Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Luglio 2009

Comunicato Stampa: REGOLARIZZARE SUBITO ALMENO GLI IMMIGRATI "BADANTI"

 
versione stampabile

La Comunità di Sant'Egidio sostiene l'iniziativa del sottosegretario Giovanardi per regolarizzare tutti gli immigrati già presenti in Italia al servizio delle famiglie italiane, degli anziani, per i servizi alla persona, che non possono stipulare il contratto di lavoro per problemi di permesso di soggiorno. 

Dopo l'approvazione del cosiddetto decreto "sicurezza" si è creato un grave danno per tutte le famiglie che da tempo si avvalgono dell'aiuto di immigrati e che non hanno avuto la possibilità di fare rientrare i propri collaboratori e badanti all'interno delle limitate quote di regolarizzazione nazionali. Oggi, a causa della nuova legge, la situazione rischia di diventare paradossale, rendendo passibili di gravi sanzioni centinaia di migliaia di italiani, oltre che gli immigrati stessi: e per un servizio necessario all'economia nazionale e alla qualità della vita.

In occasione della Legge Bossi-Fini fu la Comunità di Sant'Egidio a lanciare la campagna degli anziani e delle famiglie italiane "Ho bisogno di te" da cui è partito l'emendamento per la regolarizzazione di badanti e lavoratori stranieri già presenti e già utilizzati dal mercato del lavoro in Italia. Come è noto, il provvedimento permise la regolarizzazione di oltre 700 mila immigrati e impedì il collasso delle famiglie italiane oltre che l'innesco di situazioni paradossali e penalizzanti la dignità di immigrati e italiani in stato di bisogno. Oggi la situazione rischia di essere ancora più grave, a causa della penalizzazione e delle pesanti sanzioni che colpirebbero subito anche le famiglie italiane in stato di bisogno. Si tratterebbe di una conseguenza dannosa e surreale a danno di tutto il paese. Per questo la Comunità di Sant'Egidio si appella al Presidente del Consiglio perché nel prossimo Consiglio dei Ministri, come suggerito dal sottosegretario Giovanardi, venga approvato un decreto di regolarizzazione almeno per colf e badanti che già sono presenti in Italia e già lavorano presso le famiglie italiane. Può solo far bene al Paese.
Si ricorda che questi immigrati non hanno niente a che vedere con il problema e con il decreto sulla sicurezza: si tratta di persone indispensabili alla nostra economia e alla qualità della vita nel nostro paese: da loro dipende per molti italiani la possibilità di andare a lavorare, la sopravvivenza e una qualità della vita dignitosa per molti anziani, una compagnia e un sostegno importante per i nostri bambini. Si tratta di persone che già vivono nelle nostre case e che godono di un rapporto di fiducia preferenziale. Sarebbe incomprensibile la crisi che colpirebbe centinaia di migliaia di italiani, obbligati a scegliere tra la legalità sancita dalla nuova legge e abbandono dei propri cari, ovvero disobbedienza civile per motivi di primaria importanza. Sarebbe come il "side effect" delle vittime civili quando si bombardano "obiettivi militari". Ci auguriamo che si ponga rimedio immediatamente, perché questa legge non sia un boomerang per le famiglie italiane. 

APPROFONDIMENTI

Non respingiamo l’umanità e il diritto

Pacchetto sicurezza
Soccorso in mare
La preoccupazione e le proposte della Comunità di Sant'Egidio

 LEGGI ANCHE
• NEWS
9 Giugno 2011

Roma, l'11 giugno: Udienza dal Papa dei Rom d’Europa. Veglia e Consegna di una memoria del Beato Zeffirino

IT | EN | ES | DE | FR | CA | RU
14 Novembre 2011

A Roma, cerimonia per l'inaugurazione del nuovo anno scolastico della Scuola di lingua e cultura italiana e la consegna dei diplomi

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
18 Agosto 2011

Aperti per ferie: a Roma alla mensa di via Dandolo e nel quartiere Esquilino si fa festa con chi vive per stradae con gli anziani

7 Luglio 2011

Caserta (Italia): Festa dei diplomi della scuola di lingua e cultura italiana

IT | ES | DE | FR | CA | NL
25 Giugno 2011

Padova: Morire di speranza: i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a San Luca

IT | DE | FR | NL | RU
17 Giugno 2011

"Morire di speranza": i nomi e le storie dei migranti morti nei viaggi verso l'Europa ricordati nella veglia di preghiera a Santa Maria in Trastevere

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
tutte le news
• STAMPA
14 Giugno 2017
La Vanguardia

La soledad mata a más ancianos que el calor

11 Maggio 2017
Avvenire

Traccia bruciante

11 Maggio 2017
Il Messaggero Veneto

Rogo camper. Obiettivo integrazione: il rimedio mai adottato

20 Giugno 2017
Sonntagsblatt

Gemeinschaft genießen

20 Giugno 2017
SIR

Giornata mondiale rifugiato: Comunità di Sant’Egidio, “priorità” è “salvare vite umane”. Giovedì veglia di preghiera a Roma “Morire di speranza”

14 Giugno 2017
Corriere della Sera On Line

Futuro e istruzione, chi l’ha detto che ai rom non piace la scuola?

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

''Una giornata particolare''





Tau Editrice
tutti i libri

FOTO

1186 visite

1180 visite

1268 visite

1239 visite

1214 visite
tutta i media correlati