change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Agosto 2001

Guinea Bissau - Lotta alla malnutrizione infantile

 
versione stampabile

Sono circa 1500 i bambini visitati dai medici della Comunità di Sant’Egidio, in un mese di attività dell’ambulatorio pediatrico a Bissau.

Nell'ambulatorio pediatrico della Comunità di Sant'Egidio a Bissau, in un mese di attività sono stati visitati circa 1500 bambini. La maggior parte di loro proveniva dalla città di Bissau, ma non pochi arrivavano dai villaggi attorno. 


La malnutrizione è la malattia più grave

Molti sono arrivati all'ambulatorio in condizioni molto gravi, disidratati e gravemente denutriti. La malnutrizione infatti è un problema gravissimo, che inoltre espone i bambini ad infezioni e ad altre malattie gravi. 
Alcuni erano quasi in fin di vita: talmente deboli per la grave denutrizione, che avevano smesso di mangiare e di bere, incapaci di assumere perfino il latte materno. 
Per venire incontro a queste situazioni di emergenza, abbiamo deciso di nutrire noi stessi i bambini più gravi, facendoli tornare tutti i giorni per seguire un programma di reidratazione e di nutrizione. Una parte dell'attività dell’ambulatorio è stata destinata esclusivamente a loro. Insieme alle madri, restavano con noi tutto il giorno. 
All’inizio davamo loro soltanto poche gocce d'acqua arricchita con un po' di zucchero. Poi, una particolare "pappa" di proteine e zuccheri, ricostituita con acqua bollita. Ai più piccoli il latte in polvere. 
Il risultato è stato sorprendente: tutti i bambini che abbiamo potuto seguire in questo modo "intensivo" - circa una trentina - si sono ripresi bene e hanno superato il momento critico. 
Agli altri bambini, anch’essi malnutriti, ma in una situazione meno grave, abbiamo fornito il necessario per la nutrizione: la "pappa" proteica e l'acqua per ricostituirla, da portare a casa. 
E’ indispensabile affrontare il problema dell’acqua, perché in Guinea Bissau viene spesso consumata acqua contaminata. Per questo abbiamo insegnato alle madri a bollire l’acqua per gli usi alimentari. 
Con una alimentazione adeguata i bambini miglioravano rapidamente e guarivano anche dalle altre malattie. 
Emblematica la storia di Malam Tchamba, un bambino di 1 anno e 4 mesi, gravemente malnutrito e debolissimo, che la madre ha portato al nostro ambulatorio sin dai primi giorni di attività, percorrendo 10 km a piedi. 
Quando lo abbiamo conosciuto, pesava solo sei chili e non riusciva neanche a stare seduto. Inoltre era ammalato di tubercolosi. 
All'inizio disperavamo di salvarlo, perché, a causa dell’estrema debolezza, non riusciva neppure a bere. Abbiamo cominciato a seguirlo molto attentamente dal punto di vista nutrizionale ed a curare la TBC. 
Dopo qualche giorno ha cominciato ad accettare l'acqua con lo zucchero, quindi il latte e infine anche la "pappa". La madre, che era disperata per il suo bambino, ha ripreso coraggio e ha cominciato a collaborare ed a nutrirlo quando era sola con lui. In questo modo, nel corso di un mese, Malam ha ripreso più di due chili e mezzo di peso. Ha ricominciato a stare seduto e poi a parlare ed a camminare. 
Quella di Malam è la storia di tanti bambini che abbiamo incontrato: è bastato davvero poco - solo dar loro da mangiare, da bere e qualche medicina - per assicurare loro un futuro.


La povertà aggrava le malattie

Tra i bambini che abbiamo visitato, molti presentavano delle malformazioni congenite - soprattutto cardiache - alcune delle quali di lieve entità. Sono malattie che in Italia - o in genere nei paesi sviluppati - vengono prontamente diagnosticate e curate mediante semplici interventi chirurgici. Questo non è possibile a Bissau. 
Infatti, spesso la diagnosi è incerta o errata perché non ci sono ospedali attrezzati ed è impossibile provvedere ad interventi, seppure semplici, di interesse cardiologico. 
L'unica speranza è quella di essere operati all'estero, ma per fare ciò bisogna seguire una procedura complicata, che può durare anche due anni. Sono tempi troppo lunghi e spesso i bambini muoiono o si aggravano molto. 
Inoltre, il costo di un intervento all'estero è troppo alto per le possibilità medie di una famiglia guineana e solo pochissimi riescono ad ottenere anche il finanziamento per pagarsi viaggio e operazione. Un bambino - arrivato al nostro ambulatorio da una città all'est della Guinea con un grave tumore al volto - aveva ottenuto tutta la documentazione utile per andare ad operarsi in Portogallo, ma non aveva le risorse per pagare il viaggio e l'intervento chirurgico. Lo stipendio del padre era di circa 15.000 lire al mese. E' il destino di molti in Guinea Bissau, dove ci si ammala e si muore anche per poco o per cause che altrove sono quasi scomparse.

Fabio Riccardi


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Luglio 2009

"LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA" Una campagna di solidarietà con i detenuti africani nelle carceri italiane

IT | ES | DE | FR | PT
29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
16 Luglio 2015
MAPUTO, MOZAMBICO

Il presidente di Sant'Egidio inaugura a Maputo il programma Dream 2.0 per un approccio globale alla salute in Africa

IT | EN | DE | FR | PT
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Promozione della donna e degli anziani in Africa: il convegno dei rappresentanti di #SantEgidioinAfrica. FOTOGALLERY

IT | FR | PT
14 Dicembre 2017
LIBIA

Libia: aiuti umanitari agli ospedali della regione del Fezzan

IT | ES | DE | FR
7 Novembre 2017
BANGLADESH

I primi aiuti di Sant'Egidio per i profughi rohingya arrivano nei campi in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
29 Settembre 2011
Main.de

Würzburg-Hilfe kommt in Kenia an

3 Aprile 2014
Famiglia Cristiana

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

22 Giugno 2013
Luxemburger Wort

Für die Armen und im Gebet

22 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

21 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

29 Aprile 2013
Il Secolo XIX

In Africa una campagna per salvare madri e figli

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1492 visite

1498 visite

1517 visite

1459 visite

1509 visite
tutta i media correlati