change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - cracovia 2009 contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

'Ayudame a crecer': un corso per gli operatori delle Scuole della Pace dell'America Centrale

Di fronte all'emergenza caldo non dimentichiamo gli anziani: rompere l'isolamento sociale di chi resta nelle città

Le istituzioni siano sensibili, ma ogni cittadino può aiutare con gesti concreti

Aprire 'Strade di Pace' in un mondo segnato da troppi conflitti: presentato l'Incontro internazionale Paths of Peace

Marco Impagliazzo: ''Sarà il più importante evento per la pace dell'anno, un messaggio forte contro le guerre, le divisioni e i muri per ridare un'anima a Paesi e continenti in crisi''
22/08/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile
8 Settembre 2009 19:25 | Piazza del Mercato

APPELLO


Noi, uomini e donne di religioni differenti ci siamo dati appuntamento nell’antica città di Cracovia, in Polonia, a settanta anni dall’inizio della Seconda Guerra Mondiale: per pregare, per dialogare, per far crescere un umanesimo di pace. Rendiamo omaggio alla memoria di Giovanni Paolo II, figlio di questa terra. E’ stato maestro di dialogo e testimone tenace della santità della pace, capace di donare una visione in tempi difficili: lo spirito di Assisi.

Quello spirito ha soffiato in tanti cambiamenti pacifici del mondo. Così, nel 1989, vent’anni fa, la Polonia e l’Est europeo hanno ritrovato la loro libertà. Proprio nel settembre 1989, a Varsavia, uomini e donne di religione diversa, riuniti dalla Comunità di Sant’Egidio, hanno detto forte il loro amore per la pace: “Mai più la guerra!”. A quello spirito ci siamo mantenuti fedeli, nonostante che, negli anni trascorsi, troppi hanno creduto che la violenza e la guerra potessero risolvere i problemi e i conflitti del nostro mondo.

Spesso si è dimenticata l’amara lezione della Seconda Guerra Mondiale. Eppure è stata una immane tragedia della storia umana. Ci siamo recati pellegrini ad Auschwitz, consapevoli dell’abisso in cui l’umanità è scesa. Bisognava tornare in questo abisso del male per capire meglio il cuore della storia! Non si può dimenticare tanto dolore!

Bisogna guardare ai dolori del nostro mondo: i popoli in guerra, i poveri, l’orrore del terrorismo, le vittime dell’odio. Abbiamo ascoltato il grido dei tanti che soffrono. Interi popoli sono ostaggi della guerra e della povertà, tanti lasciano le loro case, tanti sono scomparsi e rapiti o vivono nell’insicurezza.

Il nostro mondo è disorientato dalla crisi di un mercato che si è creduto onnipotente, e da una globalizzazione spesso senz’anima e senza volto. La globalizzazione è un’occasione storica, anche se spesso si è preferito viverla in una logica di scontro di civiltà e di religione. Non c’è pace per il mondo, quando muore il dialogo tra i popoli. Nessun uomo, nessun popolo è un’isola!

Le nostre tradizioni religiose, nelle loro differenze, dicono assieme con forza che un mondo senza spirito non sarà mai umano. Esse indicano la via del ritorno a Dio, che è origine della pace.

Spirito e dialogo daranno animo a questo mondo globalizzato! Un mondo senza dialogo sarà schiavo dell’odio e della paura dell’altro. Le religioni non vogliono la guerra e non vogliono essere usate per la guerra. Parlare di guerra in nome di Dio è una bestemmia. Nessuna guerra è mai santa. L’umanità viene sempre sconfitta dalla violenza e dal terrore.

Spirito e dialogo indicano la via per vivere insieme in pace. Abbiamo scoperto con più chiarezza che il dialogo libera dalla paura e dalla diffidenza verso l’altro. E’ la grande alternativa alla guerra. Non indebolisce l’identità di nessuno e fa riscoprire il meglio di sé e dell’altro. Nulla è mai perduto con il dialogo. Il dialogo scrive la storia migliore, mentre lo scontro apre abissi. Il dialogo è l’arte del vivere insieme. Il dialogo è il dono che vogliamo fare al XXI secolo.

Ripartiamo allora dalla memoria della Seconda Guerra Mondiale, dalla profezia di Giovanni Paolo II, come pellegrini di pace, costruendo con pazienza e audacia una nuova stagione di dialogo, che unisca nella pace chi si odia e chi si ignora, tutti i popoli e tutti gli uomini. Conceda Dio al mondo intero, a ciascun uomo e a ciascuna donna il meraviglioso dono della pace!

Cracovia, 8 settembre 2009

 


Cracovia 2009

Il saluto di papa Benedetto XVI all'Angelus


{PROGRAMMA_BOX_PP}

Programma

Italiano - English - Polski


22/08/2017
Preghiera con Maria, madre del Signore

Preghiera ogni giorno