Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
9 Aprile 2014 | CEUTA, SPAGNA

Al confine tra l'Africa e l'Europa con i giovani migranti che sognano un futuro migliore

Una delegazione di Sant'Egidio lungo la barriera di Ceuta che separa la Spagna dal Marocco

 
versione stampabile

La frontiera tra Ceuta e Tangeri è un luogo di dolore per tanti migranti che provano ad arrivare in Europa alla ricerca di un futuro migliore. Una delegazione spagnola della Comunità di Sant’Egidio si è recata nella zona di Tangeri, in Marocco e lungo la barriera che circonda Ceuta, territorio spagnolo sulla costa africana, per conoscere da vicino la situazione in cui si trovano molti immigrati che aspettano per arrivare in Europa.

“Raccontate le sofferenze e le ferite che abbiamo quand
o arriviamo qui dopo lunghi viaggi nel deserto, dove molti trovano la morte” ha detto Eloise, partita dalla Costa d’Avorio tre anni fa, attualmente è trattenuta nel CETI (Centro di Accoglienza Temporanea per Immigrati) di Ceuta, ma spera ancora di poter raggiungere l'Europa. Sogna di poter studiare giurisprudenza per aiutare i suoi amici africani che arrivano in Europa. C’è una grande voglia di parlare con la popolazione locale, ma non è sempre facile o possibile, spesso vivono come separati da un abisso. Nel CETI di Ceuta, una città di 80.000 abitanti di cui la metà musulmani, vivono 513 immigrati subsahariani.

Alcuni degli immigrati che ancora non sono riusciti ad arrivare in Spagna vivono nelle foreste vicino alle frontiere di Ceuta e Melilla, in pessime condizioni, riparati solo da alcuni teli di plastica e coperte. Nella strada principale vicino a Ceuta si vedono alcuni immigrati che chiedono l'elemosina, un po’ di cibo, ed è facile poi vederli rientrare nella foresta in cerca di un riparo. Altri immigrati vivono nelle periferie delle città vicine alla frontiera come nel quartiere tangerino di Boukhalef. Tutti aspettano l'occasione per poter raggiungere l'Europa anche a rischio della vita, provando a scavalcare la barriera al confine di Ceuta o tentando di raggiungere il territorio spagnolo a bordo di imbarcazioni precarie.

Lo scorso 6 febbraio 15 ragazzi africani sono morti nel tentativo di entrare a nuoto in Spagna attraverso la frontiera di Ceuta. Molti di loro sono sepolti nel cimitero di Tangeri: giovani di cui non si conoscono i nomi, morti mentre provavano a raggiungere la Spagna a bordo delle "carrette del mare". Sono tombe povere, un numero al posto del nome. Nel cimitero abbiamo voluto ricordare loro e tanti altri che sono annegati nel Mediterraneo: nessuno deve essere dimenticato e nessuno deve morire più in queste condizioni.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
15 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Immigrazione, Sant’Egidio inaugura con il ministro Fedeli due corsi universitari per mediatori interculturali

9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
4 Marzo 2017
LUCCA, ITALIA

I Giovani per la Pace di Lucca e i profughi siriani incontrano il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

3 Marzo 2017
ITALIA

Incendio nella baraccopoli in Puglia: è inaccettabile la morte di due migranti africani

IT | ES | DE
26 Febbraio 2017

Chiamati a dare un volto umano a Gesù nelle strade degli uomini. L'omelia del card. Osoro Sierra

IT | ES
tutte le news
• STAMPA
18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

10 Marzo 2017
Vida Nueva

El cardenal Blázquez aborda con Rajoy la acogida de refugiados

3 Febbraio 2017
Huffington Post

Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald

22 Gennaio 2017
El Pais (Spagna)

Papa Francisco: “El peligro en tiempos de crisis es buscar un salvador que nos devuelva la identidad y nos defienda con muros”

22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1405 visite

1356 visite

1378 visite

1301 visite

1223 visite
tutta i media correlati