Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
18 Luglio 2014

Non cedere ad allarmi ingiustificati sui profughi in transito a Milano

Una dichiarazione di Sant'Egidio e le associazioni cattoliche di Milano

 
versione stampabile

Comunità di Sant'Egidio,
Acli Milano, Agesci Zona Milano, Associazione Arcobaleno - Movimento dei Focolari, Centro Nocetum, Fondazione Somaschi, Opera San Francesco per i Poveri
 
Situazione dei profughi a Milano - 18 luglio 2014
 
MILANO - Di fronte alla realtà di tanti uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria e da regimi violenti e dittatoriali, come l’Eritrea, movimenti e associazioni cattoliche di Milano si sono adoperate da subito perché fossero dati accoglienza, sostegno e solidarietà a persone che nei propri paesi e lungo i difficili e rischiosi viaggi per arrivare in Europa hanno vissuto situazioni disumane.

Tale mobilitazione ha mosso tanti in uno sforzo generoso che mostra come ci si possa unire in modo costruttivo per il bene di tutti. Tali interventi – insieme all’articolata azione dell’amministrazione comunale - hanno contribuito a far sì che la situazione delle migliaia di profughi (da ottobre circa 15.000) in transito da Milano – in frangenti decisamente non ordinari  - restasse fino ad oggi sotto controllo.

Va sottolineato che si tratta di profughi, cioè di persone costrette a lasciare il proprio paese a causa della guerra e di difficili condizioni politiche. Sono famiglie, giovani, spesso minori in cerca di un futuro diverso. Chiedono alla città di Milano di poter sostare per alcuni giorni, per riprendere forze e attendere quelle risorse necessarie a proseguire il proprio viaggio. Non è un problema di sicurezza o di ordine pubblico, si tratta, invece, di organizzare un’accoglienza adeguata e dignitosa. Per fare questo c’è bisogno del contributo di tutti.

Le diverse realtà cattoliche di Milano, impegnate da mesi con i profughi, sentono come un dovere civile, oltre che religioso, rispondere alla domanda di umanità che arriva da queste persone. Sentiamo che il grado di civiltà di una città si misura da come sa trattare chi è in maggiori difficoltà senza cedere a ingiustificati allarmi o a chiusure difensive. E’ necessario riaffermare le ragioni della convivenza e fermare il degrado umano verso cui andrebbe la città se non fosse capace di essere attenta ad un dramma di proporzioni storiche che passa dalle sue strade.

 

Comunità di Sant’Egidio - Milano

tel e fax 02.86451309

[email protected]



 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Lo sport contro il razzismo: il sogno di Seidu, profugo dal Mali, si avvera nella Trastevere calcio #norazzismo

10 Marzo 2017
NOVARA, ITALIA

''Da Homs a Novara con i corridoi umanitari, ecco com'è cambiata la nostra vita''

IT | ES | DE | FR
6 Marzo 2017
PRINCETON, STATI UNITI

Seeking Refuge: il dramma dei profughi in un convegno con Sant'Egidio alla Princeton University

IT | EN | ES | DE | NL
28 Febbraio 2017
GENOVA, ITALIA

La storia del piccolo Abdul, dai bombardamenti in Siria a una nuova vita in Italia

IT | NL
27 Febbraio 2017
ROMA, ITALIA

Profughi, un anno di corridoi umanitari festeggiato oggi con un nuovo arrivo dal Libano

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
22 Febbraio 2017

La nostra comune risposta alle migrazioni è in quattro verbi: accogliere, proteggere, promuovere e integrare.

IT | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
23 Marzo 2017
Famiglia Cristiana

Profughi, la rotta della salvezza

21 Marzo 2017
Clarín

El Papa Francisco, los refugiados y los corredores humanitarios

10 Marzo 2017
Vida Nueva

El cardenal Blázquez aborda con Rajoy la acogida de refugiados

28 Febbraio 2017
El Pais (Spagna)

Un grupo católico de Italia recibe más refugiados que 15 países de la UE

27 Febbraio 2017
News.va

Siria: 50 profughi in Italia grazie ai corridoi umanitari

24 Febbraio 2017
Vatican Insider

Profughi, un anno di corridoi umanitari

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

SCHEDA: Cosa sono i corridoi umanitari

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti