Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Aprile 2009

Roma: Il Colosseo illuminato in onore dello Stato del New Mexico, il quindicesimo ad abolire la pena di morte negli U.S.A.

 
versione stampabile

"Una festa della vita e della giustizia". Con queste parole Mario Marazziti ha aperto, a nome della Comunità di Sant'Egidio, la celebrazione davanti al Colosseo illuminato per l'abolizione della pena di morte nel New Mexico.

Davanti ai numerosi cittadini presenti, gli ospiti d'onore della serata: il Governatore del New Mexico Bill Richardson, l'Arcivescovo di Santa Fe Mons. Michael Sheehan, l'On. Gail Chasey, deputato del New Mexico e Viki Elky del Coordinamento per l'abolizione della pena di morte nel New Mexico, a Roma su invito della Comunità di Sant'Egidio. Ad accoglierli anche il Sindaco di Roma, Alemanno.

Mario Marazziti ha ricordato altri motivi per far festa nel luogo dove è iniziata la campagna "Città per la vita - Città contro la pena di morte" (che coinvolge già oltre 1000 città nel mondo): anche il Gabon e il Burundi stanno rivedendo il loro sistema giudiziario per abolire la pena di morte. "Roma ha offerto il Colosseo ed è amica del New Mexico".

Il Governatore Richardson si è detto onorato di aver potuto lavorare per l'abolizione della pena di morte nel New Mexico, che oggi è il quindicesimo stato ad averla eliminata dal suo ordinamento, e il primo tra gli stati dell'Ovest. Richardson ha indicato i motivi che hanno mosso l'azione del legislatore nel suo stato: è una punizione disumana, che vede tra i condannati a morte quasi esclusivamente appartenenti alle minoranze, mentre molto frequenti sono gli errori giudiziari (nell'ultimo anno sono stati accertati 130 casi). Ma anche altre considerazioni sono state valutate: nel New Mexico l'alternativa alla pena di morte è ora l'ergastolo senza attenuanti e - tra l'altro - la pena di morte costa di più dell'ergastolo. Il Governatore ha infine ringraziato "il Papa, l'Italia, la Comunità di Sant'Egidio" per aver aperto la via e mostrato la strada per l'abolizione della pena di morte.
 
L'Arcivescovo di Santa Fe Mons. Michael Sheehan ha citato l'importanza simbolica del Colosseo, il luogo dove 2000 anni fa i cristiani venivano uccisi per mezzo dei leoni, mentre oggi i cristiani hanno vinto la morte perchè difendono la vita.

Nel ricordare che l'abolizione della pena di morte è buona cosa per tutta l'umanità, Mons. Sheehan ha aggiunto che si deve sempre combattere per la vita e il suo rispetto, come insegna la Chiesa e come ha sempre affermato il papa. Concludendo il suo saluto l'Arcivescovo ha ringraziato la Comunità di Sant'Egidio per aver "messo in pratica le parole della Gaudium et Spes".
 
Gail Chasey ha ricordato il lungo cammino percorso, a partire dal 1997, per l'abolizione della pena di morte nel New Mexico; ha sottolineato come si assista oggi al risultato del lavoro e di un intenso impegno di tanti: "Ogni persona in più che lotta contro la pena di morte fa la differenza".
 
Viky Elki ha ricordato il lavoro comune degli ultimi anni affinchè arrivasse questo giorno ed ha espresso la sua gratitudine a tutti, e in particolare alla Città di Roma e alla Comunità di Sant'Egidio.

Ha quindi preso la parola il Sindaco Alemanno che ha dichiarato che ogni Stato che decide di abolire la pena  di morte è un passo avanti compiuto per cancellare questa vergogna. Nell'affermare che la violenza è sempre da sconfiggere ma che la violenza degli Stati è una ignominia, il Sindaco ha detto che la Città di Roma sarà vicina a tutti gli Stati che aboliranno la pena di morte, ed ha infine ringraziato la Comunità di Sant'Egidio "che ci desta e non ci fa abbassare l'attenzione su questi temi".

Mario Marazziti ha poi chiesto ai presenti un momento di silenzio per ricordare le vittime della pena di morte, seguito da un brano eseguito al sassofono da Stefano Di Battista. Al termine l'auspicio e la speranza che viene dalla celebrazione: che la speranza espressa dal Colosseo illuminato contagi il mondo intero attraverso l'adesione di tutti all'abolizione della pena di morte.

La delegazione del New Mexico era giunta a Roma il giorno precedente, ed aveva partecipato alla preghiera serale della Comunità. Nella mattinata invece l'udienza del papa e successivamente un incontro con la stampa nella sede della Comunità di Sant'Egidio.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
30 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Il Colosseo si accende di luce per dire mai più alla pena di morte nel mondo

IT | ES | FR | PT
25 Novembre 2016

30 novembre: Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | FR | PT | CA | ID
23 Novembre 2016

-7! Si avvicina la Giornata Mondiale delle Città per la Vita contro la pena di morte

22 Novembre 2016

Il video della campagna Cities for Life 2016

IT | PT
21 Novembre 2016

Il 30 novembre più di 2000 città accendono la speranza di un mondo senza pena di morte. A Roma appuntamento al Colosseo

IT | EN | ES | DE | PT | CA
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Main-Post

Wie Joaquin Martinez dem elektrischen Stuhl entkam

1 Dicembre 2016
Avvenire

Città illuminate contro il buio delle esecuzioni

1 Dicembre 2016
Gazzetta di Parma

«Ho chiesto la grazia per l'assassino di mia figlia»

1 Dicembre 2016
Roma sette

Anche Roma tra le “Cities for life”, contro la pena capitale

1 Dicembre 2016
Notizie Italia News

30 novembre, Giornata Mondiale delle Città per la Vita, contro la Pena di Morte

30 Novembre 2016
Radio Vaticana

Pena di morte, Sant’Egidio: oggi oltre 2.100 città del mondo si mobilitano per “Cities for Life 2016”

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

Rajapakshe, Minister of Justice: Sri Lanka to protect the right to life, against the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Elogio dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

474 visite

431 visite

467 visite

442 visite

490 visite
tutta i media correlati
APPROFONDIMENTI

Approfondimenti

Conferenza stampa
sull'abolizione della pena di morte in New Mexico

Roma - 15 aprile 2009


--------------------------------------

Colosseo illuminato per celebrare l' abolizione della pena di morte in New Mexico
(Fonte c6.tv)

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri