Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
13 Agosto 2012

COMUNICATO STAMPA

Sgombero dei rom a Roma. Spreco di soldi pubblici

Quanto costa e a chi costa il gioco dell'oca dei trasferimenti dei rom? Chi paga le iniziative (pagate anche dal tribunale civile di Roma) del Comune? Inauguriamo il principio della responsabilità economica degli atti di governo che comportano spreco di soldi pubblici

 
versione stampabile

I cittadini romani non lo sanno, ma questa è un’estate superattiva per trasferire i Rom della Capitale da un punto all’altro. In maniera inutile e costosa. Il percorso è sempre lo stesso: rendere difficile la vita nei campi attrezzati esistenti, smettendo la manutenzione, invocare il “degrado”, e poi allontanarli oltre il Raccordo Anulare.

Stavolta il gioco è più costoso e sperpero di soldi pubblici. E’ anche imbarazzante, visto che il Tribunale di Roma ha rilevato che: “il «codice comportamentale» imposto agli abitanti del nuovo «villaggio attrezzato La Barbuta appare lesivo del diritto della libertà personale, alla vita privata e familiare e alla libertà di riunione», e ha chiesto di fermarsi.

Intanto si distrugge il “campo attrezzato” di Tor de’ Cenci, regolare e attrezzato  dal 2000, con fogne e opere già fatte a carico del Comune. Si decide di affollare il campo de La Barbuta, fatto con 9 milioni di euro del Fondo “emergenza rom” nazionale.

Prima di spingere gli abitanti a trasferirsi in modi diversi, sono stati interrotti i servizi necessari alla manutenzione  e gestione del campo. Lo si è “declassato” da “campo attrezzato” a “campo tollerato”. Adesso si procede all’espulsione di quelli rimasti. Per evitare equivoci, si abbattono con le ruspe i container comprati con i soldi pubblici e riutilizzabili anche in altri luoghi. Le macerie restano sul terreno e davvero per chi resta è il degrado. Sembra bombardato.

C’erano in attesa, comunque, per La Barbuta, già una parte dei Rom che stavano a Casilino 900, mai ricollocati da tre anni, e quelli che stanno al Salario, più di 300 persone: in assistenza a carico del Comune a 25-40 euro al giorno a persona (300 persone fanno  9mila-10 mila euro al giorno che si continuano a pagare. Una famiglia di cinque persone che costa sui 4, 5 mila euro al mese. Con molto meno si affittano case decenti. Ma il Comune non lo fa. E non utilizza nemmeno il nuovo campo de La Barbuta per loro.

Sarebbe stato più semplice  e meno costoso in ogni caso riqualificare il campo attrezzato di Tor de’ Cenci e lavorare all’integrazione, invece di lavorare alla sua scomparsa per inseguire la promessa che i Rom non devono stare a Roma.


La Comunità di Sant’Egidio chiede:

1)   Di fermare immediatamente queste operazioni (movimenti per rendere la vita difficile agli abitanti sono registrati anche nel campo di Monte Mario, con l’abbattimento delle protezioni dal sole in piena estate), per evitare ulteriori danni e spreco di denari pubblici.

2)  Di quantificare il valore delle opere di urbanizzazione e dei container regolari distrutti nel campo di Tor de’ Cenci e nei casi analoghi precedenti.

3)   Di quantificare il costo della mancata ricollocazione delle persone sgomberate in passato, dal momento degli sgomberi ad oggi, anche considerando che nel frattempo sono stati realizzati col piano emergenza Rom nuovi campi attrezzati ma non utilizzati per i primi “sfollati” in assistenza.

E di introdurre il principio della responsabilità personale, economica, nelle decisioni che comportano evidente spreco di denari pubblici perché non siano i cittadini a sopportarne il peso.

Sorprende che in tempi di austerità e di spending review si continuino a prendere decisioni dannose del bilancio della città quando esistono (e erano state proposte dalla Caritas, dalla Comunità di Sant’Egidio e altri) alternative ragionevoli.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma

IT | FR
22 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Disponibili online la guida Dove dormire, mangiare, lavarsi 2017 e i numeri sulla povertà in Italia

19 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Senza dimora morto a Roma: non restiamo indifferenti. Domani veglia di preghiera

13 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

Roma, a San Basilio si prega per la pace e la riconciliazione: ecco il volto umano e accogliente del quartiere

30 Novembre 2016

Il 30 novembre DIRETTA STREAMING dal Colosseo di Città per la Vita contro la pena di morte

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
24 Novembre 2016
NAPOLI, ITALIA

'Qui, lontano da casa mia, ho trovato voi come una famiglia'. La Scuola di Lingua e Cultura di Sant'Egidio a Napoli

tutte le news
• STAMPA
16 Gennaio 2017
Avvenire

Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte

14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano

Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto

13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard

13 Gennaio 2017
Vatican Insider

Una chiesa del Vaticano aperta per far dormire i senzatetto

8 Gennaio 2017
La Repubblica - Ed. Roma

Roma, oltre 300 clochard al pranzo di Sant'Egidio per la Befana

6 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Scatta l’emergenza gelo. A rischio 3mila clochard in strada

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Roma 2016

"Non rassegnamoci al declino di Roma": l'intervento di Marco Impagliazzo alla manifestazione Antimafia Capitale

Le persone senza dimora a Roma

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

253 visite

295 visite
tutta i media correlati