Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Agosto 2002

Chibuto (Mozambico) - Visita al "Villaggio Sant’Egidio"

 
versione stampabile

Una giornata in visita al villaggio costruito dalla Comunità
nel quartiere di Chimundo, a Chibuto, dopo l'alluvione del 2000.

Chibuto sorge a 150 chilometri a nord della capitale Maputo, nella Provincia di Gaza.

E' una delle zone colpite dall'alluvione del 2000. 

Lì la Comunità ha costruito un villaggio di 70 case, con una scuola, un posto di salute, alcuni pozzi. Le case sono state consegnate circa un anno fa. 

Lasciandosi alle spalle la capitale, con le sue grandi povertà, ma anche con i suoi grattacieli, ci si inoltra in un Mozambico molto diverso, rurale, dove vive più dell'80% della popolazione. Case di canne sparpagliate su vaste distese, capanne di terra isolate e alcuni piccoli villaggi adagiati in prossimità dell'unica strada asfaltata che attraversa e collega il paese dal sud al nord. 

Quando ci si avvicina a Xai-Xai, il capoluogo della provincia di Gaza, si notano ancora le conseguenze delle alluvioni degli anni precedenti: strade interrotte, resti di case abbandonate, capanne ridotte a cumuli di terra, terreni nei quali l'acqua - ad un anno di distanza - non si è ancora riassorbita. 

Ma, attraversando le campagne del Mozambico, colpisce anche un'altra cosa: si vedono donne che lavorano nei campi con i figli sulle spalle; donne che camminano con in testa grandi rami di alberi per fare il fuoco; donne che trasportano acqua. Le donne appaiono le protagoniste della vita mozambicana e della ricostruzione del paese.

All'entrata del quartiere di Chimundo - conosciuto ormai come il "villaggio Sant'Egidio" - si nota subito qualcosa di familiare: è la grande colomba della pace con l'arcobaleno, sul muro esterno dell'edificio destinato ad essere la scuola del quartiere. Il capo villaggio ci attende, fiero di mostrarci le nuove case. Finalmente, dopo tante capanne di terra, ecco delle vere case in muratura, belle e colorate, ed accanto i bagni, un bene raro da queste parti. 

I bambini, intanto, - sono più di trecento - ci stanno aspettando nella scuola primaria, distante circa un chilometro dal villaggio. Ognuno di loro, anche il più piccolo, ha in mano una zappa o un altro strumento, perché a scuola questo giorno è dedicato alle attività manuali, la principale delle quali è la costruzione di latrine. Stanno tutti in silenzio, immobili, seduti per terra, aspettando di sapere quale sarà l'attività di oggi. Lo stupore è enorme quando si accorgono che oggi non si lavora ma …..c'è una festa, la festa della Scuola della Pace! Si canta, si balla, è festa per tutti, anche per i maestri e per il preside. Alla fine la grande sorpresa: quaderni e penne per tutti. Veramente è un sabato diverso.


E' già pomeriggio quando allestiamo il nostro "ambulatorio mobile" tra le case del villaggio. E' molto tempo che queste donne e i loro figli non incontrano un medico. All'inizio c'è qualche timore ad avvicinarsi. Ma poi, cominciando a leggere insieme "Como vai a saùde?", il libro di educazione sanitaria, il timore si scioglie. Poco a poco l'ambulatorio si affolla, arrivano anche dai villaggi vicini. I bambini sono spesso affetti da malattie legate alle precarie condizioni di vita, molti presentano i sintomi della malaria, hanno infezioni intestinali o alle vie respiratorie, a causa del freddo invernale. Riusciamo a visitare tutti. Chi ne ha bisogno torna a casa con le medicine necessarie. 

E' un regalo prezioso. Commenta una giovane donna: "Con queste case abbiamo ricostruito il nostro passato. Oggi pensate ai nostri figli, con i quali costruiremo il nostro futuro".

Mira Gianturco


 LEGGI ANCHE
• NEWS
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
17 Novembre 2016
BENIN

In Benin, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia con poveri e lebbrosi

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

16 Novembre 2016
Münstersche Zeitung

"Grazie mille, Papa Francesco"

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

2 Novembre 2016
Il Sole 24 ore - Sanità

Connessi al Centrafrica

31 Ottobre 2016
Vatican Insider

Iraq, Sant’Egidio: servono aiuti umanitari e dialogo per superare la crisi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

264 visite

251 visite

178 visite

237 visite

159 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri