Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
7 Maggio 2014 | FIRENZE, ITALIA

Studenti toscani in volo per Lampedusa: "Dalla parte delle vittime e di chi aiuta"

Giovedì 8 maggio, in 150 con la Comunità di Sant'Egidio sulla “terra di mezzo”, porta d'Europa nel Mediterraneo, tra l'Africa e l'Italia

 
versione stampabile


 “Ecco perché ci andiamo e cosa intendiamo per Mare Nostro”

Raccolte le firme per un appello. Saranno consegnate al Sindaco dell'Isola

 Un volo per la terra di mezzo, portando una Toscana attenta e sensibile tra le coste nordafricane e il sud dell'Europa, in Italia ma più a sud di Tunisi ed Algeri. Dal Balducci di Pontassieve e dal Sassetti-Peruzzi di Firenze, dal liceo Redi di Arezzo e dall'Itis Marconi di Pontedera, dal liceo classico di Lucca e da Massa Marittima, dai licei Dini e Buonarroti di Pisa e dagli istituti Palli e Cecioni di Livorno, come anche dal Chini e dal Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo. 150 tra studenti e docenti che insieme alla Comunità di Sant'Egidio raggiungeranno giovedì 8 maggio Lampedusa, dove Papa Francesco ha svolto il suo primo viaggio apostolico. Porteranno con sé un appello e le firme raccolte – e che saranno consegnate al Sindaco dell'Isola, per l'accoglienza e la solidarietà ai migranti e ai rifugiati. Mare nostrum è quello che si fa carico della storia degli altri, senza abbandonarli ai naufragi, come accadde invece il 3 ottobre scorso, quando affondò un'imbarcazione di fortuna: morirono 366 persone e 20 risultano ancora disperse. Prima di loro, molti altri in questi anni hanno perso la vita nei viaggi della speranza: si parla di 19.142 morti accertate, dal 1988 ad oggi, solo nel Mediterraneo. Quante altre vite e speranze siano andate perdute, nessuno è in grado di stabilirlo.

Che fare? Non esistono soluzioni preconfezionate, ma gli studenti vogliono esprimere la loro vicinanza “alle vittime dei naufragi, ai loro familiari, a quanti sono arrivati, a quanti non sono riusciti ad arrivare, a quanti sono stati respinti, a quanti affrontano viaggi difficili e cadono vittime dei trafficanti, a quanti restano nei loro Paesi, in condizioni di vita impossibili”. Anche questo è un modo per dare un nome a chi lo ha perso tra le onde, perché “tutta questa sofferenza – si legge nell'appello - trovi nel nostro Paese nuove possibilità di approdo e di accoglienza”, per esprimere vicinanza agli abitanti di Lampedusa e a tutti quelli che per tanti anni “hanno dato soccorso ai migranti e ai rifugiati, sull'isola e in mare; a tutti quelli che hanno prestato le loro braccia e che hanno aperto le loro case per curare e salvare”. E' una visita a favore di un’accoglienza dell'Italia più generosa e più rispettosa nei confronti di chi cerca asilo e rifugio a Lampedusa e negli altri luoghi di sbarco o di frontiera, ma anche una promessa: aiutare ad allargare la rete di accoglienza già operante in alcune città toscane, “affinché diventi un sistema permanente in grado di ospitare i migranti, i rifugiati e le loro famiglie, offrendo loro concrete possibilità di inserimento nella nostra società”. E' un'opera di convergenza che non toglie nulla, ma crea lavoro e prospettive per tutti. In uno degli approdi dell'isola è la 'Porta d'Europa' realizzata da Paladino: gli studenti toscani la varcheranno unendosi idealmente e non solo ai migranti, facendo proprio il loro sguardo. Lampedusa, in Toscana.

 

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Settembre 2015

Sant’Egidio in Repubblica Ceca accanto ai rifugiati

IT | ES
16 Settembre 2015
BUDAPEST, UNGHERIA

Sant'Egidio in Ungheria risponde all'appello del papa e accoglie i profughi in transito per Budapest

IT | EN | ES | DE | FR | HU
17 Giugno 2015
ROMA, ITALIA

Profughi, Sant'Egidio: il degrado non è di chi fugge dalle guerre, ma di chi non è capace di accogliere e integrare

IT | ES | FR
6 Luglio 2017
ROMA, ITALIA

Madri e figli rifugiati: dall'accoglienza all'inclusione. Non un'utopia ma una realtà possibile

19 Giugno 2017

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Dichiarazione ecumenica congiunta: superare la paura dello straniero

IT | EN | ES | DE
6 Marzo 2017
PRINCETON, STATI UNITI

Seeking Refuge: il dramma dei profughi in un convegno con Sant'Egidio alla Princeton University

IT | EN | ES | DE | NL
tutte le news
• STAMPA
17 Settembre 2017
La Vanguardia

Corredores de paz

6 Luglio 2017
Vida Nueva

Francia ya cuenta con su corredor humanitario para refugiados

20 Novembre 2016
Catalunya Cristiana

«Ser refugiada és començar de zero»

29 Luglio 2016
El Mundo

El Papa pide a los jóvenes que sean "sembradores de esperanza"

4 Maggio 2016
RTVE.es

'Corredores humanitarios' para refugiados, cruzar el Mediterráneo para vivir, no para morir

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Luglio 2017 | VENTIMIGLIA, ITALIA

Preghiera a Ventimiglia in memoria delle vittime dei viaggi della speranza

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

L'omelia di Mons. Marco Gnavi alla preghiera Morire di Speranza, in memoria dei profughi morti nei viaggi verso l'Europa

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti