi e di tutti coloro che militano in favore della vita".

Tamara Chikunova, fondatrice delle "Madri contro la pena di morte", ha portato la sua esperienza di donna e madre, che, dall'immenso dolore per la condanna a morte e l'esecuzione del figlio, ha trovato la forza e il coraggio di lottare per l'abolizione della pena di morte, raggiunta nel suo paese, l'Uzbekistan, all'inizio di quest'anno. 

  

II presidente della Commissione per i Diritti Umani del Messico, José Luis Soberanes, ha ripercorso il cammino legislativo compiuto dal suo paese fino alla completa abolizione della pena di morte: "la discussione sull'imposizione della pena di morte è un tema che sarebbe dovuto morire con il secolo XX. E' inconcepibile che attualmente sussista l'idea che la pena di morte sia un castigo giusto, un esempio per la società o un meccanismo di inibizione della delinquenza. I paesi che applicano la pena di morte non hanno superato l'oscurantismo dal momento che considerano la pubblica vendetta come l'unico rimedio per 'fare giustizia' quando nella realtà non frenano l'alto tasso di criminalità che al contrario continua ad aumentare".

Dalle Filippine è giunta la testimonianza di Erin Tanada III, presidente della Commissione per i Diritti Umani della Camera dei Deputati, che ha rievocato come le Filippine, dopo aver già una prima volta aobolito la pena di morte, l'avessero poi reintrodotta nella legislazione, pur tornando ad abolirla nel 2006. "A coloro che sostengono la necesità di introdurla nuovamente facciamo del nostro meglio per dire che la vita delle vittime dei crimini violenti è una grande tragedia, le loro vite sono preziose, e non potranno mai essere restituite. Ma le vite dei condannati a morte sono vite per le quali possiamo ancora fare qualcosa".

Jaime Aguilar, della Comunità di Sant'Egidio di San Salvador, ha illustrato il fenomeno delle "maras", bande di giovani per lo più poveri, poco più che adolescenti, iniziati alla violenza, che vivono e praticano una "cultura di morte". "Come potrebbe la pena di morte fermare questa violenza? Il giovane delle maras sa che morirà presto, il suo modo violento di vivere nasce in questa consapevolezza e vive sfidando la morte. ... la cultura della morte delle maras non si può contrastare con altra morte. ... credo che la vera alternativa sia la costruzione di una cultura di vita, fatta di dialogo, di parole, di rispetto dei diritti, di umanizzazione delle carceri, e soprattutto di attenzione ai bambini e agli adolescenti prima che vengano coinvolti dalle maras: una nuova cultura di educazione alla pace, di amore per la vita, la propria e quella degli altri, può prevenire la violenza".      

Mrs. Maria Benvinda Levi, Ministro della Giustizia del Mozambico: "La particolarità è che l'abolizione della pena di morte in Mozambico è avvenuta durante la gurra, e nonostante ciò, questa decisione non ha portato instabilità, al contrario la pace fu raggiunta poco tempo dopo, nel 1992, attraverso il Trattato generale di Pace firmato qui a Roma, nel quale la Comunità di Sant'Egidio ha giocato un ruolo particolarmente importante come facilitatore dell'intero processo negoziale". 

 Sono seguiti ancora gli interventi dei rappresentanti del Kazakhstan e del Sudafrica.

Concludendo l'incontro, Mario Marazziti ha, detto, guardando al futuro e al cammino da compiere: "A volte la pena di morte sembra naturale. A chi compie estrema violenza, estrema violenza. Sembravano naturali anche la tortura e la schiavitù. In Europa e in America si diceva: senza schiavitù il mondo non può reggere, l'economica non può reggere. Ma non era così. Un paese senza pena di morte non è meno sicuro. E' solo meno cieco. "Occhio per occhio e tutto il mondo diventerà cieco" diceva con saggezza il Mahatma Gandhi. ....Come quando la tortura e la schiavitù sono state messe fuori legge, così accadrà anche per la pena di morte, che può diventare un diritto umano in più, che migliora e non peggiora questo mondo. .. " Infine, Marazziti ha assicurato ai rappresentanti dei paesi presenti al Congresso che "la Comuntà di Sant'Egidio è e sarà al vostro fianco per far diventare la pena di morte un pezzo di storia".


 LEGGI ANCHE
• NEWS
28 Luglio 2016

In Indonesia nuove esecuzioni. Sant’Egidio: “Moratoria della pena di morte durante il Giubileo della Misericordia”

IT | FR | PT
14 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, visita Sant'Egidio: si parla di pace, di DREAM e di abolire la pena di morte

IT | ES | DE | CA
5 Luglio 2016

Pena di morte: un passo importante verso l'abolizione in Guinea-Conakry

IT | EN | ES | DE | FR | CA
24 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Sant'Egidio porta la voce dell'Africa e dell'Asia al Congresso Internazionale delle Associazioni contro la pena di morte

IT | ES | FR
22 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Il papa al Congresso di Oslo contro la pena di morte: E' inammissibile, il comandamento 'non uccidere' ha valore assoluto

IT | DE
21 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Sant'Egidio al VI Congresso Mondiale contro la Pena di Morte

tutte le news
• STAMPA
6 Luglio 2016
Avvenire

Pena di morte. Conakry verso il bando «Grazie a Sant'Egidio per il sostegno»

24 Giugno 2016
Zenit - Ed. Tedesca

Sant'Egidio unterstützt Abschaffung der Todesstrafe in Indonesien und auf den Philippinen

22 Giugno 2016
Avvenire

Il Papa: pena di morte inammissibile, contro il piano di Dio

19 Giugno 2016
Radio Vaticana

Oslo, vigilia del Congresso contro la pena di morte

10 Giugno 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Troppe fedi non combattono la pena di morte

24 Maggio 2016
News.va

Chiesa e società civile contro le nuove esecuzioni capitali

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

485 visite

454 visite

490 visite

415 visite

424 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

Approfondimenti
DOSSIER

Colloqui internazionali
“No Justice without life”

 


Unione Europea