Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
30 Gennaio 2002

Goma (Rep. Dem. del Congo) - Gli aiuti alla popolazione colpita dall’eruzione del vulcano

 
versione stampabile

Dopo l’eruzione che ha distrutto gran parte della città di Goma, in Congo orientale, le Comunità di Sant’Egidio del Congo e del Ruanda hanno iniziato tempestivamente ad aiutare la popolazione duramente colpita.

 


Il 17 gennaio l’eruzione del vulcano Nyaragongo, a Goma, città del Congo orientale, ha provocato la distruzione di gran parte delle abitazioni della città e la morte di più di 100 persone.

Goma è stata al centro dell’attenzione internazionale nel ’94, durante il genocidio in Ruanda, per la presenza dei campi profughi. Infatti si trova proprio alla frontiera con il Ruanda, anzi si può dire che il confine, segnato dal fiume Kivu, la divide in due. La parte ruandese della città prende il nome di Gisenyi.

L’eruzione del vulcano ha distrutto circa il 70% della città. La cattedrale, l’ospedale, parte dell’aeroporto, non ci sono più. Dei 400.000 abitanti, circa 350.000 hanno perso tutto.
E’ proprio qui, a Gisenyi, che la maggior parte della gente si è rifugiata dopo l’eruzione.


I responsabili delle Comunità di Sant’Egidio del vicino Ruanda si sono recati a Goma, per visitare la Comunità di quella città, verificare la situazione e predisporre gli aiuti.

Ha scritto René Abandi, responsabile della Comunità di Sant’Egidio in Ruanda: 

« Siamo appena tornati da Goma, dove la situazione è catastrofica. Abbiamo potuto riunire alcuni amici della Comunità . Era il loro primo incontro dopo l’eruzione e più della metà di loro ha perduto tutti i beni. Ma noi, durante la preghiera, abbiamo ringraziato Dio perché ci sono state poche perdite di vite umane.
Al momento la gente dorme a cielo aperto, vi sono molti feriti, la gente potrebbe continuare a morire per mancanza di cure, di cibo, di acqua e così via. 
Le famiglie della comunità e dei bambini della Scuola della Pace sono ancora tutti vivi. Ma hanno perduto quasi tutto ».


Il vulcano NyiragongoGrazie alla presenza delle Comunità di Sant’Egidio sul luogo, si è potuto subito intervenire per portare soccorso alla popolazione così duramente colpita.
Sono stati individuati due punti in cui concentrare le attività, a Goma ed a Bukavu.

A Goma la Comunità ha iniziato ad aiutare un centro per handicappati, che accoglie anche alcune centinaia di profughi. I residenti, infatti, con l’aiuto due Piccole Sorelle di Gesù e due volontarie italiane erano scappate a Nyundo, in Ruanda. Appena la situazione si è calmata, hanno saputo che il centro era miracolosamente rimasto in piedi. Sono tornati, ma lo hanno trovato occupato da circa 200 sfollati. 

Il vulcano NyiragongoPer facilitare la sistemazione di tutte queste persone, la Comunità ha provveduto a distribuire a tutti materassi e coperte, oltre che cibo e vestiti.
Una parte di questi aiuti è stata raccolta direttamente sul posto, frutto di un’iniziativa di solidarietà promossa dalla Comunità di Bukavu. Una parte è stata acquistata grazie ai primi aiuti fatti pervenire dall’Europa.

La lava invade la città di Goma...Dopo l’eruzione e la distruzione delle case, una parte degli abitanti di Goma ha attraversato il lago Kivu per rifugiarsi a Bukavu. 
Al momento attuale ci sono circa 20.000 persone sfollate, ospitate parte nelle scuole, parte in campi di fortuna, allestiti per l’occasione. 
In uno di questi campi, dove sono circa 2.000 rifugiati, la Comunità, oltre a distribuire vestiti e cibo, ha iniziato a fare la Scuola della Pace con i bambini.
Infatti uno dei problemi dell’emergenza è che molte famiglie, nella confusione della fuga delle fiamme e dalla lava, si sono disperse. Sono tantissimi i bambini che non hanno più contatto con i genitori, non ne hanno notizie. Raccoglierli nella scuola della pace è anche un modo per creare un punto di riferimento. Da qui, la Comunità cercherà diaiutarli a rintracciare le loro famiglie.

Da alcune città europee sono già partiti degli aiuti, che stanno per arrivare a Goma. La Comunità si occuperò di distribuire gli aiuti alle famiglie che ne hanno necessità.

Immagini
La lava invade la città di Goma... ...contringendo la popolazione a lasciare la città... ...contringendo la popolazione a lasciare la città...
...per trovare rifugio in campi profughi. ...per trovare rifugio in campi profughi. Hanno perduto quasi tutto
Hanno perduto quasi tutto    

 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
29 Luglio 2016
REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

L'alleanza tra i bambini e gli anziani del Kivu che celebrano insieme il Giubileo della Misericordia

IT | ES | DE | FR | PT
14 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, visita Sant'Egidio: si parla di pace, di DREAM e di abolire la pena di morte

IT | ES | DE | CA
11 Luglio 2016
MATOLA, MOZAMBICO

Il Centro Nutrizionale di Sant'Egidio a Matola compie 10 anni

IT | ES | DE | FR | PT | HU
10 Luglio 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Concluso il convegno delle Comunità dell'Africa Occidentale e Centrale riunite ad Abidjan con Marco Impagliazzo

IT | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
Notizie Italia News

Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa

6 Settembre 2016
Roma sette

In un libro la vita delle Saveriane italiane uccise in Burundi

6 Agosto 2016
Avvenire

Costa D'Avorio. Gentiloni da Sant'Egidio «Un lavoro prezioso»

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

18 Luglio 2016
OnuItalia

Il centro DREAM di Blantyre (Malawi) dedicato al responsabile Elard. A Durban Ban apre AIDS2016

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1219 visite

1219 visite

1150 visite

1399 visite

1241 visite
tutta i media correlati