change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
1 Ottobre 2013 19:00 | Piazza del Campidoglio

Contributo di Alganesh Fessaha


Alganesh Fessaha


Presidente della “Associazione Gandhi”, Eritrea

 

Porto la testimonianza di dialogo e di pace che vivo ormai da 5 anni nel deserto del Sinai.

Sono eritrea e vivo in Italia da 35 anni. Da vari anni vengo chiamata a qualsiasi ora della notte e del giorno da profughi eritrei, etiopici e sudanesi che fuggono dai loro paesi per salvarsi la vita e che vengono rapiti durante il viaggio dai trafficanti. 

I profughi, quando arrivano nei campi che si trovano in Sudan, vengono rapiti dai beduini sudanesi che li rivendono ai beduini egiziani del Sinai per circa 3000 dollari a persona. I beduini li tengono incatenati sotto terra in prossimità delle loro case e chiedono ai familiari un riscatto che può variare dai 30 ai 50 mila dollari.

Per costringere i familiari a pagare il riscatto, poi, li torturano e violentano le donne.      

In questa situazione drammatica si è aperta una  via di speranza attraverso una collaborazione molto significativa con uno Sheik  salafita del Sinai .

Quattro anni fa ho incontrato lo Sheik Mohammed perché me ne hanno parlato i rifugiati cristiani e musulmani. Mi dissero: “C’è un uomo di religione islamica che ci aiuta a fuggire dalle mani dei trafficanti”.

Sono andata a trovarlo, abbiamo parlato ed è iniziato un dialogo e una collaborazione pacifica per la liberazione dei rifugiati senza il  pagamento del riscatto. Negli ultimi due anni abbiamo liberato 480 prigionieri dalle mani dei beduini. Lo Sheik tutti i venerdì parla alle famiglie dei beduini che hanno fatto prigionieri i profughi.  Dice loro che per il Corano e per la religione non è ammissibile fare violenza alle persone e non si può guadagnare sulla vita delle persone. Anche io che sono cristiana mi sono ritrovata nello stesso spirito.  Spirito di coraggio e di speranza. Lo Sheik mi protegge come se fossi sua sorella e difende la vita dei cristiani come se fossero suoi parenti.  Il dialogo, l’incontro tra persone di fedi diverse per difendere la vita dei poveri ci fa trovare uniti nello spirito. La preghiera accompagna sempre i miei viaggi e trovo la forza della fede nell’incontro con i rifugiati e nell’incontro con lo Sheik Mohamed. Oggi nel Sinai il fenomeno della tratta delle persone si è ridotto del 30%.  Credo che possiamo debellare totalmente questa piaga attraverso il lavoro collettivo, attraverso la preghiera, la fede e il Coraggio della Speranza. Ringrazio la Comunità di Sant’Egidio per aver organizzato questi giorni di preghiera e di speranza perché mi rinforzano nel mio percorso. Porterò la prossima settimana lo spirito di questi giorni allo Sceik Mohammed che invia i suoi saluti a tutti voi e particolarmente alla Comunità di Sant’Egidio.   

 

 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
3 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''


Le opere realizzate dagli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte della Comunità in mostra all'EX[de]PO' di Ostia. Tema di quest'anno la condizione di vita degli anziani.
2 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari


Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO
IT | ES | DE | FR | PT
2 Dicembre 2016

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue


Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
IT | EN | ES | FR | PT | ID

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri