Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - l'aiuto ...e a casa - rispetto...inazione contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Rispetto per l'autodeterminazione


 
versione stampabile

RISPETTO PER L'AUTODETERMINAZIONE

Genova

L'aiuto agli anziani perché possano rimanere a casa loro è un servizio di prevenzione dell'istituzionalizzazione attuato dalla Comunità di Sant'Egidio a partire dal 1988. Si propone di rispondere ai problemi di anziani che, per l'età avanzata, il ridotto grado di autonomia, la presenza di polipatologie, gli sfratti, i conflitti familiari e la povertà economica, presentano un alto rischio di ricovero in strutture geriatriche.

La carenza di servizi operanti sul territorio, quali l'assistenza domiciliare e le ridotte risorse sociali ed economiche di molti anziani rendono spesso difficile la permanenza nel proprio domicilio, quando sopraggiunge l'invalidità, la non autosufficienza fisica o psichica. Per molti l'unica risposta sembra essere il ricovero in istituto. Aiutare gli anziani a rimanere a casa propria, anche quando le forze declinano, è l'obiettivo fondamentale della Comunità. Per questo è stato attivato il servizio che raccoglie segnalazioni che pervengono alla comunità da parte di anziani, di loro congiunti, come da servizi pubblici (medici, ospedali, ass. sociali). Tali richieste sono orientate generalmente alla ricerca di soluzioni di appoggio presso il domicilio.

Dall'esperienza di servizio agli anziani maturata nella Comunità di Sant'Egidio è emersa la possibilità di prevenire l'istituzionalizzazione attraverso programmi personalizzati che mettano in comunicazione tutte le risorse sociali, fisiche ed economiche utilizzabili a vantaggio del singolo anziano, realizzando così, attraverso una concreta sinergia, un'alternativa all'istituto. Spesso è proprio la mancanza di prospettive diverse, di informazioni, di coordinamento oppure l'assenza di uno sforzo diretto ad attivare risorse già esistenti, a determinare l'istituzionalizzazione. Infatti in molte situazioni anche la semplice proposta di un aiuto minimo,  fa decidere l'anziano e i parenti per una soluzione diversa dall'istituto.

Roma
Spesso infatti i familiari non sanno come gestire la situazione di un anziano non autosufficiente a casa, soprattutto quando la non autosufficienza sopraggiunge repentinamente a seguito di un evento morboso (cadute e fratture, ictus celebrali etc.). Spesso non si sa a quali strutture rivolgersi, quali sussidi chiedere, quali servizi sono disponibili sul territorio.  E'  fondamentale l'esistenza di un punto di riferimento per l' anziano e la sua famiglia a cui rivolgersi per chiedere indicazioni e consigli. Dobbiamo a questo proposito ricordare che, molto spesso la famiglia degli anziani è composta anzitutto da altri anziani. Accanto ad un novantenne troviamo un coniuge avanti con l'età, o un figlio ultrasessantenne. Così la cura di un non autosufficiente spesso ricade su una persona che richiederebbe essa stessa aiuto.

Genova
Molto spesso le richieste di aiuto nascono da situazioni di solitudine esasperata, in cui l'anziano si sente sperduto, cerca un ricovero, non perché sia effettivamente necessario, ma perché non intravede altra soluzione che quella di una struttura "protetta". In molte situazioni in cui effettivamente la richiesta di ricovero è impropria, tendiamo a garantire all'anziano un punto di riferimento, che allevi la sua incertezza e la sua angoscia. Per fare solo un esempio, in questi ultimi dieci anni a Roma abbiamo aiutato esclusivamente attraverso un rapporto telefonico mensile circa 10.000 anziani. Questo ci consente di monitorare la loro condizione con continuità, di farli rimanere a casa loro il più a lungo possibile e di predisporre ulteriori interventi.

Nella maggior parte dei casi seguiti attraverso questo intervento è possibile, svolgere un'azione di raccordo tra servizi ed anziani, tra servizi e famiglie, offrire un aiuto concreto nell'organizzazione della vita quotidiana, integrare intervento pubblico e privato, rielaborare la domanda di ricovero in istituto, trasformandola spesso in una soluzione diversa, più accettabile per la famiglia a per l'anziano stesso. Nell'ultimo anno, ad esempio, sempre a Roma, su 860 segnalazioni del genere, pervenute alla Comunità, più della metà si sono risolte con la permanenza a casa dell'anziano. Per favorire questa permanenza è importante attivare e coordinare in rete tutte le risorse disponibili, che vanno dall'assistenza domiciliare del Comune, ai servizi di assistenza domiciliare extra ospedalieri (assistenza infermieristica e fisioterapica a domicilio), dal vicino di casa che aiuta al negoziante che si presta a portare la spesa a domicilio, dai conoscenti che lo visitano al controllo telefonico mediante impianti di telesicurezza, dalla richiesta di ausili e sussidi economici che gli enti locali erogano agli indigenti. Il nostro servizio ha una funzione catalizzatrice nel realizzare quella rete che l'anziano da solo non è in grado di attivare. D'altra parte anche molti che vogliono aiutare gli anziani spesso non sanno come fare.

Buenos Aires - Argentina

Sono tanti gli anziani che in questi anni siamo riusciti a mantenere nella Sono tanti gli anziani che in questi anni siamo riusciti a far restare nella loro casa e a reinserire pienamente nel contesto sociale. A Roma dal 1988 circa 12.000. Ma questo impegno è presente in ogni luogo dove la Comunità ha iniziato a vivere un'amicizia con gli anziani.

Quando non è possibile il ritorno o la permanenza nel proprio domicilio, l'alternativa alla mega istituzione si attua attraverso il ricovero in strutture più piccole e a carattere familiare, come possono essere le case-alloggio o istituti di piccole dimensioni, privilegiando anche, come criteri di scelta, la preferenza dell'anziano: la vicinanza al quartiere d'origine o ai propri familiari.

I più Anziani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Dicembre 2016
ITALIA

Terremoto: Sant'Egidio e Comune di Amatrice firmano un protocollo per sostenere gli anziani

IT | FR | PT
14 Dicembre 2016

Un'icona tattile per gli anziani ciechi: dal nostro blog ''Amici dei poveri''

10 Dicembre 2016

Oggi gran finale della mostra degli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte di Sant'Egidio. La premiazione

9 Dicembre 2016
OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia

7 Dicembre 2016
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC

IT | EN | ES | DE | FR | PT | NL | HU
3 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''

IT | DE | HU
tutte le news
• STAMPA
21 Dicembre 2016
Radio Vaticana

Sisma: anziani, protocollo tra Sant'Egidio e Comune di Amatrice

20 Dicembre 2016
SIR

Terremoto: Comunità Sant’Egidio, firmato protocollo a sostegno anziani

5 Dicembre 2016
Corriere della Sera

La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili

6 Novembre 2016
Würzburger katholisches Sonntagsblatt

Von Gott berührt

31 Ottobre 2016
La Nazione

Giubileo degli anziani e festa di Sant'Abramo in Santissima Annunziata a Firenze

17 Ottobre 2016
Il Mattino di Padova

Quella "cultura dello scarto" simbolo della nostra crisi

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Scheda sintetica del programma "W gli anziani"

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri

FOTO

542 visite

563 visite

554 visite

514 visite

504 visite
tutta i media correlati