Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
4 Maggio 2010

I bambini delle Scuole della Pace di Genova consegnano al presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano una lettera sulla cittadinanza dei bambini nati in Italia da genitori stranieri

 
versione stampabile
Il Presidente Napolitano, in visita a Genova in occasione del 150° anniversario della Spedizione dei Mille, ha ricevuto una delegazione dei bambini e ragazzi delle Scuole della Pace della Comunità di Sant’Egidio di Genova, che gli hanno consegnato una lettera con cui chiedono il suo sostegno alla campagna “Made in Italy”, finalizzata a concedere la cittadinanza sia ai minori nati in Italia da genitori stranieri regolari sia a quelli qui giunti in tenera età e scolarizzati nel nostro Paese.
 
All’inizio delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, quello di Napolitano è un gesto significativo verso gli italiani di oggi e di domani. Sono infatti molti i ragazzi che, con origini lontane, desiderano impegnarsi per costruire il futuro dell'Italia.
 
LA LETTERA CONSEGNATA AL PRESIDENTE

Caro Presidente,
siamo bambini e ragazzi che abitano in Italia. Le nostre facce e le nostre storie sono molto diverse, come sono differenti le culture delle nostre famiglie. Insieme frequentiamo la Scuola della Pace della Comunità di Sant’Egidio, dove abbiamo imparato che davanti a un ragazzo diverso da noi possiamo anche non accontentarci di sopportarlo e di rispettarlo, ma possiamo diventare amici!
Abbiamo scoperto che la legge dice che alcuni di noi non sono cittadini italiani perché i loro genitori sono nati in un altro paese. Le nostre mamme e i nostri papà - è vero - alcuni anni fa hanno fatto un lungo viaggio per arrivare in Italia, i nostri nonni abitano ancora in paesi lontani e noi li sentiamo al telefono anche se, a volte, facciamo fatica a capire la loro lingua. Ma se il nostro passato è in America Latina, in Africa, in Asia il nostro presente è qui, in Europa, ed è qui che noi pensiamo il nostro futuro.
Siamo nati in Italia, è in questo paese che abbiamo i nostri amici e ci sentiamo a casa: ci piace mangiare la pizza e gli spaghetti almeno quanto il kebab e il cous-cous e quattro anni fa, ai mondiali, abbiamo esultato insieme per la vittoria della Nazionale! Veramente, non ci sentiamo diversi dagli altri.
Caro Presidente, centocinquanta anni fa, proprio da questa città partì la spedizione che avrebbe dato a persone diverse lo stesso nome di italiani: era un sogno che si realizzava.
Ancora, ottant’anni più tardi, altri italiani combatterono per non rinunciare a quell’unità e per realizzare un altro sogno comune: quello della libertà e della democrazia.
Noi siamo piccoli, ma di fronte a lei che rappresenta questo Paese vorremmo dire che anche noi oggi abbiamo un sogno.
Per noi essere italiani non è solo una questione di documenti, ma vuol dire amare questa terra e volerci impegnare per renderla migliore. È una nuova battaglia per l’unità e la libertà, una nuova battaglia che vogliamo combattere senza violenza, ma con le armi del dialogo e dell’amicizia.
Noi sogniamo un’Italia che non sia più ferita dall’individualismo, divisa in fazioni, spaventata da chi sembra diverso. Un’Italia capace di accogliere chi la ama - indipendentemente dal colore della pelle - chi vuole lavorare per il bene di tutti.

Veramente in questo noi ci sentiamo già italiani, Presidente, ma vorremmo che noi e tanti bambini e ragazzi come noi potessero essere riconosciuti cittadini da tutti: ne saremmo felici e orgogliosi. Per questo noi, giovani e adulti della Scuola della Pace della Comunità di Sant’Egidio, in questi mesi ci stiamo impegnando a sensibilizzare l’opinione pubblica affinché, se si farà una nuova legge sulla cittadinanza, si tenga conto della nostra realtà. Non abbiamo grandi mezzi e le nostre forze sono limitate: abbiamo bisogno del suo aiuto! Per questo chiediamo la sua vicinanza, e già il fatto di incontrarla è per noi un onore grandissimo: anche se non siamo ancora cittadini italiani, per noi - ce lo permetta - lei è già il nostro Presidente!


 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | PT | RU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
7 Aprile 2017

Giornata internazionale dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini"

4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
1 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Lotta alla povertà e migrazioni al centro della visita del presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, a Sant’Egidio

IT | ES | DE | FR | PT | NL
tutte le news
• STAMPA
8 Aprile 2017
Vatican Insider

Rom, Paolo VI e quella svolta a Pomezia nel ‘65

7 Aprile 2017
Vatican Insider

Giornata dei Rom, Sant’Egidio: “Antigitanismo ancora diffuso contro un popolo di bambini”

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

28 Febbraio 2017
Corriere.it

Andiamo a convivere? Le nonne vanno a convivere per resistere alla crisi

27 Febbraio 2017
L'huffington Post

Andrea Riccardi: Un anno di corridoi umanitari. L'integrazione protegge più dei muri

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1161 visite

1153 visite

1240 visite

1199 visite

1172 visite
tutta i media correlati