Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Agosto 2001

Guinea Bissau - Lotta alla malnutrizione infantile

 
versione stampabile

Sono circa 1500 i bambini visitati dai medici della Comunità di Sant’Egidio, in un mese di attività dell’ambulatorio pediatrico a Bissau.

Nell'ambulatorio pediatrico della Comunità di Sant'Egidio a Bissau, in un mese di attività sono stati visitati circa 1500 bambini. La maggior parte di loro proveniva dalla città di Bissau, ma non pochi arrivavano dai villaggi attorno. 


La malnutrizione è la malattia più grave

Molti sono arrivati all'ambulatorio in condizioni molto gravi, disidratati e gravemente denutriti. La malnutrizione infatti è un problema gravissimo, che inoltre espone i bambini ad infezioni e ad altre malattie gravi. 
Alcuni erano quasi in fin di vita: talmente deboli per la grave denutrizione, che avevano smesso di mangiare e di bere, incapaci di assumere perfino il latte materno. 
Per venire incontro a queste situazioni di emergenza, abbiamo deciso di nutrire noi stessi i bambini più gravi, facendoli tornare tutti i giorni per seguire un programma di reidratazione e di nutrizione. Una parte dell'attività dell’ambulatorio è stata destinata esclusivamente a loro. Insieme alle madri, restavano con noi tutto il giorno. 
All’inizio davamo loro soltanto poche gocce d'acqua arricchita con un po' di zucchero. Poi, una particolare "pappa" di proteine e zuccheri, ricostituita con acqua bollita. Ai più piccoli il latte in polvere. 
Il risultato è stato sorprendente: tutti i bambini che abbiamo potuto seguire in questo modo "intensivo" - circa una trentina - si sono ripresi bene e hanno superato il momento critico. 
Agli altri bambini, anch’essi malnutriti, ma in una situazione meno grave, abbiamo fornito il necessario per la nutrizione: la "pappa" proteica e l'acqua per ricostituirla, da portare a casa. 
E’ indispensabile affrontare il problema dell’acqua, perché in Guinea Bissau viene spesso consumata acqua contaminata. Per questo abbiamo insegnato alle madri a bollire l’acqua per gli usi alimentari. 
Con una alimentazione adeguata i bambini miglioravano rapidamente e guarivano anche dalle altre malattie. 
Emblematica la storia di Malam Tchamba, un bambino di 1 anno e 4 mesi, gravemente malnutrito e debolissimo, che la madre ha portato al nostro ambulatorio sin dai primi giorni di attività, percorrendo 10 km a piedi. 
Quando lo abbiamo conosciuto, pesava solo sei chili e non riusciva neanche a stare seduto. Inoltre era ammalato di tubercolosi. 
All'inizio disperavamo di salvarlo, perché, a causa dell’estrema debolezza, non riusciva neppure a bere. Abbiamo cominciato a seguirlo molto attentamente dal punto di vista nutrizionale ed a curare la TBC. 
Dopo qualche giorno ha cominciato ad accettare l'acqua con lo zucchero, quindi il latte e infine anche la "pappa". La madre, che era disperata per il suo bambino, ha ripreso coraggio e ha cominciato a collaborare ed a nutrirlo quando era sola con lui. In questo modo, nel corso di un mese, Malam ha ripreso più di due chili e mezzo di peso. Ha ricominciato a stare seduto e poi a parlare ed a camminare. 
Quella di Malam è la storia di tanti bambini che abbiamo incontrato: è bastato davvero poco - solo dar loro da mangiare, da bere e qualche medicina - per assicurare loro un futuro.


La povertà aggrava le malattie

Tra i bambini che abbiamo visitato, molti presentavano delle malformazioni congenite - soprattutto cardiache - alcune delle quali di lieve entità. Sono malattie che in Italia - o in genere nei paesi sviluppati - vengono prontamente diagnosticate e curate mediante semplici interventi chirurgici. Questo non è possibile a Bissau. 
Infatti, spesso la diagnosi è incerta o errata perché non ci sono ospedali attrezzati ed è impossibile provvedere ad interventi, seppure semplici, di interesse cardiologico. 
L'unica speranza è quella di essere operati all'estero, ma per fare ciò bisogna seguire una procedura complicata, che può durare anche due anni. Sono tempi troppo lunghi e spesso i bambini muoiono o si aggravano molto. 
Inoltre, il costo di un intervento all'estero è troppo alto per le possibilità medie di una famiglia guineana e solo pochissimi riescono ad ottenere anche il finanziamento per pagarsi viaggio e operazione. Un bambino - arrivato al nostro ambulatorio da una città all'est della Guinea con un grave tumore al volto - aveva ottenuto tutta la documentazione utile per andare ad operarsi in Portogallo, ma non aveva le risorse per pagare il viaggio e l'intervento chirurgico. Lo stipendio del padre era di circa 15.000 lire al mese. E' il destino di molti in Guinea Bissau, dove ci si ammala e si muore anche per poco o per cause che altrove sono quasi scomparse.

Fabio Riccardi


 LEGGI ANCHE
• NEWS
24 Aprile 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

In Congo Sant'Egidio celebra la Pasqua liberando alcuni giovani prigionieri dal carcere di Bukavu

IT | FR
5 Aprile 2017
BENIN

Andrea Riccardi alle Comunità del Benin: un paese crocevia di etnie può insegnare il gusto di vivere insieme

IT | DE | NL
2 Aprile 2017
TOGO

Sant'Egidio, un popolo di amici sulla strada, con i poveri: la visita di Andrea Riccardi alle Comunità del Togo

IT | ES | DE | FR | NL
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
21 Febbraio 2017
EL SALVADOR

25 anni di pace in Salvador: Sant'Egidio li festeggia inviando aiuti umanitari ai detenuti

IT | ES | DE | FR | PT | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
22 Aprile 2017
L'Osservatore Romano

Senza arrendersi alla disumanità

20 Aprile 2017
SIR

Corridoi umanitari: Caritas Italiana e Comunità di Sant’Egidio in Etiopia per aprire il primo canale dall’Africa

14 Aprile 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Il mercato della fede tra sette, miracoli e promesse di soluzione dei problemi quotidiani

28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1367 visite

1400 visite

1411 visite

1362 visite

1387 visite
tutta i media correlati