Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28 Agosto 2013 | MOZAMBICO

Mozambico: Sant'Egidio interviene contro la preoccupante tensione sociale che diventa violenza diffusa.

Un invito alla riflessione e alla riconciliazione. In varie città del paese si celebrano preghiere per la pace. Efficace la campagna della Comunità contro i linciaggi

 
versione stampabile

Negli ultimi mesi il Mozambico sta vivendo delle preoccupanti tensioni a livello politico e sociale, che, purtroppo, sfociano spesso in episodi di grave violenza.

In particolare a Maputo e a Beira la tensione sociale sta diventanto altissima e porta con sé morte e paura. Le notizie di bande che assaltano le case nella periferia della capitale, rubando, violentando, torturando e uccidendo persone, ha scatenato la reazione di cittadini che si sono organizzati in ronde notturne, armati di machete e coltelli, per garantire la sicurezza delle proprie case. Purtroppo, durante queste ronde sono state uccise varie persone innocenti.

 A Beira la violenza assume ancora la forma del linciaggio dei presunti ladri. L’ultimo caso è stato quello di un giovane sui 30 anni, di cui non si conosce il nome, linciato l’11 agosto alle 3 di mattina nel quartiere centrale di Matacuane, accusato di tentata rapina nei confronti di un taxi-ape.

Le Comunità di Sant’Egidio locali, che sempre lottano contro la violenza e lavorano per la riconciliazione, non solo hanno espresso preoccupazione per l’onda di violenza che sta crescendo nel paese, ma hanno invitato a dei momenti di preghiera e riflessione, per provare a cancellare il rancore e l’odio che ognuno vive dentro di sé.

A Maputo si terrà prossimamente una preghiera insieme al vescovo ausiliare della città.
A Beira circa mille persone hannno preso parte ad una preghiera per la pace e la riconciliazione si è tenuta il 17 agosto nella parrocchia di São João Baptista, proprio nel quartiere dove si è svolto l’ultimo linciaggio.

Durante l’omelia il parroco, padre Abel, gesuita, ha invitato i presenti a lasciar cadere la pietra della violenza che ognuno ha nelle proprie mani. Per questo ha invitato ciascuno a chiedere perdono per i propri sentimenti di violenza e odio, scrivendoli su foglietti che sono poi stati simbolicamente bruciati in un braciere. Infine, facendo riferimento alle parole di Papa Francesco a Lampedusa, ha detto che il sangue dei linciati offende Dio e che quello dell’ultimo linciato arriva fino a Dio e Dio ci chiederà: dove è tuo fratello? Le vittime dei linciaggi, ha concluso Padre Abel, colpevoli o non, sono nostri fratelli e noi ne siamo responsabili.

Anche la Comunità, nel suo messaggio, ha ricordato l’ultima vittima del linciaggio, affermando che anche se il suo nome è ancora sconosciuto, non lo è per Dio che conosce, ama e perdona ogni uomo. Facendo proprie le parole di Papa Francesco, la Comunità ha invitato tutti a non aver paura della bontà e della tenerezza, ad avere come modello la mitezza di Gesù. Ha ricordato, infine, che la violenza dei linciaggi genera solo altro odio e altra violenza e che ognuno può essere facilmente vittima del  linciaggio

In seguito alla preghiera, Radio Mozambico ha invitato un rappresentante della Comunità di Sant’Egidio a partecipare ad un dibattito radiofonico che si è tenuto il 22 agosto alle 20. Durante il dibattito è emerso dai dati della polizia che nella regione di Sofala (di cui Beira è il capoluogo) nell’ultimo anno sono stati denunciati ben 8 casi di linciaggio, ma nessuno di questi si è svolto nel quartiere di Munhava (dove in passato ci sono stati tantissimi linciaggi) dopo che la Comunità di Sant’Egidio aveva organizzato nella parrocchia del quartiere una preghiera per la pace e la riconciliazione per fermare la pratica del linciaggio come modo di farsi giustizia. Nelle telefonate, durante la trasmissione radiofonica, molti cittadini si son detti d’accordo con la Comunità che il linciaggio non ferma la violenza e che è sempre più necessario trovare altre vie, come quella della preghiera.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Ottobre 2013
N'DJAMENA, CIAD

Sant'Egidio accanto ai bambini di strada in Ciad

IT | EN | ES | DE | FR | CA
4 Ottobre 2017
ROMA, ITALIA

La Conferenza sui 25 anni della pace in Mozambico: il modello italiano che ha dato speranza all'Africa

IT | EN | DE | PT
16 Novembre 2016
BEIRA, MOZAMBICO

Il Giubileo della Misericordia nella periferia africana: la preghiera di Sant'Egidio con gli anziani di Nhangau

IT | ES | DE | PT
8 Luglio 2016
MAPUTO, MOZAMBICO

Andrea Riccardi incontra il Presidente della Repubblica del Mozambico Felipe Jacinto Nyusi

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU | HU
14 Luglio 2015
MAPUTO, MOZAMBICO

Marco Impagliazzo incontra il presidente del Mozambico Filipe Nyusi

IT | PT
tutte le news
• STAMPA
4 Ottobre 2017
Avvenire

Quando il Mozambico scelse pace e sviluppo

22 Agosto 2017
Il Mattino di Padova

Lavorare per far crescere la "voglia di comunità" a Padova

2 Marzo 2016
La Vanguardia

Sant Egidi presenta ‘la guía Michelin de los pobres’

1 Marzo 2016
VilaWeb

La comunitat de Sant Egidi estima que hi ha 3.000 persones sense llar a Barcelona

1 Marzo 2016
El Mundo

En Barcelona faltan lugares para que los sin techo puedan dormir y ducharse

23 Febbraio 2015
La Provincia Pavese

«Qui a San Michele l'accoglienza non è fare la carità»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

Alcune storie raccolte al telefono della Comunità di Sant’Egidio - 2014

Guida DOVE Mangiare, dormire, lavarsi - Padova 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore

Religioni e violenza





Francesco Mondadori
tutti i libri

FOTO

156 visite

166 visite

169 visite

171 visite

167 visite
tutta i media correlati